Rubrica Box-office USA 01 - 03 maggio 2015

Come prevedibile, Avengers: Age of Ultron parte col botto in USA, realizzando cifre da record per quanto riguarda l'esordio e incassando quasi 188 milioni di dollari: dove arriverà?

rubrica Box-office USA 01 - 03 maggio 2015
Articolo a cura di

Il secondo miglior esordio nella storia del box-office USA: al suo week-end di debutto nelle sale americane, Avengers - Age of Ultron ha registrato secondo le stime della Disney 187 milioni di dollari. Il record assoluto per la miglior apertura in Nord America rimane tuttavia in ‘famiglia’: la cifra più alta è stata segnata infatti dal precedente The Avengers, che nel primo week-end di maggio del 2012 aveva incassato 207 milioni di dollari. Avengers - Age of Ultron, che riunisce per la seconda volta i principali supereroi di casa Marvel, ovvero Iron Man (Robert Downey Jr), Thor (Chris Hemsworth), Captain America (Chris Evans), Vedova Nera (Scarlett Johansson), Hulk (Mark Ruffalo) e Occhio di Falco (Jeremy Renner), ha registrato una media stratosferica di quasi 44.000 dollari a sala in un totale di oltre 4200 cinema. A livello globale, il film di Joss Whedon ha già raccolto 626 milioni di dollari (in molti paesi è uscito infatti con una settimana d’anticipo), per un totale di circa 50 milioni di spettatori. A contendere agli Avengers la palma per il maggiore campione d’incassi del 2015 sarà con tutta probabilità, a fine anno, Star Wars - Il risveglio della Forza: le scommesse sono aperte!

GLI AVENGERS FANNO TABULA RASA, FAST & FURIOUS AL TERZO POSTO

Di fronte ai numeri pazzeschi degli Avengers, resta ben poco agli altri film della Top 10, che mediamente vedono calare i propri incassi di quasi il 60%. Adaline - L’eterna giovinezza, con Blake Lively e Harrison Ford, rimane al secondo posto con 6,2 milioni di dollari in 3000 cinema (media di 2000 dollari a sala) e un totale di 23 milioni, mentre Fast & Furious 7, penalizzato dalla concorrenza degli eroi della Marvel, perde due terzi dei propri incassi, scendendo al terzo posto con 6,1 milioni di dollari in 3300 sale e una media di 1800 dollari a sala. Il totale, per il blockbuster di James Wan, è di 330 milioni negli USA, inclusi nei 1357 milioni sul mercato internazionale: si tratta del quarto maggior incasso di tutti i tempi, dietro soltanto ad Avatar (2788 milioni), Titanic (2187 milioni) e The Avengers (1519 milioni), senza considerare però il numero di spettatori (i prezzi dei biglietti del cinema variano infatti di anno in anno). Quarto posto per Paul Blart - Mall Cop 2, con 5,5 milioni di dollari e 51 milioni in tre settimane, mentre al quinto posto troviamo Home - A casa, con 3,3 milioni di dollari e 158 milioni di totale. Da segnalare la ‘resurrezione’ di Cenerentola, che ritorna in Top 10 con un balzo dal dodicesimo al sesto posto, con 2,3 milioni di dollari di incasso per un totale di 193 milioni (in tutto il mondo, il film Disney è a quota 478 milioni).

IN CRESCITA SILS MARIA, DEBUTTO PER VIA DALLA PAZZA FOLLA

In un week-end in cui l’uscita di Avengers ha monopolizzato il mercato americano, non ci sono novità in grado di scuotere una classifica pressoché immobile. Ex Machina, al settimo posto, raccoglie altri 2,2 milioni di dollari sfiorando quota 11 milioni: un risultato tutto sommato positivo, benché il film sci-fi non sia riuscito ad intercettare un vasto pubblico. Il dramma Woman in Gold, con Helen Mirren e Ryan Reynolds, resiste per la quinta settimana in Top 10, stabile al decimo posto con 1,6 milioni di dollari, per un bottino complessivo di ben 24 milioni. Confermato il flop per il film “cristiano” Little Boy, che perde oltre il 70% e dopo due settimane deve accontentarsi di quattro milioni di dollari a dispetto delle 1000 sale a disposizione, mentre The Water Diviner di Russell Crowe segna 659.000 dollari (totale di 2,3 milioni). Passando all’ambito limited release, l’acclamato Sils Maria di Olivier Assayas, con Juliette Binoche e Kristen Stewart, incassa 277.000 dollari in 163 sale, mentre Via dalla pazza folla, nuova trasposizione del classico della letteratura di Thomas Hardy da parte del regista danese Thomas Vinterberg, con Carey Mulligan, Matthias Schoenaerts e Michael Sheen, debutta con 172.000 dollari in 10 cinema, con una media di 17.000 dollari a sala. 38.000 dollari in due cinema per la commedia indie Welcome to Me di Shira Piven, con Kristen Wiig, mentre deludono Felix & Meira (71.000 dollari in 25 sale) e Adult Beginners (25.000 dollari in 54 cinema, un disastro completo).