Netflix

5 novità su Netflix, da Highwaymen a Durante la tormenta

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati nelle ultime settimane nel catalogo Netflix, da Unicorn Store a Bayoneta.

speciale 5 novità su Netflix, da Highwaymen a Durante la tormenta
Articolo a cura di

Ben quattro produzioni originali/esclusive Netflix sono al centro del nostro ricorrente speciale dedicato alle novità da poco disponibili sulla piattaforma di streaming. Tra gli arrivi delle ultime settimane segnaliamo infatti in quest'occasione l'atteso poliziesco Highwaymen - L'ultima imboscata, nel quale Kevin Costner e Woody Harrelson danno la caccia alla coppia di rapinatori Bonnie e Clyde, l'intenso thriller sci-fi Durante la tormenta, incentrato sui paradossi temporali, la commedia visionaria Unicorn Store, esordio alla regia dell'attrice premio Oscar Brie Larson e il dramma pugilistico Bayoneta. A completare la canonica cinquina The Cube - Il cubo, cult horror/sci-fi firmato nel 1997 da Vincenzo Natali.

Durante la tormenta

Il 9 novembre 1989 Nico è un bambino di 12 anni che realizza dei filmini in cui si riprende mentre suona. Quella sera, mentre le condizioni climatiche stanno peggiorando per via dell'arrivo di una tempesta, il ragazzino rimane solo in casa e all'improvviso sente degli strani rumori provenire dall'appartamento dei vicini.
Intrufolatosi di nascosto per scoprire quanto stia accadendo, Nico trova stesa sul pavimento a piano terra la signora Weiss, con il marito armato di coltello che sta scendendo le scale. Preso dal panico, il piccolo fugge in strada venendo investito mortalmente da una macchina di passaggio.

Venticinque anni dopo ha luogo un altro fenomeno meteorologico che, secondo gli esperti, ricorda in maniera impressionante quello di due decadi e mezzo prima, con la casa dove abitavano Nico e sua madre, da poco acquistata da un'altra famiglia composta da Vera, suo marito David e la piccola figlia Gloria. I nuovi occupanti si imbattono in un vecchio televisore, nei filmati girati tempo addietro da Nico, e grande è la sorpresa quando l'apparecchio catodico inizia a trasmettere un Tg sulla caduta del muro di Berlino, per di più tramite un segnale analogico ormai non più esistente.

La notte successiva Vera si sveglia di colpo per un'improvvisa accensione della TV e scopre di poter comunicare direttamente con Nico, del quale nel frattempo ha conosciuto il tragico destino; tenta così di avvertirlo sulla sorte a cui andrà incontro, ma il suo consiglio modificherà ogni cosa per entrambi...
Dopo l'ispirato thriller Contrattempo (2016), il regista spagnolo Orion Paulo adatta le regole di una suspense chirurgica a una vicenda dai connotati fantastici, in cui la logica dei paradossi diventa elemento determinante nella risoluzione di segreti e tradimenti inaspettati. Un film capace di attrarre diversi tipi di pubblico, ricco di colpi di scena e ottimamente interpretato dall'eterogeneo cast, per due ore di grandi emozioni.

Bayoneta

Miguel Galindez è un pugile di origini messicane che ha avuto una certa fama in gioventù, vincendo in patria incontri su incontri e ottenendo il soprannome di Bayoneta. Il trionfo però è solo un lontano ricordo del passato e, in seguito a un match che è costato la vita all'avversario, il protagonista ha deciso di ritirarsi, scegliendo esclusivamente di allenare nuovi atleti.
Miguel ha così abbandonato moglie e figlia e si è trasferito in Finlandia in compagnia del suo mentore per ricominciare da zero e mettere le sue conoscenze al servizio di talenti emergenti. L'uomo però sembra non essersi mai ripreso dallo shock, con quel mix di rimorsi e rimpianti che gli impedisce di guardare con serenità al futuro.

Le cose sembrano mettersi sulla giusta carreggiata quando incontra una bella barista locale, la bionda Sarita, e decide di tornare a lottare sul ring per guadagnare un po' di soldi e provare a riallacciare i rapporti con la figlia Yovana, nel frattempo diventata un'adolescente. Non tutto però andrà come previsto...
Un dramma a sfondo agonistico che gioca sui contrasti, non solo climatici ma anche emotivi all'interno dello stesso protagonista: pur con qualche suggestivo sviluppo narrativo, e un paio di sortite visionarie, l'operazione soffre però di una monotonia e di caratterizzazioni appena abbozzate che si rivelano prive della necessaria forza empatica.

