5 novità a dicembre su Amazon Prime Video, da The Rover a The Report

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati recentemente nel catalogo di Amazon Prime Video, da It came from the desert a Master.

speciale 5 novità a dicembre su Amazon Prime Video, da The Rover a The Report
Articolo a cura di

Intensi thriller d'inchiesta, classici d'ambientazione natalizia, b-movie ispirati a videogiochi cult, rocciosi western post-apocalittici e solide incursioni di genere. Nel nostro nuovo appuntamento dedicato ai titoli recentemente arrivati nel catalogo di Amazon Prime Video andiamo a parlare del freschissimo ed esclusivo The Report, film con Adam Driver incentrato su uno scandalo che ha coinvolto la CIA, del live-action de Il Grinch con protagonista Jim Carrey, dell'horror-comedy It came from the desert, del violento film on the road The Rover (con Guy Pearce e Robert Pattinson) e del coreano Master, thriller ambientato nel mondo delle truffe finanziarie.

The Report

Daniel J. Jones, membro dello staff della senatrice Dianne Feinstein, viene scelto per indagare sulla distruzione da parte della CIA di alcuni videotape compromettenti. Con un piccolo team a sua disposizione, il protagonista ottiene l'accesso a oltre 6 milioni di documenti riservati, all'interno di una struttura di massima sicurezza nella quale operare indisturbato.
Nel corso delle complesse e lunghe indagini, l'investigatore svela la copertura di ben 119 casi di torture inflitte ai prigionieri, spesso deceduti in seguito alle gravi sevizie subite, e la totale inutilità degli interrogatori che non hanno mai condotto a risultati reali nella lotta contro il terrore. La sua missione di denuncia rischia di essere insabbiata da giochi politici e di potere, con le alte cariche dello stato che temono uno scandalo che possa mettere in cattiva luce il governo americano, e tutto si fa più arduo del previsto.

Le torture inflitte dalla CIA ai prigionieri arabi sospettati di legami con il terrorismo sono al centro di questo solido thriller d'inchiesta che si ispira ad alti prototipi, così come a più recenti omologhi, nella drammatica esposizione dei fatti. Dopo una prima parte più ostica, The Report regala un sano intrattenimento a tema dallo scopo divulgativo, potendo contare sulle efficaci performance dell'eterogeneo cast capitanato da Adam Driver e Annette Bening.

Il Grinch

Nella cittadina di Chinonsò tutto è pronto per festeggiare l'arrivo del Natale. L'unica ad avere dei dubbi sul vero significato della festa è la piccola Cindy, non del tutto convinta che doni e decorazioni siano il solo modo per trovare la felicità. La bambina tenta di convincere il sindaco a invitare alle celebrazioni il perfido Grinch, un essere verde e peloso che vive da anni in solitudine sul monte Bricioloso, determinata a dimostrare come questi, temuto e scacciato dalla comunità, meriti un'altra possibilità.
Il Grinch, dopo un iniziale rifiuto, decide di vestire il ruolo di mastrallegro delle feste, ma i ricordi del passato sono duri a morire e comincia ben presto a seminare guai e combinare dispetti che potrebbero mettere a rischio il Natale stesso.

Una visione rassicurante nella sua semplicità narrativa, che trova forza dirompente nella camaleontica performance di un Jim Carrey senza freni, capace anche sotto il pesante trucco di rappresentare al meglio una figura così iconoclasta e bizzarra. Ron Howard trasporta su grande schermo una delle figure simbolo del Natale anglosassone con mano sicura, riempendo una sceneggiatura di stampo classico con scelte volutamente sopra le righe per una visione capace di divertire con contagiosa leggerezza.

It came from the desert

Brian e Lukas, amici inseparabili, non potrebbero essere più dissimili l'uno dall'altro: il primo, timido e studioso, è innamorato della bella Lisa ma anche troppo introverso per dichiararsi, il secondo ha una passione per le moto da cross e la birra.
Durante una festa nel deserto a cui partecipano diversi coetanei appassionati di due ruote, i protagonisti scoprono l'esistenza di un laboratorio segreto del governo, luogo di inquietanti esperimenti sugli insetti.
Addentratisi nella struttura, scoprono che formiche giganti hanno sterminato gli scienziati e ora minacciano anche il gruppo di ragazzi intenti a festeggiare.

Moto da cross, birra a fiumi e una colonia di formiche giganti: cosa chiedere di più a un b-movie, tra horror e sci-fi, che si ispira ai classici del genere anni '50 riletti in chiave ottantiana e nerd? It came from the desert, libero adattamento dell'omonimo videogioco cult, regala un'ora e mezza di puro divertimento nonsense, senza rinunciare a un paio di sequenze più sanguinolente, con un carico di briosa simpatia ed effetti speciali dignitosi.

The Rover

Il sistema economico mondiale è imploso da ormai una decina d'anni, gettando il mondo nel caos, con le regole sociali in mano alla cieca violenza. In Australia Eric, un uomo solitario, è alla guida della sua macchina diretto verso una meta sconosciuta; durante la sosta in un bar la vettura viene rubata da tre piccoli criminali che avevano appena avuto un incidente con il loro fuoristrada.
Nella sua ricerca dell'automobile perduta, l'uomo cattura il giovane e mentalmente instabile Rey, fratello minore del leader della banda, abbandonato dai suoi compagni. Eric, dopo aver condotto il ragazzo da un medico, lo costringe con le maniere forti a condurlo alla ricerca di ciò che gli appartiene.

David Michôd firma un western post-apocalittico di rara intensità, sfruttando nel migliore dei modi una narrazione essenziale per mettere in scena un on the road cupo e senza speranza ambientato in un mondo allo sfascio. Solido e affascinante dal punto di vista psicologico ed esplosivo nei rari ma brutali impeti di violenza, The Rover trascina con una forza primigenia e brutale, potendo contare sulle ottime interpretazioni di Robert Pattinson e Guy Pearce.

Master

In un evento pubblico Jin Hyun-pil, amministratore delegato e proprietario della compagnia One Network, garantisce ai numerosi investitori introiti sempre maggiori. La polizia sospetta però che dietro la promessa si nasconda una vera e propria truffa milionaria e le indagini del detective Kim Jae-myung coinvolgono anche il giovane Park Jang-gun, rampante socio nonché esperto hacker al servizio di Jin, costretto a collaborare per non finire dietro le sbarre e a spiare il suo boss.

Un robusto thriller sul mondo oscuro della finanza che, a esclusione di qualche lentezza e forzatura nella parte centrale, tiene testa degnamente alle notevoli ambizioni di partenza. Tra istinti più leggeri, altri più drammatici e un'anima action/poliziesca che si esalta soprattutto nell'incalzante resa dei conti finale, Master può contare su una messa in scena solida, scattante, e sulle convincenti performance del cast, con un trio di protagonisti capace di sfumare a dovere i rispettivi alter-ego, giocatori di una partita da cui dipende il destino di migliaia di persone.

Quanto attendi: Amazon Prime Cinema

Hype
Hype totali: 67
74%
nd