Recensione Tutte contro lui

Cameron Diaz, Leslie Mann e Kate Upton unite contro il fedifrago Nikolaj Coster-Waldau

recensione Tutte contro lui
Articolo a cura di

Cosa fareste se doveste scoprire che il vostro fidanzato è, in realtà, un uomo sposato?
È ciò che accade alla bella Carly Whitten, cui concede anima e corpo Cameron Diaz, avvocato di New York meticolosa e rigidamente fissata con le regole riguardanti uomini e relazioni, che prima si innamora di Mark King alias Nikolaj Coster-Waldau, poi, il giorno in cui decide di fargli una visita a sorpresa nella sua abitazione in Connecticut, si trova davanti Kate, ovvero la Leslie Mann di Questi sono i 40 (2012), ignara moglie di lui e della quale non sapeva l'esistenza.
Ma, anziché diventare acerrime avversarie, le due donne da un lato stabiliscono un legame di amicizia in quanto accomunate dalla stessa delusione portata loro, oltretutto, dal medesimo compagno, dall'altro vengono a conoscenza di una terza amante: Amber, con le sexy fattezze della Kate Upton vista ne I tre marmittoni (2012) di Bobby e Peter Farrelly e, ovviamente, del tutto all'oscuro della movimentata vita sentimentale di Mark.
Ed è anche con il supporto di quest'ultima che decidono di mettere in atto un piano di vendetta nei confronti dell'insospettabile playboy, tre volte traditore ed altrettante volte bugiardo, quindi, decisamente meritevole di una punizione.

Mio marito è un bastardo

Rispettivamente nei panni del padre di Carly e del fratello di Kate, il veterano Don"Django unchained"Johnson e il televisivo Taylor Kinney completano il comparto maschile di una commedia che, tutta dedicata alla complicità del gentil sesso, non può fare a meno di apparire quale rilettura più adulta del plot che fu alla base del dimenticato Il mio ragazzo è un bastardo di Betty Thomas; incentrato, appunto, su un gruppetto di ragazze che scoprivano di essere tutte contemporaneamente fidanzate con il bello e ricco campione di basket studentesco, destinato a diventare, di conseguenza, il loro bersaglio da umiliare.
Perché, con una folle ed esilarante Mann che si rivela la migliore del trio e la mitica Girls just want to have fun di Cyndi Lauper volta ad accompagnare efficacemente il sempre più forte legame tra le protagoniste, se la prima parte dell'operazione diretta da Nick Cassavetes (autore di She's so lovely - Così carina e de Le pagine della nostra vita) punta in particolar modo sul divertimento a suon di battute, la seconda tende a privilegiare, invece, le ingegnose strategie di dispetto ai danni di Mark.
Con creme depilatorie in sostituzione dello shampoo e lassativi pronti a fare il loro terribile effetto, man mano che, senza dimenticare di tirare in ballo una "gag al vestito da sposa", prende forma una sufficientemente godibile commedia a stelle e strisce... non esaltante e forse tirata un po' per le lunghe, ma che può tranquillamente rappresentare il giusto titolo per una serata estiva di relax davanti al grande schermo.

Tutte contro lui A due anni dal drammatico Yellow (2012), Nick Cassavetes torna a toni più leggeri - già affrontati, tra l’altro, tramite She’s so lovely - Così carina (1997) - con una commedia tutta al femminile la cui non originalissima idea di base altro non sembra che il soggetto de Il mio ragazzo è un bastardo (2006) di Betty Thomas, riveduto ponendo gli adulti protagonisti al posto degli studenti. Con tre scatenate interpreti divise tra una Cameron Diaz lavoratrice in carriera, una Leslie Mann comune casalinga e una Kate Upton bambol(on)a tutta forme, il risultato è un elaborato capace di divertire quanto basta e senza troppe pretese, in mezzo a inaspettate crescite mammarie maschili e immancabili peti... pur rischiando di apparire leggermente dilatato oltremisura.

6

Che voto dai a: Tutte contro lui

Media Voto Utenti
Voti: 7
5.4
nd