Highwaymen - L'ultima imboscata

Siamo negli Stati Uniti degli anni '30, Frank Hamer è un poliziotto texano in pensione dal trascorso burrascoso, col curriculum pieno di riconoscimenti e storie da raccontare che però nessuno ormai vuole più ascoltare: la società sta cambiando, i tempi si stanno evolvendo, i Texas Ranger (corpo del quale aveva contribuito a forgiare il mito) non sono più contemplati fra le divisioni della polizia, perché la governatrice Ma Ferguson sta cercando di dare una ventata d'aria fresca a uno Stato dilaniato dalla crisi economica.

Ormai disilluso e amareggiato dalla vita, nonostante la compagnia della dura ma amorevole moglie Gladys, Frank ha l'occasione di tornare a lavoro quando riceve l'incarico di rintracciare ed eliminare i fuggitivi di cui tutti i giornali e i programmi radiofonici stanno parlando, Bonnie e Clyde.
John Lee Hancock dirige un cast delle grandi occasioni (oltre ai protagonisti Kevin Costner e Woody Harrelson, anche Kathy Bates, John Carroll Lynch e Kim Dickens) per ripercorrere la vicenda dei leggendari rapinatori Bonnie e Clyde dall'ottica degli agenti che gli diedero la caccia. Il risultato è solido quanto basta, che intrattiene tra toni malinconici e buone dinamiche di genere per le sue due ore di visione.

Cube - Il cubo

Cinque perfetti sconosciuti si risvegliano in una stanza cubica, senza alcun ricordo di come esservi giunti. Quentin è un poliziotto divorziato, Rennes un carcerato esperto di evasioni, Holloway una donna medico senza famiglia, Worth un taciturno e nichilista architetto e Leaven una giovane studentessa.
Il variegato gruppo cerca di trovare un modo per uscire dalla struttura, tramite dei pannelli collegati a ogni parete della stanza che conducono ad ambienti simili: in alcuni di questi però sono state installate delle trappole letali. Il primo a farne le spese è Rennes, che muore tra atroci sofferenze per un getto d'acido in pieno volto. Leaven, studiando i numeri nascosti dietro ogni pannello, ritiene che soltanto le direzioni che riportano numeri primi siano quelle sicure per una possibile via di fuga e inizialmente l'idea dà i suoi frutti.

Al gruppo di superstiti si aggiungerà ben presto Kazan, un ragazzo con evidente disagio mentale anch'egli vittima di questa folle e oscura macchinazione. Tra i classici della sci-fi anni '90, il film di Vincenzo Natali è ancor oggi un cult venerato da milioni di appassionati: un'opera raffinata e ad alto tasso tensivo che si offre quale specchio filosofico delle interazioni sociali attraverso i canoni di genere. La limitata e claustrofobica ambientazione diventa così un luogo di infinita resa dei conti tra l'uomo e le sue peggiori paure.

Unicorn Store

Kit è una giovane donna rimasta ancorata ai suoi sogni da bambina. La ragazza ha sempre avuto l'ambizione di sfondare nel mondo dell'arte, ma le sue opere non hanno mai ottenuto riconoscimenti da parte della critica e in più soffre per il confronto con i coetanei, già con una posizione stabile nell'ambito professionale.
Da un giorno all'altro la donna decide così di dare una svolta alla propria esistenza e accetta un posto da semplice impiegata in un'agenzia interinale, dove attira sin da subito le attenzioni del vice-presidente, il piacente e "provolone" Gary.

La giovane, poco tempo dopo essere stata assunta, riceve una lettera da un misterioso venditore che la invita all'Emporio, un particolare negozio specializzato nella vendita di unicorni. Qui l'uomo le spiega le varie regole da seguire per condurre alla materializzazione della creatura fantastica e questa chiede aiuto a un giovane operaio, Virgil, affinché le dia una mano fondamentale nel completare l'impresa.
Brie Larson esordisce dietro la macchina da presa, riservandosi anche il ruolo di protagonista, in questa commedia che guarda ai toni visionario del primo Michel Gondry, pur senza possederne la stessa personalità. Una vicenda gradevole che rischia a tratti di cedere ai luoghi comuni, impreziosita dalle performance del cast in cui è presente anche Samuel L. Jackson nel ruolo del bizzarro venditore.