Animazione in CGI: i 10 migliori film di sempre

Quali sono i migliori 10 film d'animazione in Computer Grafica mai fatti? Scopritelo insieme a noi, tra grandi classici e cult per l'infanzia.

speciale Animazione in CGI: i 10 migliori film di sempre
Articolo a cura di

Scegliere i migliori 10 film d'animazione in CGI significa fare un salto nel 1995, quando per la prima volta gli spettatori videro la scritta Pixar presentare Toy Story: qualcosa che avrebbe cambiato la storia del cinema per sempre. Era il primo in assoluto a essere stato realizzato con immagini generate completamente al computer, e in molti avevano dubbi sul suo successo rispetto all'animazione tradizionale. Invece quel film permise di andare "verso l'infinito e oltre", comportando una rivoluzione ancora oggi in atto. Perciò andiamo a vedere assieme quali sono i migliori film d'animazione realizzati con questa tecnica.

L'era glaciale

Uscito nel 2002, diretto da Chris Wedge e basato sul racconto di Michael J. Wilson, L'era glaciale è un vero e proprio gioiello, un divertentissimo buddy movie che ha dato il via a una delle saghe animate più apprezzate di sempre.
Il pubblico rimase semplicemente estasiato dalle avventure del mammut Manfred, della tigre Diego e soprattutto dall'imbranato e imbarazzante bradipo Sid, che tra disastri, scontri e incomprensioni, diventavano una piccola famiglia.
Grazie a un'animazione stupenda e a una sceneggiatura che esaltava le tematiche della solitudine e della diversità, L'era glaciale diventò un grande successo e fu candidato all'Oscar come Miglior film d'animazione nel 2003.
Dimostrò che la CGI messa al servizio di una storia divertente e originale era davvero uno strumento meraviglioso, e ci donò, con il mitico scoiattolo Scrat, un vero e proprio monumento cinematografico alla sfortuna esistenziale.

Ratatouille

La Pixar realizzò nel 2007 Ratatouille per la Disney, bellissima e divertente storia ambientata nella Parigi anni '70, con protagonista un piccolo topo chiamato Remy, il cui sogno è diventare un grande chef.
Avrà molto successo, e con lui anche i membri di una sgangherata cucina, tra gag, incomprensioni e piatti indigesti.
Esteticamente di una raffinatezza che ha pochi pari, Ratatouille non è solo un film d'animazione elegante e divertente, ma anche uno dei migliori su cosa significhi essere un artista.
Omaggio al cinema che fu, a Parigi e all'arte culinaria, con una colonna sonora di Michael Giacchino meravigliosa, Ratatouille è un po' come il piatto da cui prende il nome: un film apparentemente semplice, ma che in realtà nasconde al suo interno sapori e atmosfere allo stesso tempo nostalgiche e nuove. Premio Oscar 2008 come Miglior film d'animazione.

Spider-Man - Un nuovo universo

Due anni fa i cinema di tutto il mondo sono stati travolti da questo "tornado cinematografico" diretto da Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman, basato sulla dimensione narrativa concepita da Dan Slott e Christos Cage nel 2014.
Protagonista di Spider-Man: Un Nuovo Universo è naturalmente lui, Spider-Man, o meglio diversi Spider-Man, provenienti da universi paralleli, tutti uniti nel combattere il famigerato Kingpin, deciso a viaggiare nelle altre realtà senza curarsi delle conseguenze.
Premio Oscar e Golden Globe come Miglior film d'animazione, da molti è considerato il miglior film mai fatto sull'Uomo Ragno.
Che sia vero o no, non si può certo negare che i 117 minuti siano una vera e propria opera d'arte visiva, divertente, piena di azione, ma anche particolarmente originale nella sceneggiatura e soprattutto nei personaggi: forse il film più vicino a un fumetto che si sia mai visto.

Alla ricerca di Nemo

Alla ricerca di Nemo, premiato con l'Oscar come Miglior film d'animazione, ha sancito un'importante svolta dal punto di vista tecnico e tematico per l'animazione CGI.
Nessuno prima di allora aveva mai mostrato il mare in modo così colorato, connettendolo ai temi della disabilità e appartenenza, diversità e accettazione.
L'antropomorfismo animato qui raggiunse il suo apice, con divertentissime gag e siparietti, che donarono all'insieme un ritmo perfetto, ma anche rendendo la tragedia dei nostri mari e delle creature che lo abitano incredibilmente palpabile.
Alla Ricerca di Nemo è anche uno dei film d'animazione che ha saputo meglio narrare la complessità della figura paterna, spostando per una volta l'attenzione sui "grandi", con Marlin alla ricerca del suo Nemo, figlio parzialmente disabile ma dal grande cuore. Un'opera di profondo rinnovamento, da ogni punto di vista.

Up

Up ha un incipit tra i più profondi e sconvolgenti mai visti in un film d'animazione. Ma se l'opera di Pete Docter e Bob Peterson è passata alla storia, non è solo per quella struggente storia di un matrimonio, ma per l'incredibile passo in avanti che ha significato per il genere.
Primo film a utilizzare il formato digitale tridimensionale Disney Digital 3-D, ha una sceneggiatura che ancora oggi sorprende, visto che il protagonista del film era il vecchio e arcigno Carl, 78enne vedovo dal carattere scontroso.
Le vicissitudini a fianco del piccolo boyscout Russell, del cane Dug e dello struzzo Kevin, lo porteranno non solo a riscoprire il suo amore per l'avventura, ma a sorridere di nuovo alla vita.
Divertente ma soprattutto riflessivo, Up è stato candidato a ben cinque Premi Oscar, vincendo quello per Miglior film d'animazione e Colonna sonora. Da sottolineare la candidatura a Miglior film, fatto che non si verificava dai tempi di un capolavoro come La Bella e la bestia.

