Rubrica Box Office Italia 17 - 20 settembre 2015

Inside Out fa il suo esordio anche in Italia e, come previsto, raggiunge subito il primo posto in classifica, incassando già 6 milioni di euro, seguito al secondo posto da Minions, già a 21 milioni.

Rubrica Box Office Italia 17 - 20 settembre 2015
Articolo a cura di

È trionfo Inside Out! Forte dell'eccezionale riscontro già ottenuto in patria e in tutti i paesi in cui è già uscito, il nuovo, apprezzatissimo capolavoro della Pixar, firmato da Pete Docter e considerato uno dei vertici assoluti dell'animazione contemporanea, ha esordito col botto anche al box-office italiano. Nei suoi primi cinque giorni di programmazione, Inside Out ha raccolto infatti ben 6,3 milioni di euro, di cui 5.702.000 euro nell'arco del week-end lungo, per un'ottima media di 7886 euro per sala nelle 723 sale in cui è distribuito. Affascinante e coinvolgente viaggio all'interno della mente umana, Inside Out potrà contare probabilmente anche sull'effetto di un passaparola strepitoso, e sembra aver intercettato pure l'interesse pubblico adulto. È invece schiettamente rivolto solo ai più piccoli Minions, che dopo tre settimane al vertice cede la prima posizione a Inside Out e scivola al secondo posto. Il film d'animazione targato Universal incassa un altro milione di euro in 451 cinema (media di 2240 euro per sala), con un sostanzioso calo del 62% dovuto soprattutto alla concorrenza di Inside Out, portandosi a un totale da capogiro di 21,3 milioni... a questo punto, l'unico titolo con la possibilità di strappare a Minions il primato per il 2015 è senz'altro Star Wars - Il risveglio della Forza.

ENRICO BRIGNANO E ZAC EFRON FRA LE NEW-ENTRY

Deve accontentarsi del gradino più basso del podio la commedia Tutte lo vogliono di Alessio Maria Federici, interpretata da Enrico Brignano, Vanessa Incontrada e Giulio Berruti: il film debutta al terzo posto con 658.000 euro in 363 cinema, facendo registrare a 01 Distribution una modesta media di 1813 euro per sala (una cifra che sarebbe stata ancora più bassa, se non fosse per la scarsa concorrenza sul versante delle "commedie di cassetta" nostrane). Scende dal secondo al quarto posto Fantastic 4 - I Fantastici Quattro, con 423.000 euro in 345 e un brusco calo del 54%: nelle prime due settimane il fallimentare blockbuster della Fox ha incassato poco più di 1,5 milioni di euro, in linea con i mediocri risultati registrati nel resto del mondo. Seguono quindi, al quinto e sesto posto, altre due new-entry. La prima è un altro clamoroso flop dall'America, ovvero We Are Your Friends, con Zac Efron nei panni di un giovane dee-jay: 293.000 euro incassati in 200 sale per il film distribuito da Notorious Pictures, per una fiacca media di 1465 euro per sala.

SORPRESA AMY WINEHOUSE!

L'altra e più sorprendente new-entry è invece Amy, il documentario sulla compianta Amy Winehouse, distribuito da Nexo Digital inizialmente solo per due giorni ma mantenuto poi nei cinema grazie all'ottimo responso di pubblico: 835.000 euro a partire da martedì scorso, di cui 286.000 euro nell'arco del week-end in 220 cinema, per una media di 1300 euro per sala e le prospettive che il film possa rimanere in cartellone in alcune sale. Il resto della Top 10 vede un calo contenuto per No Escape - Colpo di Stato con Owen Wilson, in discesa dal sesto al settimo posto con 200.000 euro (totale di 639.000 euro), seguito a ruota da Città di carta con 167.000 euro (totale di 2,7 milioni in tre settimane) e da Dove eravamo rimasti con Meryl Streep, con appena 160.000 euro (totale di 630.000 euro, molto meno del previsto). Poco più in basso troviamo invece due novità italiane provenienti etrambe dal concorso del Festival di Venezia: una Mostra che, almeno per ora, non è riuscita a far decollare veramente alcuno dei film italiani presentati al Lido, forse pure a causa del sovraffollamento di uscite di settembre.

IN ARRIVO DA VENEZIA JULIETTE BINOCHE E VALERIA GOLINO

Al decimo posto, dunque, debutta L'attesa, dramma dell'esordiente Piero Messina con un'intensa Juliette Binoche: 159.000 euro in 143 cinema, con una media deludente di 1111 euro per sala. Al dodicesimo posto, con una cifra più bassa ma una media di gran lunga migliore, compare Per amor vostro di Giuseppe M. Gaudino, che ha fatto conquistare a Valeria Golino la Coppa Volpi come miglior attrice: 119.000 euro in 56 cinema, per una media di 2138 euro per sala. Sempre a proposito di Venezia, scende al quattordicesimo posto Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, con 84.000 euro (320.000 euro di totale), mentre Non essere cattivo di Claudio Caligari cala al diciottesimo ma tiene discretamente con 63.000 euro (205.000 euro di totale). Chiudiamo segnalando altre due new-entry: al quindicesimo posto la commedia Un disastro di ragazza, con Amy Schumer e Bill Hader, registra appena 69.000 euro in 106 cinema (656 euro di media per sala), mentre al sedicesimo posto debutta il melodramma in costume Via dalla pazza folla di Thomas Vinterberg, con Carey Mulligan e Matthias Schoenaerts, che apre con 69.000 euro in 118 cinema e una pessima media di 585 euro per sala.