Animali Fantastici 2 e le incongruenze con la saga di Harry Potter

Non è la sceneggiatura confusionaria del film a preoccupare i fan quanto le incongruenze con la saga originale. Ecco quali sono.

speciale Animali Fantastici 2 e le incongruenze con la saga di Harry Potter
Articolo a cura di

A due anni di distanza dal primo film, Animali fantastici: i crimini di Grindelwald è finalmente arrivato al cinema. Le reazioni di critica e pubblico però non sono state particolarmente calorose: come si può leggere anche nella nostra recensione, questo è un film di transizione in cui succede poco o nulla, con troppi personaggi e una trama confusionaria e piuttosto debole che sembra non voler andare da nessuna parte.
Più che sulla sceneggiatura sconclusionata (scritta dalla stessa Rowling) o su altri dettagli tecnici, però, i fan di vecchia data di Harry Potter si stanno concentrando sui nuovi collegamenti tra la saga di Animali Fantastici e quella originale. O meglio, si stanno focalizzando sulle incongruenze che questi collegamenti creano con la saga.
Tra errori cronologici e camei di personaggi che ancora non dovrebbero essere nemmeno nati, infatti, di queste incongruenze ce ne sono un po', e noi di Everyeye abbiamo deciso di raccoglierle e analizzarle meglio in questo articolo che, attenzione!, contiene inevitabili spoiler su Animali fantastici: I Crimini di Grindelwald.

Quanti anni ha la professoressa McGranitt?

Professoressa di Trasfigurazione e vicepreside di Hogwarts nonché direttrice di Grifondoro, membro dell'Ordine della Fenice e animagus: Minerva McGranitt è uno dei personaggi secondari più amati dai fan della saga di Harry Potter, e sia nei libri che nei film appare evidente che sia una strega eccezionale e dal talento straordinario. Così eccezionale da insegnare a Hogwarts ancora prima di nascere, a quanto pare. Sta facendo molto discutere infatti il suo cameo in Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, dove la vediamo in veste di insegnante non solo nel 1927, anno in cui è ambientato il film, ma anche durante un flashback sugli anni di scuola di Leta (Zoë Kravitz) e Newt (Eddie Redmayne), quindi indicativamente negli anni Dieci.
Non ci sarebbe niente di male in questo cameo fanservice, non fosse che contraddice non solo la saga originale, ma persino la stessa biografia della McGranitt scritta dalla Rowling e pubblicata su Pottermore. Se nei film non vengono mai date indicazioni cronologiche precise sulla vita e la carriera della McGranitt, nei libri invece abbiamo un indizio ben preciso: in Harry Potter e l'Ordine della Fenice infatti è lei stessa a dire che insegna a Hogwarts da "trentanove anni il prossimo dicembre". Considerando che il libro è ambientato nel 1995, questo significa che la McGranitt ha iniziato a insegnare a Hogwarts nel 1956, cioè quasi trent'anni dopo gli eventi di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald.
La biografia consultabile su Pottermore aggiunge altri dettagli, informandoci che la McGranitt ha iniziato a insegnare che era ancora molto giovane, dopo aver lavorato per due anni al Ministero subito dopo il diploma. Non ci sono date precise, ma le informazioni in nostro possesso bastano per collocare la sua data di nascita intorno al 1935, mese più mese meno.
1935, cioè otto anni dopo gli eventi di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald. E la Rowling non ha distrattamente approvato il copione senza badare a certi calcoli: l'ha scritto lei, decidendo consapevolmente di stravolgere la cronologia che lei stessa ha creato per un momento di puro fanservice (che non ha nemmeno soddisfatto i fan, comprensibilmente rimasti spiazzati dall'errore).

Silente: professore multitasking

Nei libri ci viene ripetuto più volte: prima di diventare preside, Silente insegnava Trasfigurazione. In Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, però, lo ritroviamo come insegnante di Difesa contro le arti oscure. Alcuni fan avevano già fatto notare questa (apparente) incongruenza dopo la diffusione del primo trailer, anche se in realtà nei libri scopriamo che è possibile per un docente cambiare cattedra (nel sesto libro/film, Piton diventa insegnante di Difesa).
Poteva quindi essere plausibile che Silente avesse brevemente insegnato Difesa prima di passare a Trasfigurazione, o ancora che in quella scena stesse semplicemente facendo supplenza (in Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Piton sostituisce Lupin a lezione quando quest'ultimo sta male per via del plenilunio).

