Rubrica Box Office Italia 30 aprile - 01 maggio 2015

Nulla può fermare l'avanzata di Avengers: Age of Ultron, che domina la chart italiana con quasi 4 nuovi milioncini e serie ipoteche di poter arrivare anche in cima alla classifica stagionale

rubrica Box Office Italia 30 aprile - 01 maggio 2015
Articolo a cura di

Sono ancora Vendicatori a dominare incontrastati il box-office italiano! Nel week-end lungo del primo maggio, Avengers - Age of Ultron mantiene oltre la metà rispetto agli incassi dell’esordio, aggiungendo al suo già ampio bottino 3.759.000 euro in 845 cinema, con una buona media di 4449 euro per sala. Il blockbuster di Joss Whedon, reduce dal sensazionale debutto negli USA (187 milioni di dollari), nel nostro paese ha raccolto finora 13,6 milioni di euro: i 18 milioni del primo capitolo sono ancora lontani, ma l’ipotetico sorpasso è tutt’altro che impossibile, soprattutto considerando la scarsa concorrenza per Iron Man, Captain America, Thor, Hulk, Vedova Nera, Occhio di Falco e soci. Ma a sorprendere, questo week-end, è stata anche l’eccezionale tenuta di Adaline - L’eterna giovinezza, favorito evidentemente da un passaparola molto positivo: il film sentimentale con Blake Lively ed Harrison Ford ha mantenuto infatti il 94% degli incassi rispetto all’esordio della settimana scorsa, una percentuale altissima, raccogliendo 828.000 euro in 314 cinema (media di 2639 euro per sala) per un totale di due milioni di euro nelle prime due settimane.

CHILD 44 E RUN ALL NIGHT FRA LE NEW-ENTRY DELLA SETTIMANA

Un week-end, quello del primo maggio, ricco di new-entry, a dispetto del trionfo degli Avengers. Al terzo posto debutta il thriller Child 44 - Il bambino numero 44, con Tom Hardy, Gary Oldman, Noomi Rapace, a dispetto del flop disastroso negli USA, in Italia apre con 581.000 euro in 249 cinema e una discreta media di 2335 euro per sala. Segue al quarto posto un’altra novità, ovvero l’adrenalinico Run All Night - Una notte per sopravvivere, con Liam Neeson per l’ennesima volta alle prese con il genere action: il risultato, per il film della Warner Bros, è di 510.000 euro in 255 cinema, con una media di 2001 euro per sala (in linea con la tiepida accoglienza ricevuta in Nord America). Discreta tenuta per Mia madre di Nanni Moretti: il film con Margherita Buy e John Turturro, fra pochi giorni in concorso a Cannes, scivola al quinto posto, con 456.000 euro in 429 cinema per una cifra complessiva di 2,7 milioni di euro nelle prime tre settimane di programmazione. Seguono altre due new-entry, ma con numeri alquanto deludenti: al sesto posto la commedia Ritorno al Marigold Hotel, con Dev Patel, Judi Dench, Maggie Smith, Bill Nighy e Richard Gere, registra 439.000 euro in 299 cinema (media di appena 1468 euro per sala), mentre al settimo posto il film d’animazione I 7 nani deve accontentarsi di 405.000 euro in ben 324 sale (media di 1250 euro per sala).

BUONA TENUTA PER LE COMMEDIE FRANCESI, DELUDONO LE STREGHE DI DE LA IGLESIA

In fondo alla Top 10 di questo week-end troviamo rispettivamente, fra l’ottavo e il decimo posto, la commedia italiana Se Dio vuole, con 403.000 euro (totale di 3,4 milioni nel primo mese di programmazione), l’action-movie Fast & Furious 7, con 336.000 euro e un bottino complessivo di 18,4 milioni in cinque settimane (non abbastanza, tuttavia, per sfondare la soglia dei 20 milioni), e la commedia romantica francese Samba, che tiene in maniera ottima e incassa altri 257.000 euro (totale di 615.000 euro in due settimane). Sempre restando in ambito francese, stupisce in positivo la prestazione di un’altra commedia sentimentale, in diretta concorrenza con Samba: al dodicesimo posto, Sarà il mio tipo? vede infatti crescere i propri incassi rispetto all’esordio, con altri 131.000 euro nelle 55 sale a disposizione. In caduta libera al quattordicesimo posto il thriller Black Sea, penalizzato da un passaparola non proprio eccelso ma in grado comunque di superare il traguardo del milione di euro. Infine, deve accontentarsi di un debutto in fondo alla classifica, al diciottesimo posto, Le streghe son tornate: la scatenata commedia horror del regista spagnolo Alex de la Iglesia, presentata al Festival di Roma 2013 e uscita nelle nostre sale dopo un anno e mezzo, con Carmen Maura nella parte di un’irresistibile strega, si ferma a soli 33.000 euro in 35 cinema, scontando probabilmente l’eccessivo ritardo con il quale il film ha raggiunto il mercato italiano.