Zombi - Dawn of the dead Recensione

Koch Media rende disponibile un'edizione home video in alta definizione a sei dischi di Zombi, comprendente tutte le versioni del lungometraggio.

recensione Zombi - Dawn of the dead
Articolo a cura di

"Quando non ci sarà più posto all'inferno, i morti cammineranno sulla Terra". Una frase inconfondibile per qualsiasi seguace irriducibile dell'horror su celluloide degno di questa classificazione e che, a partire dal 1978, non può fare a meno di identificare un vero e proprio capolavoro del genere nato, a quanto pare, dall'incontro avvenuto un anno prima tra il cineasta di New York George A. Romero e il nostro Dario Argento, approdato nella Grande Mela per accompagnare l'uscita americana del suo Suspiria. Il Dario Argento che, affiancato in fase produttiva dal fratello Claudio, a dieci anni dal super classico in bianco e nero La notte dei morti viventi consentì al futuro autore di Creepshow di riportare sul grande schermo i cadaveri ambulanti del titolo in Zombi, secondo tassello di quella che si trasformò in trilogia nel 1985, grazie a Il giorno degli zombi, e, nel 2005, in tetralogia con lo splendido La terra dei morti viventi. Un secondo tassello che, infarcito di immancabili simbologie e metafore sociali profondamente venate di pessimismo, grazie all'interessamento del danese Nicolas Winding Refn rivive in una splendida edizione home video costituita da sei Blu-ray e racchiusa in custodia amaray inserita, a sua volta, in slipcase cartonato.

La limited edition 4K Ultra HD

Splendida edizione che è Koch Media a rendere disponibile per deliziare ancora una volta i fan irriducibili dell'horror attraverso la movimentatissima vicenda destinata ad aprire all'interno di uno studio televisivo, moderno "laboratorio" attraverso cui ha origine e si diffonde la comunicazione, nonché nuovo strumento di potere, per poi mostrare un'umanità senza speranza, ormai in preda ad una inspiegabile epidemia che ha permesso alle salme di tornare in vita e di seminare terrore e morte per le strade delle metropoli. Un quadro decisamente apocalittico in cui due soldati delle forze speciali in fuggono insieme ad un elicotterista e alla sua compagna trovando rifugio presso un grande supermercato di Pittsburgh; nel quale, però, non pensano a fare altro che rubare oggetti e viveri per trasformare quell'autentico tempio del consumismo in un personale, grosso involucro dove (soprav)vivere, agiati e non curanti della minaccia che sta provvedendo a cancellare gli esseri umani dal pianeta. E, mentre un manipolo di Hell's Angels irrompe con tanto di motociclette nel posto, non sono l'odio e il razzismo a risultare assenti tra le tematiche affrontate da un'operazione che, culminante in un'orgia di sangue e sbudellamenti, non ha potuto fare a meno di trasformarsi in uno dei migliori zombie movie di sempre, per merito anche degli eccellenti effetti di trucco realizzati da Tom Savini. Operazione che, inoltre, ha provveduto a spiegare che i mostri tirati in ballo sono sì creature poco intelligenti in preda al desiderio di cibo e che usano rozzamente gli arnesi nella fattispecie dei primitivi, ma non classificabili come cannibali in quanto ghiotti di carne viva, non della loro.
Operazione di cui il montaggio che conosciamo in Italia è quello europeo di meno di due ore curato da Argento, sforbiciato di tutti i momenti in cui la tensione calava e che, commentato da una colonna sonora appositamente composta dai Goblin di Claudio Simonetti, troviamo in questa edizione non solo nel terzo disco, ma anche nel primo restaurato in 4K e nel secondo per la prima in versione full frame. Mentre il quarto riserva la theatrical version (o director's cut) di due ore e sei minuti voluta da Romero e il quinto la extended version di due ore e quaranta minuti arrivata a suo tempo al Marché di Cannes. Al sesto, infine, spetta dispensare i ricchi contenuti extra di questo imperdibile cofanetto che, al di là dei lavori dei vincitori del contest Zombi - Fan Art e di otto tra trailer e spot televisivi inglesi e tedeschi, riservano un incontro con Michele De Angelis e Gianni Vittori per parlare del restauro in 4K (sette minuti), la conferenza tenutasi al Festival di Venezia 2016 (trentadue minuti) e presentazione al pubblico presso la stessa manifestazione (sette minuti), interviste a Savini (diciotto minuti), Refn (otto minuti) e Argento (ventotto minuti); il quale, insieme al fratello Claudio, a Simonetti e al co-produttore Alfredo Cuomo, interviene anche nel documentario Quando all'inferno non ci sarà più posto. Assolutamente da avere nella propria collezione in alta definizione!

Zombi - Dawn of the dead Con un disco il cui restauro in 4K risulta effettuato a dovere, testimoniato da un quadro più che pulito che non lascia individuare graffi e imperfezioni, Zombi di George A. Romero rivive in una imperdibile edizione home video in alta definizione ricca di contenuti speciali e che, finalmente, permette di visionare tutte e quattro le versioni del capolavoro del cinema dei morti viventi. Quindi, potrete ascoltare nella qualità del blu-ray le due diverse colonne sonore e riscoprire le sequenze inedite nel montaggio argentiano circolato in Italia, da quelle con i poliziotti negativi all’uccisione di una delle creature sbrana-umani per mezzo delle pale dell’elicottero.

10

Che voto dai a: Zombi - Dawn of the dead

Media Voto Utenti
Voti: 2
6
nd