In effetti, nel film una spiegazione ci viene data: a Silente viene proibito di poter continuare a insegnare Difesa, il che spiega poi il suo passaggio a Trasfigurazione. C'è solo un piccolo problema: di nuovo, la biografia della McGranitt su Pottermore ci dice un'altra cosa. Lì infatti leggiamo che la McGranitt ha avuto proprio Silente come insegnante di Trasfigurazione e che anzi è stato addirittura lui a insegnarle l'animagia. Quindi, anche ammesso di poter cambiare alcune date nella biografia della McGranitt, in ogni caso gli eventi non tornano.

Il patto di sangue e la morte di Ariana

Il patto di sangue che impedisce a Silente e Grindelwald di combattersi è un'incongruenza con la saga originale? Non per forza, ma resta comunque un elemento molto insidioso della trama di questa nuova saga. Chi ha solo visto i film non può saperlo, ma chi ha letto i libri conosce bene la storia di Ariana Silente, sorella minore di Albus e Aberforth.
In Harry Potter e i doni della morte scopriamo che a sei anni Ariana viene aggredita da tre ragazzi babbani che l'hanno vista usare i suoi poteri. Il profondo trauma la porta a reprimere la sua magia, che a volte però esplode incontrollata con risultati micidiali (la madre Kendra muore per via di uno di questi scatti). Un po' come succede a Credence, e infatti tutto sembra indicare che anche Ariana fosse una obscuriale.

Il suo destino però è più tragico rispetto a quello di Credence: muore a quattordici anni, durante uno scontro tra Aberforth, Albus e Grindelwald. Nell'ultimo libro leggiamo infatti che Aberforth affronta entrambi per ricordare al fratello le sue responsabilità nei confronti della sorellina, e Grindelwald per tutta risposta attacca Aberforth con la maledizione Cruciatus.
Silente si mette in mezzo per proteggere il fratello, aprendo finalmente gli occhi sulla vera natura di Grindelwald, e nello scontro a tre Ariana resta uccisa. A quel punto Grindelwald fugge, lasciando Albus con un profondo senso di colpa che lo tormenterà per sempre, impedendogli di affrontare il vecchio compagno per anni, per paura di scoprire di essere stato lui a scagliare l'incanto fatale.
Come si colloca quindi il patto di sangue in questo scenario? È evidente che Silente e Grindelwald debbano averlo stretto prima di quel fatidico scontro ma, se il patto stesso impedisce loro di affrontarsi, come hanno potuto scontrarsi?
L'unico modo per non rendere il patto di sangue una gigantesca incongruenza è che non impedisca fisicamente di levare la bacchetta ma si limiti a deviare gli incanti - il che renderebbe il duello Aberforth/Albus/Grindelwald ancora più caotico, e la morte di Ariana persino più coerente.

Aurelius Silente? No grazie

Veniamo alla grande rivelazione finale del film: stando a Grindelwald, Credence sarebbe Aurelius Silente, un misterioso fratello di Albus mai nominato prima. In tantissimi parlano di incongruenza, e in effetti bastano due rapidi calcoli per capire che qualcosa non torna: Kendra Silente è morta troppo presto per essere la madre di Credence/Aurelius, e Percival Silente è morto ad Azkaban, dove è altamente improbabile - se non addirittura impossibile - che abbia anche solo avuto modo di interagire con altri detenuti, figurarsi poi metterne incinta una. Anche in questo caso poi le date non tornerebbero, ma è anche vero che la Rowling ci ha appena dimostrato di non badare poi troppo alla sua stessa cronologia.
Forse però possiamo evitare di arrovellarci su date e alberi genealogici, perché non è detto che Credence sia davvero un Silente. In Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald si vede bene come quest'ultimo sappia manipolare il prossimo per i suoi scopi, arrivando a far passare gli auror per i cattivi della situazione per ingraziarsi nuovi sostenitori.
Il suo fine ultimo era ottenere un obscuriale come arma per il suo esercito, e del resto Credence era alla disperata ricerca di un'identità e di accettazione: era facile quindi ottenere la sua fedeltà rivelandogli le sue (presunte) origini, ancora più semplice poi sfruttare la sua vulnerabilità per metterlo contro l'unico mago che Grindelwald tema, cioè Silente.
Forse quindi tra Credence e Silente non c'è alcun legame, o magari il suo obscurus è quello di Ariana, e alla sua morte ha solo cambiato ospite (il che potrebbe anche giustificare l'arrivo della fenice, che "sente" la magia di Ariana in Credence). Sono solo teorie, ma una rondine non fa primavera e una fenice non fa un Silente: intanto noi abbiamo altri due anni per fare ipotesi e supposizioni, sperando in un terzo film migliore de I Crimini di Grindelwald. E con meno incongruenze.

Che voto dai a: Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald

Media Voto Utenti
Voti: 60
7.2
nd