Animali Fantastici 3, Mads Mikkelsen e il ruolo vacante di Grindelwald

L'interprete di Rogue One e Un altro giro è forse l'interprete perfetto per sostituire Johnny Depp nel ruolo del villain del franchise Warner Bros.

Animali Fantastici 3, Mads Mikkelsen e il ruolo vacante di Grindelwald
Articolo a cura di

Il processo per diffamazione intentato da Johnny Depp ai danni del The Sun, e lateralmente all'ex-moglie Amber Heard, si è risolto in primo appello a beneficio del tabloid britannico. I giudici si sono infatti espressi a favore del quotidiano inglese, sostenendo la posizione della difesa e rispendendo al mittente le accuse, che sarebbero potute costare al giornale la bellezza di 50 milioni di dollari di risarcimento. Probabilmente Depp tornerà all'attacco con i suoi legali, facendo ricorso, eppure a seguito della sentenza la star ha già dovuto pagare lo scotto più grande, rinunciando ufficialmente per richiesta diretta di Warner Bros. al ruolo di Gellert Grindelwald nel franchise di Animali Fantastici.

Il terzo capitolo della saga cinematografica scritta da J.K. Rowling (anche lei tra le polemiche a causa delle sue posizioni transfobiche e TERF) e diretta da David Yates era già in un momento di stallo a causa del blocco della produzione dovuto alla Pandemia da Coronavirus, e questa ulteriore problematica (bisogna ammetterlo, evitabile) ha spinto lo studio a posticiparne ulteriormente l'uscita di un anno. Il motivo è ovviamente la centralità del personaggio di Grindelwald nell'economia del franchise, ruolo per cui è già in corso un recasting nel mentre di un polverone social scatenato dai fan di Depp, che proprio non ci stanno a quello che definiscono "un licenziamento ingiusto e doloroso". Sorvolando comunque sulla questione in sé, in queste righe vogliamo provare a spiegarvi perché a nostro avviso ci sia un attore in particolare perfetto per la parte di Grindelwald. E quell'interprete è il grande Mads Mikkelsen.

Fascino e carisma est europei

Il personaggio del Mago Oscuro in Animali Fantastici è stato due anni fa motivo di rinascita per Johnny Depp, che già da un anno e mezzo lottava pubblicamente e privatamente contro le accuse di abusi domestici mossegli contro da Amber Heard. Un tran tran mediatico che perdura ancora oggi proprio per l'altisonante nome dell'interprete di Jack Sparrow e Sweeney Todd, che dopo l'ottimo riscontro di critica e pubblico a seguito della sua performance nei panni di Grindelwald sembrava aver ritrovato un certo equilibrio qualitativo (seguito anche da Waiting for the Barbarians e Minamata).
La sentenza gli ha però sottratto questa seconda possibilità, lasciando la parte vacante e pronta a essere occupata da un nuovo attore. Recentemente The Wrap ha provato a stilare una lista delle star che sarebbero adatte (ognuna a modo proprio) a recitare nel ruolo, e oltre alla provocatoria presenza di Tilda Swinton o al possibile ritorno di Colin Farrell (che ha già negato un suo secondo coinvolgimento), il sito ha introdotto nella sua short list anche l'ottimo Mads Mikkelsen, forse l'interprete più versatile e appropriato a stringere tra le mani la bacchetta del Mago Oscuro.

In primo luogo c'è la sua bravura a renderlo una scelta proporzionata al necessario carisma e al fascino misterioso di Grindelwald. Mikkelsen è un attore che ha spaziato molto tra i generi e tra i ruoli, calandosi sempre magnificamente nelle anime tormentate o sofisticate dei suoi personaggi.

Da Pusher a Bleeder e fino a Valhalla Rising - storiche e iniziali collaborazioni con Nicolas Winding Refn -, la star ha saputo plasmare personalità e fisicità dei protagonisti su di una metrica interpretativa raffinata, riempiendo anche numerosi silenzi con la sua grande e rinomata espressività. Non un vero e proprio caratterista ma in grado di abbracciare a tutto tondo l'essenza unica dei personaggi, tirandone fuori con disinvolta bravura ogni contraddizione pregiata o viziosa, che si tratti di una grande irascibilità o di una delicatezza nascosta nei meandri di un'emozione che spaventa.

In Casino Royale ci ha stregato con la sua ricercata interpretazione di Le Chiffre, guadagnandosi un meritato posto fra i migliori villain della saga di 007, sicuramente tra i più particolareggiati senza troppa esasperazione, costruito intorno a una genuina complessità che Mikkelsen ha reso facile e persino seducente. Le sue più grandi performance, comunque, arrivano dalle due collaborazioni con Thomas Vinterberg, nel bellissimo Il Sospetto e nell'ultimo e straordinario Un altro giro, film in cui ha intrappolato nel suo protagonista ogni cifra passionale dell'essere umano, sfumandolo con ebbra eleganza.

Al netto di tutte queste qualità recitative, Mads Mikkelsen sarebbe un grandioso Grindelwald anche per le sue origini danesi, dunque est europee, e un physique-du-role preciso, inquadrato per la parte. Sarebbe per lui un'immancabile occasione di farsi amare e conoscere di più dal pubblico mainstream, che ha già avuto modo di apprezzarlo in Doctor Strange - ma non al suo massimo - e sul lato videoludico in Death Stranding di Hideo Kojima. Warner Bros. non dovrebbe lasciarsi sfuggire una simile possibilità, considerando pure una certa disponibilità dall'attore a partecipare a grandi produzioni hollywoodiane, spaziando così tra cinema autoriale internazionale e blockbuster. Speriamo non resti un rimpianto.

Quanto attendi: Animali Fantastici 3

Hype
Hype totali: 36
65%
nd