Netflix

5 novità a gennaio su Netflix, da The App a Il mago di Oz

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati nelle ultime settimane nel catalogo Netflix, da I Flintstones a Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato.

speciale 5 novità a gennaio su Netflix, da The App a Il mago di Oz
Articolo a cura di

Commedie romantiche con giovanissimi protagonisti, thriller tecnologici, capolavori e cult del cinema fantastico di diverse epoche e live-action di popolari serie animate. Nel nostro nuovo appuntamento dedicato ai titoli da poco arrivati nel catalogo di Netflix parliamo in quest'occasione di due recenti produzioni originali, il messicano Tutte le lentiggini del mondo e il nostrano The App, dell'immortale Il mago di Oz con Judy Garland, dell'altrettanto iconico Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, primo adattamento cinematografico del romanzo, e de I Flintstones, trasposizione su grande schermo degli amati personaggi creati da Hanna & Barbera.

Tutte le lentiggini del mondo

Città del Messico, metà degli anni '90. Il piccolo Jose Miguel si è da poco trasferito con i genitori e la sorellina, grande appassionata di calcio, in un nuovo quartiere. Il bambino si iscrive alla scuola locale dove si innamora a prima vista della bella Cristina, studentessa di seconda media, che è però già fidanzata con il coetaneo Kenji, rampollo di una famiglia italiana.
Jose sogna di conquistarla e non si accorge delle attenzioni della migliore amica Liliana, ragazzina rockettara dal carattere ribelle. Jose decide così di sfidare il rivale Kenji all'imminente torneo calcistico, nonostante il team della sua classe abbia ben poche possibilità di qualificarsi alla finale.

Commedia romantica d'età pre-adolescenziale, Tutte le lentiggini del mondo è un film ricco di forzature e popolato da figure anonime che non rendono giustizia all'impegno del giovanissimo cast di semi-esordienti. Con i mondiali del '94 come sfondo e un torneo calcistico scolastico a garantire un'anima agonistica, l'operazione procede per inerzia fino a un epilogo poco credibile e senza mai coinvolgere pienamente lo spettatore.

The App

Niccolò è fidanzato con la bella Eva, una studentessa universitaria che gli propone di scaricare un'innovativa app per incontri conosciuta come Noi, al fine di produrre uno studio a tema per la tesi di laurea. Il protagonista accetta proprio poco prima di partire per Roma, dove sta per iniziare le riprese di un film su Gesù nel quale lui, figlio di una ricca famiglia e aspirante attore, sarà l'assoluta star.
Durante la permanenza nella capitale viene contattato sull'app da una ragazza dal nickname "Maria" e le conversazioni diventano sempre più piccanti e frequenti, spingendolo a lasciare in secondo piano la produzione della pellicola e a mettere in discussione il suo rapporto con Eva, che inizia a sospettare qualcosa.

The App paga un budget ridotto e una concezione derivativa di certo cinema di genere, con in più gratuite strizzate d'occhio a un pubblico di adolescenti che rendono l'operazione superficiale e monotona. I potenziali spunti rimangono inesplorati in favore di un superfluo citazionismo di grana grossa. Un'operazione che non esalta i sussulti mystery e sci-fi e non esplora il tema dell'infedeltà e le relative conseguenze psicologiche, rivelandosi un clamoroso fallimento.

Il mago di Oz

La dodicenne Dorothy vive con gli zii e il piccolo cagnolino Toto in una fattoria del Kansas. In seguito a un diverbio che ha coinvolto l'animale, la ragazza fugge di casa e si mette in cammino, imbattendosi nel bizzarro professor Meraviglia che la convince a rientrare alla fattoria. Nel frattempo la zona è vittima di un devastante tornado e Dorothy non trova nessuno al suo ritorno, viene inoltre colpita da un'anta della finestra volata via.
Svenuta, la giovane protagonista si risveglia all'interno della sua stanza in mezzo al ciclone; dopo il burrascoso atterraggio scopre di essere finita in un mondo fantastico e colorato dove fa la conoscenza di Glinda, strega buona del Nord, e della crudele Strega dell'Ovest. Dorothy intraprende un pericoloso viaggio alla ricerca del mago di Oz, l'unico che potrebbe ricondurla sana e salva a casa. Durante la sua incredibile avventura, Dorothy non sarà sola e nel percorso si uniranno a lei tre strambi personaggi: lo spaventapasseri, l'uomo di latta e un leone codardo, tutti alla ricerca come lei di un obiettivo specifico.

Classico tra i classici, Il mago di Oz è un capolavoro per tutta la famiglia che non ha perso nulla del proprio smalto a 80 anni dalla sua uscita: alcune scelte e soluzioni possono inevitabilmente apparire datate al giorno d'oggi, ma proprio in quel fascino vintage e genuino la messa in scena di Victor Fleming possiede un avvincente animo avventuroso, permeato da un'atmosfera dark che accompagna il viaggio dei protagonisti capeggiati da un'indimenticabile Judy Garland.

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato

Il piccolo Charlie vive in condizioni di estrema miseria, insieme alla madre e ai quattro nonni, nella città dove ha sede la fabbrica di cioccolato del misterioso Willy Wonka, uomo visionario e ricchissimo dal passato misterioso. Questi decide di lanciare un concorso nel quale cinque fortunati vincitori potranno avere accesso a un tour guidato all'interno dell'edificio: in ogni latitudine ha luogo un delirio collettivo al fine di trovare i tagliandi d'oro (contenuti all'interno di altrettante tavolette di cioccolato). Charlie è uno dei predestinati e decide di portare con sé nella visita organizzata l'amato e improvvisamente rinsavito nonno Joe.

Canzoni ispirate, atmosfere bizzarre e originali, ambientazioni colorate e ricche di invenzioni visive caratterizzano Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, primo adattamento per il grande schermo del romanzo di Roald Dahl. Una favola leggera e avvolgente con qualche spruzzata dark e visionaria nella progressiva eliminazione del gruppo di bambini vincitori del concorso, naturale evoluzione narrativa atta a condurre al lieto epilogo. Gli Umpa Lumpa e lo scatenato protagonista interpretato da Gene Wilder regalano emozioni e divertimento fino ai titoli di coda.

I Flintstones

Fred Flintstone e Barney Rubble sono colleghi di lavoro e inseparabili amici, così come le rispettive mogli Wilma e Betty. Barney e Betty hanno adottato un bebé grazie all'aiuto economico di Fred e il neo papà decide di sdebitarsi sostituendo i suoi risultati con quelli dell'amico in un test per candidarsi al vacante ruolo di vice-presidente nella società dove sono impiegati.
In questo modo Fred ottiene la prestigiosa carica, trovandosi però a dover licenziare proprio Barney che, dopo lo scambio dei fogli, è risultato l'ultimo in lista. Questo rischia di incrinare il loro rapporto, inoltre la nuova assunzione di Fred fa parte del piano del direttore Rocco Detritis, con l'intenzione di frodare la sua stessa società per loschi scopi.

Un ottimo cast, da John Goodman e Rick Moranis nei ruoli principali a Elizabeth Perkins, Kyle MacLachlan, Halle Berry ed Elizabeth Taylor in parti secondarie, è il motivo di maggior interesse di questo bizzarro live-action dell'omonima serie animata che di sicuro diverte ma deve fare i conti con anonime scelte registiche di stampo cartoonesco e con una sceneggiatura non sempre coesa ed equilibrata. Un intrattenimento "facile" che comunque garantirà qualche soddisfazione ai fan degli iconici personaggi di Hanna & Barbera.