5 novità ad Agosto su Amazon Prime Video, da Monsters a Barry Seal

Andiamo alla scoperta di alcuni film arrivati recentemente su Amazon Prime Video, da Santa Sangre a Il pasto nudo.

speciale 5 novità ad Agosto su Amazon Prime Video, da Monsters a Barry Seal
Articolo a cura di

Gargantuesche creature mostruose che si offrono a metafore politiche e sociali, visionari cult d'autore, violenti e disturbanti in maniera diversa ma egualmente efficaci e affascinanti, bio-pic a sfondo action con star assolute o inerenti eventi cruciali del ventesimo secolo.
Nel nuovo appuntamento con le novità disponibili nel catalogo di Amazon Prime Video andiamo a parlare dell'illuminante Monsters, esordio per il grande schermo di Gareth Edwards, di due capolavori cinefili quali Santa Sangre di Alejandro Jodorowsky e Il pasto nudo di David Cronenberg, dello scoppiettante Barry Seal - Una storia americana con Tom Cruise e di Emperor, nel quale Tommy Lee Jones veste i panni del generale MacArthur dopo la resa del Giappone nella seconda guerra mondiale.

Santa Sangre

Il piccolo Fenix lavora nel circo dei genitori, il padre Orgo (ubriacone e fedifrago) e la madre Concha, un'esperta trapezista a capo di una setta religiosa dedita al culto di una giovane martire, alla quale furono amputati gli arti superiori. L'unica amica del bambino è la coetanea Alma, mima sordomuta, figliastra di un'altra attrazione del circo, una donna interamente tatuata.
Proprio quest'ultima seduce Orgo, portando la moglie dell'uomo a reagire con violenza: colti gli amanti in flagrante, Concha versa dell'acido sul marito che, in un impeto d'ira prima di morire tra atroci dolori, amputa alla donna le braccia. Questo shock dell'infanzia ha condotto Fenix alla pazzia, e la sua vita da adulto è tra le quattro mura di un manicomio, dove vegeta in uno stato semi-catatonico. Ma un giorno sua madre ritorna all'improvviso spingendolo alla fuga...

Opera che fa di una violenza esibita ma mai gratuita il veicolo per costruire un'etica poetica unica, Santa Sangre è pura apoteosi del cinema di Alejandro Jodorowsky, che qui ci racconta un'infanzia perduta e le conseguenze di una tragedia privata oltre ogni immaginazione. Sangue e dolore dipingono un quadro surrealista ed estremo, che gioca con divertente e consapevole spregiudicatezza tra ironia e orrore in una fiaba dark dallo sguardo iconoclasta che non lascia indifferenti.

Barry Seal - Una storia americana

Alla fine degli anni '70 Barry Seal, pilota della compagnia aerea TWA, viene ingaggiato dalla CIA affinché partecipi a delle missioni sotto copertura in Paesi del Centro America. Dopo un'iniziale reticenza l'uomo accetta e inizia a scattare foto aeree a bordo di un piccolo velivolo da turismo; durante le permanenze nei luoghi chiave del suo tragitto, il protagonista ha anche modo di incontrare i boss della droga locale, tra i quali Pablo Escobar, e inizia con loro una fruttuosa collaborazione nel contrabbando di droga su suolo americano, facendo un doppio gioco che rischia ben presto di inguaiarlo con la legge e di complicare il rapporto con la famiglia. Quando i guadagni iniziano a diventare sempre più grossi tutti i problemi sembrano risolvibili, ma le insidie sono dietro ogni angolo.

Tom Cruise è il protagonista di questo liberissimo biopic che rimedia alla mancata veridicità con un gustoso mix tra commedia e azione di stampo classico, ben incarnata dal carisma della star di Top Gun (1986), qui nuovamente alle prese con spericolate missioni aeree in qualità di contrabbandiere o agente sotto copertura per il governo statunitense. Una doppia anima che permette di dar vita a situazioni fresche e originali e di far dimenticare un montaggio a tratti troppo serrato.

