ROMA10

Recensione Winx Club 3D - Magica Avventura

Il Winx Club invade il cinema... in 3D!

recensione Winx Club 3D - Magica Avventura
Articolo a cura di

Le Winx sono uno dei pochi prodotti tutti italiani a essere diventati un vero fenomeno in tutto il mondo. La serie animata e il primo film sono stati distribuiti in moltissimi Paesi e hanno attratto l'attenzione anche di un mercato, solitamente restìo all'acquisto di prodotti italiani, come quello americano. Nate dalla mente e dagli sforzi di Iginio Straffi, sono diventate un vero e proprio fenomeno, capaci di trasformare in oro tutto quello su cui sbattono le loro sfolgoranti ali. Le fatine di Alfea sono arrivate al loro secondo capitolo cinematografico. Dopo aver finalmente scoperto le proprie origini e aver ritrovato i propri genitori, che cosa aspetta Bloom?

Vita da principessa

La vita come principessa di Domino non è così bella come sembra: Bloom è costretta a svegliarsi ogni mattina e sottoporsi a lunghissimi trattamenti di bellezza, trucco, acconciatura e prove vestiti. Cose che farebbero impazzire moltissime sue amiche, ma che annoiano la rossa fatina, che sente la mancanza delle sue amiche del Winx Club e comincia a essere insofferente all'etichetta di corte. Il sole sembra tornare a splendere quando Sky, il suo fidanzato di sempre, le chiede finalmente di sposarlo... eppure subito dopo ritratta. Che cosa sarà successo? In suo soccorso giungono ovviamente le amiche di sempre, Stella, Flora, Musa, Tecna e Aisha... ma il mondo magico non è minacciato solo dai problemi sentimentali della principessa. Le Trix stanno tramando, infatti, con le perfide Antenate per cancellare la magia buona da Magix.

Episodiche avventure

La trama di questo Winx Club 3D - Magica Avventura è ovviamente quanto di più semplice si possa pensare. Studiato esattamente come se si trattasse di un inizio di stagione dell'ormai acclamato cartone animato, parte dal tipico primo giorno di scuola per incanalarsi poi nello stereotipato scontro tra il bene e il male. Niente di più giusto, trattandosi di un prodotto studiato specificatamente per un pubblico molto giovane, che si perderebbe facilmente in relazioni complesse e situazioni articolate. Tutto, seppur dipanato con una tempistica più lunga, ha la struttura dell'episodio breve. Una situazione di equilibrio viene scossa dai malvagi, parte lo scontro, c'è un momento di paura e, dopo i dovuti sforzi, il bene sconfigge il male, anche se non definitivamente. Aggiungiamoci poi una storia d'amore in pericolo e la miscela vincente è pronta. Ovviamente però questa struttura troppo lineare se da un lato agevola il target di riferimento, dall'altro cancella qualsiasi possibilità che il prodotto possa essere apprezzato anche da chi quei bambini al cinema li ha accompagnati. Le decisioni prese dai personaggi sembrano spesso senza senso, i combattimenti, soprattutto nella prima parte, avvengono senza che si capisca realmente il motivo e le soluzioni sono talmente stereotipate da essere prevedibili fin dai titoli di inizio.

Bambole virtuali

Se spostiamo lo sguardo dalla narrazione alla lavorazione tecnica del film le cose non sembrano migliorare molto. Winx Club 3D e il primo progetto in stereoscopia della Rainbow che ha deciso di dare maggiore valore al suo prodotto di punta attraverso, appunto, l'uso del 3D. sicuramente una scelta intelligente, perché il continuo svolazzare delle fatine viene messo in risalto dalla tecnica e permette al pubblico di immergersi maggiormente nella storia e di sentirsi seriamente parte di Magix. Peccato che a livello di animazione CGI, il film rimanga fermo a livelli discutibili. Straffi e il suo team, infatti, decidono di lasciare alle fatine un aspetto da bambole giocattolo, con movimenti a scatto e giunture in plastica. Le Winx si muovono sullo schermo così come tra le mani della bambine che ne hanno decretato il successo. Persino i lunghi capelli e i vestiti svolazzanti, marchio distintivo del Club, rimangono fermi nella loro artificiosità, privi di qualsiasi fluidità. Le figure animate sembrano composte da blocchi interdipendenti tra loro, rigidi e incapaci di grandi movimenti, che cancellano ogni prospettiva di realismo nell'animazione.

Eppure piace!

Nonostante i suoi mille difetti a livello tecnico, di realizzazione e di sceneggiatura, Winx Club 3D - Magica Avventura riesce ad affascinare e conquistare il pubblico dei più giovani che, indifferente a qualsiasi linguaggio cinematografico, si emoziona e spaventa insieme alle fatine. Affascinate dai colori nitidi e sfavillanti, dal 3D che movimenta la superfice dello schermo e da una colonna sonora di facile presa, le bambine in sala gioiscono di ogni movimento delle Winx. Che importa che in maniera (nemmeno tanto) sottile siano stati dati loro messaggi moralmente ambigui nascosti dietro minigonne e tacchi a spillo? Magix è salva e così anche tutto il mondo che attorno ad essa gravita, fatto di un franchise così grande da sembrare ormai  inarrestabile.

Winx Club 3D - Magica Avventura Winx Club 3D - Magica Avventura è un prodotto creato per un target molto giovane e che solo per esso funziona. Discutibile su tutti i livelli, dall’animazione alla sceneggiatura, dai contenuti alla realizzazione, presenta tutte le caratteristiche che gli permettono di conquistare la fiducia e gli entusiasmi del suo pubblico di riferimento, che è poi quello che ne decreta il successo finale. Astenersi dalla visione tutti gli altri.

5

Che voto dai a: Winx Club 3D - Magica Avventura

Media Voto Utenti
Voti: 28
5
nd