5 novità a Maggio su Amazon Prime Video, da Suspiria a Passengers

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati nelle ultime settimane su Amazon Prime Video, da Sleuth - Gli insospettabili a Plus One.

speciale 5 novità a Maggio su Amazon Prime Video, da Suspiria a Passengers
Articolo a cura di

Remake d'autore di classici dell'horror, love-story in contesti fantascientifici, racconti adolescenziali alle prese con paradossi temporali, revenge-western che vedono opposti sudisti e nordisti e moderne versioni di cult passati. Nuovo appuntamento con le uscite nel catalogo di Amazon Prime Video e rinnovato viaggio tra i generi: in quest'occasione andiamo a parlare dell'atteso Suspiria firmato da Luca Guadagnino, che si rifà al film di Dario Argento con il suo stile autoriale, di Sleuth - Gli insospettabili, rifacimento a opera di Kenneth Branagh del thriller anni '70, del western Caccia spietata con protagonisti Liam Neeson e Pierce Brosnan, dello sci-fi romantico Passengers (con Chris Pratt e Jennifer Lawrence) e dello psichedelico Plus One, teen-drama contaminato da gustose venature fantastiche e horror.

Passengers

Jennifer Lawrence e Chris Pratt sono i protagonisti di un'avventura ad alto rischio, nei panni di due passeggeri, Aurora e Jim, a bordo di un'astronave che li trasporta verso una nuova vita su un lontano pianeta. Il viaggio prende una svolta mortale quando le loro capsule di mantenimento li svegliano, misteriosamente, 90 anni prima di arrivare a destinazione.
Mentre cercano di capire perché le capsule si sono guastate, scoprono che la nave stessa è in grave pericolo. Con le 5000 vite dei rimanenti passeggeri in ballo, solo Jim e Aurora possono sperare di salvarli.

Non è certo un film perfetto Passengers, incursione sci-fi del regista norvegese Morten Tyldum (autore del poco conosciuto Headhunters e candidato all'Oscar per The Imitation Game), ma all'interno delle sue due ore di visione contiene buoni spunti.
La pellicola vive in una sorta di ambientazione sospesa, con dramma e romanticismo che ben si ibridano al sottotesto fantascientifico e, anche al netto di una narrazione disomogenea e non priva di qualche tempo morto, le emozioni - seppur facili - non tardano ad arrivare. Merito anche delle intense performance dei due protagonisti, perfettamente a loro agio in ruoli complementari e in una love-story speziata di sensi di colpa ed erotismo.

Plus One

In seguito a un equivoco, il giovane David si trova a baciare una ragazza pensando che sia la sua fidanzata. Colto in flagrante però proprio da Jill, la sua compagna, viene infine lasciato da quest'ultima. L'occasione per il giovane di farsi perdonare si presenta a una popolosa festa organizzata da un suo amico, nel quale il ragazzo ha intenzione di tentare il tutto per tutto pur di riconquistare l'amata.
Proprio quella sera però un meteorite cade in città e inizia a provocare degli strani fenomeni: dei veri e propri doppi, identici, di tutti i partecipanti al party cominciano a materializzarsi, come se un loop temporale avesse fatto coincidere le diverse realtà del presente e del passato. Ora David e i suoi amici devono comprendere cosa stia accadendo e tentare di cambiare in meglio i loro rispettivi futuri.

Guarda al miglior cinema di Gregg Araki questo film del regista greco Denis Iliadis, autore in precedenza del remake de L'ultima casa a sinistra (2009), ma come tutte le opere citazioniste perde per strada la genialità del prototipo.
Plus One rimane ad ogni modo un gradevole sci-fi a sfondo giovanile, ricco di colpi di scena e significati più profondi analizzati attraverso il tema dei paradossi temporali e con un finale inaspettatamente violento. La colonna sonora dance e la messa in scena "moderna" hanno comunque un certo impatto sul progetto, tanto da averlo fatto diventare un piccolo cult.