Emperor

1945. Il Giappone si è arreso agli americani e il generale MacArthur, comandante delle forze di occupazione, è prossimo a decidere le sorti dell'imperatore nipponico. Per non prendersi la completa responsabilità di una scelta che potrebbe cambiare per sempre la storia del Paese, MacArthur affida a Bonner Follers, uno dei suoi più fidati generali, il compito di scrivere un rapporto nel quale vi siano le prove che l'Imperatore Hirohito non fosse diretto responsabile della discesa in campo del Giappone nel conflitto.
Un compito che Follers scoprirà non propriamente facile, mentre è al contempo alla ricerca della donna che amava, una ragazza giapponese che non ha più visto dallo scoppio della guerra.

Un film rispettoso con il quale il regista Peter Webber cerca di osservare con occhio imparziale ed estraneo la disfatta del Giappone, unendo fatti reali a elementi di finzione (tra le quali una love story interrazziale narrata via flashback). Un'opera non sempre riuscita dal punto di vista narrativo ma tecnicamente di buon livello, con un'attenta ricostruzione storica degli eventi reali e un cast in forma capitanato da un ottimo Tommy Lee Jones nei panni di MacArthur.

Il pasto nudo

William Lee è un derattizzatore di New York sposato con la bella Joan, donna dipendente dalle sostanze da lui usate per sterminare gli insetti. Un giorno l'uomo viene arrestato dalla polizia ed è vittima di inquietanti allucinazioni, durante le quali un agente segreto (sotto le forme di un'enorme blatta) gli ordina di uccidere la compagna, che sarebbe in realtà una spia appartenente alla misteriosa organizzazione Interzone Incorporated. Fatto ritorno a casa William trova la donna insieme ai due amici scrittori Hank e Martin e, in un folle gioco, la fa fuori involontariamente. In fuga dalla polizia, William viene contattato in un bar da una viscida creatura umanoide che gli consegna un biglietto per l'Interzona e gli intima di acquistare una macchina da scrivere, la Clark Nova, che sarà il suo contatto durante la sua prossima missione.

Proprio l'oggetto, che prende vita trasformandosi in uno scarafaggio, lo aggiorna sul suo futuro incarico, quello di indagare sul misterioso dottor Benway.

David Cronenberg firma la sua particolare rilettura del romanzo cult Il pasto nudo, mischiandola ad elementi biografici reali del suo autore Williams S. Burroughs: il risultato è una delle opere più incisive e coraggiose degli interi anni '90.
Un film che sguazza nel surrealismo visionario dei macabri effetti speciali per mostrarci una realtà tramutata in disturbante orrore dall'uso delle droghe, dando vita ad un mondo a cavallo della follia nel quale narrare una storia dal retrogusto noir, in un percorso di caduta e possibile redenzione che varia su molteplici registri.

Monsters

Gigantesche creature di origine aliena, portate imprudentemente sulle terra sottoforma di campioni genetici da una missione spaziale, si muovono per l'America Centrale: hanno dimensioni gargantueche e tentacoli assassini. I mostri sono stati confinati in Messico, al confine con gli Stati Uniti, difesi da massiccia mura che si stagliano per chilometri.
Andrew Kauden, reporter alla ricerca delle foto dell'anno che potrebbero conferirgli fama e denaro, deve scortare a casa sana e salva Samantha Wynden, la figlia del suo capo. Dopo un furto di documenti l'unica soluzione per la coppia è quella di viaggiare via terra, tentando l'arduo percorso nella Zona Infetta, dove prolificano i giganti alieni.

Allontanandosi dai classici stereotipi tipici del monster-movie in formato blockbuster, Monsters possiede un'anima underground in un corpo da solido b-movie più profondo e intenso del previsto. Gareth Edwards dirige con efficacia il rapporto crescente tra i due protagonisti, non disdegnando momenti di pura tensione e un finale sognante e metaforico di grande impatto. Per un film che coniuga un sobrio ma incisivo spettacolo ed intense emozioni in un raffinato equilibrio.

Quanto attendi: Amazon Prime Cinema

Hype
Hype totali: 50
74%
nd