WALL-E

Senza dubbio uno dei film d'animazione più coraggiosi e creativi di sempre. Protagonista, in un futuro post-apocalittico in cui la Terra è stata abbandonata e ridotta a un'immensa discarica, è WALL-E, piccolo robot deputato a compattare e riordinare i rifiuti, come migliaia di suoi simili, di cui però è l'unico rimasto in funzione.
Dopo 700 anni di lavoro, ha sviluppato una sua personalità, sentimenti, persino hobby... ma è solo, irrimediabilmente solo. Fino a quando a sconvolgergli la vita arriva in visita EVE, sonda femminile che è deputata a cercare forme di vita sulla Terra.
Film molto autoriale, WALL-E mostra il fallimento del consumismo e si collega a una sterminata cinematografia: dai film muti di Charlie Chaplin e Buster Keaton a Corto circuito, da Occhi bianchi sul pianeta Terra a E.T., ma senza rinunciare a tenerezza e comicità. Innovativo dal punto di vista tecnico in modo stupefacente, il film (ennesimo Premio Oscar nella categoria) è anche molto romantico e toccante.

Inside Out

Sicuramente tra i film d'animazione graficamente più rivoluzionari, ha l'incredibile capacità di guidare lo spettatore in un viaggio dentro la psiche umana.
La storia della piccola Riley, alle prese con i problemi della pre-adolescenza, con i genitori che non la capiscono, balzi d'umore e depressione, diventa una grande avventura dentro le emozioni, la loro incredibile capacità di modificare il passato, come viviamo il presente e cosa saremo in futuro.
Premiato con l'Oscar come Miglior film d'animazione, Inside Out fu il frutto di ricerche e studi approfonditi sulla psiche, sulle emozioni, qui mostrate nella loro interezza e complessità, adattandole all'età dei vari personaggi e facendo capire in modo perfetto il loro ruolo nella crescita e nello sviluppo dell'individuo.
Film ambizioso ma che non rinnega mai la propria vena umoristica, si collega in modo visivo e narrativo alla psichedelia del mondo di Lewis Caroll.

Toy Story 3 - La Grande Fuga

Toy Story 3 ci fa ritrovare Woody, Buzz e gli altri alle prese con un bel problema: Andy ha ormai l'età per andare al college, ma è deciso a conservare i suoi vecchi amici d'infanzia. Per un tremendo disguido durante il trasloco si ritrovano però separati dal loro amato proprietario, e in breve preda di giocattoli tirannici, bimbi distruttivi e sopratutto della paura di essere ormai senza più uno scopo e un futuro.
Film meraviglioso per tematiche e atmosfere, ha al centro due concetti fondamentali: quello della perdita e della fine dell'infanzia, tanto inevitabile quanto spesso sconvolgente. Gran parte della critica ha sottolineato quanto il film, più che per bambini, sia per gli adulti che erano piccoli nel 1995. Oscar per Miglior film d'animazione e Miglior canzone, ma anche una strameritatissima nomination a Miglior film.

Shrek

Prima pellicola a vincere l'Oscar come Miglior film d'animazione, Shrek ha cambiato tutto, o quasi. Decostruzione di gran parte dei topoi tipici delle fiabe e anche dei classici Disney, ha sicuramente il merito di aver aperto gli occhi su quanto molti dei cosiddetti "classici" fossero ormai fuori dal tempo e dallo spazio.
L'eroe non è più un Principe ma l'orco Shrek, pacifico e solitario essere, costretto (per fortuna o sfortuna) a interagire con quel mondo esterno che lo giudica un pericolo solo per il suo aspetto.
Le sue avventure, assieme a Ciuchino, Fiona e tutti gli altri personaggi delle fiabe, diventarono fenomeno globale, sdoganamento di un umorismo collegato alla commedia demenziale statunitense, pieno di citazioni azzeccatissime.
Buddy comedy dissacrante ma profonda sulla tematica del razzismo e della discriminazione, fu anche un film schierato in modo molto "proletario" verso la massa e contro il concetto di élite illuminata così caro al mondo Disney.

Toy Story

A fine lista non poteva che esserci il film di John Lasseter, il primo di una saga tra le più importanti della storia del cinema (non solo d'animazione), film in CGI che ha segnato una svolta senza precedenti.
Le avventure di Woody, la rivalità poi diventata grande amicizia con il Ranger Spaziale Buzz, la paura dell'abbandono, le peripezie per tornare dal padroncino Andy, nascondevano un complesso iter sulla paura del diverso, la gelosia e l'incapacità di accettare gli altri.
Legato in modo profondo a Pirandello, Goldoni e Oscar Wilde, Toy Story propose il concetto di film animato più connesso a problematiche reali, creando un nuovo punto di riferimento per i film per famiglie.
Candidato a ben tre Oscar (tra cui Miglior sceneggiatura) fu premiato anche con lo Special Achievement Award, in riconoscimento dell'enorme rivoluzione tecnologica e concettuale che aveva portato alla Settima arte.

Che voto dai a: Toy Story 4

Media Voto Utenti
Voti: 44
8.1
nd