Suspiria

La danzatrice americana Susie Bannion arriva a Berlino negli anni '70, piena di sogni e ambizioni, con la speranza di far parte della rinomata Compagnia di Danza Helena Markos. Già dalla prima prova, Susie fa colpo sulla famosa coreografa Madame Blanc, ottenendo il ruolo di prima ballerina.
La sua compagna Olga ha ben presto un crollo emotivo e accusa le "Madri" che dirigono la compagnia di essere delle streghe. Prima che possa fuggire, viene catturata e torturata da un'entità misteriosa, collegata in qualche modo alla danza di Susie. Durante le prove per l'esibizione finale "Volk", Susie e Madame Blanc si avvicinano sempre di più, cosa che rivela come l'interesse di Susie per la compagnia vada oltre l'arte.

Nel frattempo un anziano psicoterapeuta, il dottor Klemperer, tenta di scoprire i segreti più oscuri della compagnia con l'aiuto di Sara, un'altra ballerina, che esplora i sotterranei dell'edificio dove l'attendono atroci verità.
Il remake del cult di Dario Argento diretto da Luca Guadagnino vede nel cast Tilda Swinton, Dakota Johnson, Chloë Grace Moretz e Mia Goth. Un'opera che al contempo si discosta e omaggia l'originale, qui rivisitato attraverso il suggestivo tocco autoriale del regista italiano, che non ha paura di osare su territori scomodi e di diluire la narrazione nella corposa durata di due ore e mezza, trovando adeguato supporto dai talentuosi interpreti.

Sleuth - Gli insospettabili

Andrew Wyke è un anziano scrittore di romanzi polizieschi che vive nell'agio, in una splendida e tecnologica villa fuori città. Quando scopre che la moglie ha un amante, decide di invitare questi (un giovane parrucchiere di origini italiane, Milo Tindolini) nella sua abitazione per discutere del possibile divorzio.
Dopo qualche whiskey, Andrew propone a Milo un accordo segreto: se il giovane ruberà per lui dei gioielli nascosti nella cassaforte dietro il letto matrimoniale, potrà fuggire con gli averi e la moglie, e in cambio lo scrittore riceverà un lauto risarcimento dall'assicurazione.

Tutto però deve esser fatto in modo da sembrare vero, così Andrew organizza un percorso a tappe per Milo, per far apparire il tutto come un reale furto con scasso. Una diabolica trappola ordita da Andrew, uomo dalla mente contorta e raffinata, che intende giocare al gatto col topo col giovane ospite; il suo piano rischia però di essere compromesso dall'entrata in scena di un bizzarro investigatore della polizia...
Kenneth Branagh opera con chirurgica precisione nel gestire questo remake di un classico del cinema degli anni '70, Gli insospettabili (1972), diretto da Joseph L. Mankiewicz e con protagonisti Laurence Olivier e Michael Caine. E proprio quest'ultimo torna anche in questa nuova versione nell'altro dei due ruoli principali, innescando una partita tensiva senza esclusione di colpi con un altrettanto ottimo Jude Law.

Caccia spietata

1868, Ruby Mountains. La guerra civile americana è finita da qualche tempo ma i rancori del conflitto sono ancora ben consolidati nel cuore dei sopravvissuti. Il capitano nordista Gideon è in fuga sulle montagne innevate mentre una banda di mercenari, assoldati dal colonnello sudista Carver, gli sta dando la caccia.
Un tragico segreto lega i due uomini e la vendetta è pronta a reclamare i propri dazi, in un inseguimento che coinvolge collateralmente altri individui e che, tra deserti infiniti e immense foreste, arriverà infine alla definitiva resa dei conti.

Un revenge western giocato sul confronto estremo tra i due personaggi principali, un nordista e un sudista ottimamente interpretati da Liam Neeson e Pierce Brosnan.
Secco e brutale, Caccia spietata guarda sia al western classico americano che al filone spaghetti, sfumando qua e là la solida narrazione con una manciata di passaggi visionari. L'attenzione per la cornice paesaggistica, ottimamente filtrata dall'avvolgente fotografia, e la varietà di situazioni permettono così di chiudere un occhio sulla parziale monotonia della sceneggiatura, in una marcia di vendetta che si dilunga per ben due ore.

Quanto attendi: Amazon Prime Cinema

Hype
Hype totali: 26
77%
nd