I migliori film di Maggio 2016, tutte le migliori uscite in sala

I titoli migliori di Maggio passati in rassegna per voi: chi sarà il vincitore della corona di miglior film? Il nipponico the Boy and the Beast? O uno tra i due blockbuster supereroistici appena usciti, X-Men e Captain America? Scopriamolo assieme!

rubrica Film del mese - i film da vedere di Maggio 2016
Articolo a cura di

Anche maggio ci ha lasciato: è stato un mese forse povero di novità ma sicuramente ricco di buoni titoli al cinema. Tra qualche recupero eccellente (Microbo e Gasolina, Wilde Salomè, Il Regno di Wuba, Al di là delle montagne) e nuove uscite di sicuro interesse (Colonia, Il traditore tipo, Era d'estate) abbiamo visto l'arrivo di molti titoli festivalieri (la maggior parte, naturalmente, provenienti da Cannes) come Where to invade next, Julieta, La pazza gioia, Fiore, Pericle il Nero e Money Monster. Non sono mancati, poi, i grandi blockbuster: dal fantastico Alice Attraverso lo Specchio ai supereroistici X-Men: Apocalisse e Captain America: Civil War. Ma quale, fra questi, sarà stato il film che più di tutti ha monopolizzato l'attenzione, quello che merita la corona di Film del mese?

Il film del mese: il nostro video-speciale

Wilde Salome non è propriamente l'ultima novità della cinematografia mondiale, arrivando nel nostro Paese con diversi anni di ritardo, ma il film di/con Al Pacino e con protagonista una splendida (e ancora poco nota) Jessica Chastain si rivela davvero interessante. Trattasi di uno dei capolavori teatrali del sommo Oscar Wilde, riletto da uno dei più grandi attori dei nostri tempi, in un film che mescola messa in scena drammatica, dietro le quinte e documentario in un accattivante amalgama.

The boy è un horror diverso dal solito, e non punta a terrorizzare i suoi spettatori tramite effetti speciali e scene sanguinolente, quanto con un'inquietudine che si diffonde sottopelle man mano che la vicenda della giovane tata Greta prende piede, alle prese con un misterioso bambolotto dalle fattezze fanciullesche e dall'influenza maligna.

Con Somnia restiamo nell'ambito del cinema dell'orrore: questa volta il protagonista è un ragazzino che ha a che fare con la materializzazione dei propri incubi, senza avere idea del perché. Niente di particolarmente originale, ma il giusto connubio tra il cinema di Wes Craven e gli horror di matrice nipponica, per un film che si piazza bene all'interno del proprio genere di appartenenza.

Whiskey Tango Foxtrot è un'insolita black comedy dall'ottimo cast, tra cui ritroviamo Tina Fey, Margot Robbie e Martin Freeman, interpreti della storia di una giornalista sradicata dalla metropoli newyorkese e catapultata in Afghanistan in qualità di improvvisata reporter di guerra.

In Where to invade next Michael Moore torna finalmente a dirigere un atipico e brillante documentario e, in un tragicomico viaggio attraverso l'Europa, tenta di dispensare all'America soluzioni "rubate" per evitare l'autodistruzione del Paese.

Alice Attraverso lo Specchio ci vede tornare nell'incantato Sottomondo creato da Lewis Carroll, dopo le avventure di Alice in Wonderland, per reincontrarne i suoi personaggi, dal Cappellaio Matto alla Regina di Cuori. Una pellicola trasognata e che fonda il suo stesso essere sull'estetica e la fascinazione.

Money Monster, presentato al Festival di Cannes, si rivela essere senza dubbio la sorpresa del mese: il thriller diretto da Jodie Foster e che vede protagonisti George Clooney, Julia Roberts e Jack O'Connell colpisce lo spettatore quando meno se lo aspetta raccontando, in modo diverso dal solito, gli effetti della crisi economica e dell'influenza dei media sulla vita delle persone comuni.

Con The Boy and the Beast il Maestro nipponico Mamoru Hosoda si dà al racconto di formazione, ambientandolo a cavallo tra la caotica Shibuya e il fiero mondo delle Bestie magiche. La pellicola, splendidamente animata, vive di palesi influenze dal cinema di Miyazaki e Spielberg, oltre che della narrativa di Neil Gaiman.

X-Men: Apocalisse, nono film della celebre saga dei Mutanti Marvel, è sicuramente un titolo di cui si è parlato parecchio, e ha diviso gli spettatori, tra chi lo accusa di essere pieno di scene e personaggi che sanno di "già visto" e chi invece lo ha trovato pienamente conforme allo spirito dei fumetti originali.

Il film del mese, ad ogni modo, non poteva che essere Captain America: Civil War, incredibile campione d'incassi made in Marvel Studios che ha riproposto al cinema (pur con molti cambiamenti) una delle saghe fumettistiche più importanti della moderna storia dei comics. Spettacolare, denso e ben bilanciato, il terzo episodio di Captain America si piazza direttamente in cima alla nostra classifica.