Netflix

5 novità ad Agosto su Netflix, da Gli ultimi Jedi a Le due torri

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati nelle ultime settimane nel catalogo Netflix, da Pitch Black a Beetlejuice - Spiritello porcello.

speciale 5 novità ad Agosto su Netflix, da Gli ultimi Jedi a Le due torri
Articolo a cura di

Capitoli di mezzo di epiche saghe fantasy, nuovi episodi di altrettanto spettacolari e amate epopee sci-fi, remake hollywoodiani di polizieschi francesi, solidi b-movie d'ambientazione aliena e classici "spiritici" degli anni '80.
Tanta carne al fuoco filmico nel nostro nuovo appuntamento dedicato alle proposte che hanno fatto recentemente capolino nel catalogo Netflix. In quest'occasione andiamo infatti a parlare de Il signore degli anelli - Le due torri, secondo tassello della trilogia diretta da Peter Jackson e tratta dal capolavoro letterario di Tolkien, dell'ottava, divisiva, incursione nell'universo creato da George Lucas ossia Star Wars: Episodio VIII - Gli ultimi Jedi, dell'originale Netflix, rifacimento di un polar transalpino, Point Blank - Conto alla rovescia, di un cult d'inizio millennio quale Pitch Black con il "furiano" Vin Diesel e di Beetlejuice - Spiritello porcello, irresistibile commedia dark firmata da Tim Burton.

Beetlejuice - Spiritello porcello

Adam e Barbara, mentre stanno trascorrendo due settimane di vacanza nella loro villa in campagna, rimangono vittime di un incidente, morendo sul colpo e trasformandosi in spettri. Tornati nella loro dimora, i novelli trapassati scoprono come questa sia stata venduta alla famiglia Deetz (formata dal padre Charles, dalla moglie Delia e dalla loro giovane figlia Lydia, una goth girl).
Proprio quest'ultima, bistrattata dal padre e dalla matrigna, è l'unica in grado di vedere e dialogare con Adam e Barbara, creando un rapporto di sincera amicizia. Allo stesso tempo, i due fantasmi sono intenzionati a cacciare gli "estranei" e scelgono di rivolgersi ad uno specialista del settore, il fantasma "bio-esorcista" Beetlejuice, ignorando i rischi che la loro scelta rischia di comportare...

Il Beetlejuice di Michael Keaton è l'ideale prototipo del beffardo e rompiscatole fantasma cinematografico. Il secondo film di Tim Burton possiede una comicità dark che non passa mai di moda e un'inventiva visiva e visionaria che, grazie anche agli ottimi effetti speciali dell'epoca, continua a divertire anche il pubblico odierno, per una commedia gotica frizzante e amabilmente spudorata nonché piena di sorprese.

Point Blank - Conto alla rovescia

Il criminale Abe Guevara, coinvolto in un conflitto a fuoco con la polizia nei pressi dell'abitazione di un politico ritrovato ucciso, è in fuga dalle forze dell'ordine. L'uomo, per ironia della sorte, viene investito dalla macchina del fratello Mateo che doveva condurlo in salvo. Svenuto dopo l'impatto, Abe viene catturato e mandato all'ospedale locale, dove è sotto stretta sorveglianza. Nella struttura sanitaria il controllo medico del ferito viene assegnato all'infermiere Paul Booker, che riesce a sventare il tentativo di fuga organizzato proprio da Mateo, il quale non si dà per vinto e rapisce la moglie incinta del paramedico, ricattandolo affinché faccia evadere per lui il fratello.

Remake a stelle e strisce di un avvincente polar francese dello scorso decennio, Point Blank - Conto alla rovescia è un anonimo b-movie diretto dal mediocre Joe Lynch. Un film debole sia nella spenta e spesso gratuita messa in scena che dal punto di vista narrativo, con i personaggi involontarie macchiette al centro di un intrigo che coinvolge criminali e poliziotti corrotti. Incolore anche il cast, con Frank Grillo "sfortunato" protagonista insieme al collega Anthony Mackie.

Il signore degli anelli - Le due torri

La Compagnia si è frantumata e, mentre Frodo e Sam continuano il loro viaggio suicida verso Mordor, Aragorn, Gimli e Legolas partono all'inseguimento degli Uruk-hai che hanno rapito Merry e Pipino. Nel frattempo Gandalf è caduto combattendo il Balrog e i due Portatori dell'Anello sono seguiti da Gollum, deciso a recuperare il suo "Tesssoro".
Lo scontro finale fra le deboli forze del bene e un male sempre più arrogante sta per avvicinarsi e il primo campo di battaglia sarà Rohan, in cui gli ultimi Uomini dei Cavalli si scontreranno con le Armate di Saruman, pronte a scendere dalla piana di Isengard per cingere d'assedio Minas Tirith.

Il secondo capitolo della trilogia di successo diretta da Peter Jackson e tratta dall'immortale capolavoro fantasy di J. R. R. Tolkien è il classico episodio di mezzo che risente parzialmente dei limiti di non essere né apertura né conclusione.
Ma la visione rimane comunque densa e spettacolare di eventi, epica all'inverosimile nella gestione dell'assedio di Minas Tirith e con fenomenali effetti speciali made in WETA. Scene madri in serie, gargantuesche battaglie e un senso dell'intrattenimento ancor oggi con pochi eguali preparano magnificamente il campo al successivo Il ritorno del re.

Pitch Black

La nave spaziale Hunter-Gratzner, in viaggio verso il sistema di Tangea, in seguito ad un devastante impatto contro un ammasso di micrometeoriti riporta gravi danni. Dei quaranta passeggeri, che il mezzo trasportava in stato di ibernazione, la maggior parte muore durante il brusco atterraggio sul pianeta più vicino. Tra i pochi sopravvissuti vi è anche Riddick, un pericoloso criminale di origini furiane (una razza umana dalle particolari peculiarità) che doveva essere condotto in una prigione di massima sicurezza.
Il misterioso globo, sconosciuto sulle mappe stellari, è abitato da una razza di terribili creature allergiche alla luce. E quando si avvicina un'eclissi solare totale che potrebbe durare per molti giorni, l'unica speranza di sopravvivenza per i superstiti risiede ora proprio in Riddick, il solo a poter affrontare le insidie della "lunga notte" e condurli alla salvezza.

Un b-movie di fantascienza d'alta scuola contaminato da influenze horror: Pitch Black è un robusto e accattivante titolo di genere che sfrutta un plot essenziale ma ricco di tensione. Il regista e sceneggiatore David Twohy crea un personaggio iconico costruito su misura per il carisma fisico e attoriale di Vin Diesel, perfettamente a suo agio nel ruolo che tornerà ad interpretare in altre due occasioni.

Star Wars: Episodio VIII - Gli ultimi Jedi

La Resistenza è stata scovata dal Primo Ordine e sta evacuando la base su D'Qar: il pilota Poe Dameron distrugge un incrociatore stellare nemico, sacrificando nell'impresa tutti i bombardieri e venendo perciò degradato dal generale Leia Organa per aver disobbedito agli ordini.
Nel frattempo sul pianeta Ahch-To, Rey riporta la spada laser a Luke Skywalker, ma questi sostiene di non voler più sentire nulla riguardo alla guerra e all'esistenza dei Cavalieri Jedi. Dopo aver saputo della morte del vecchio amico Han Solo, Luke si convince infine addestrarla.

Criticato dalle sponde più puriste della fanbase per via di alcune scelte narrative che hanno fatto storcere il naso, l'ottavo capitolo dell'iconica saga fantascientifica è in realtà un progetto più coraggioso del predecessore, con il regista Rian Johnson che si prende diversi rischi in fase di sceneggiatura consapevole delle critiche che gli sarebbero piovute addosso.
Ma Star Wars: Episodio VIII - Gli ultimi Jedi, pur al netto di alcune sottotrame non del tutto convincenti (in particolare quella riguardante Finn), si rivela opera solida e coinvolgente, con una ricerca dell'epica che trova il suo apice di pathos nella spettacolare resa dei conti finale, ulteriormente impreziosita dal carisma di Mark Hamill.