Toy boy - Un ragazzo in vendita, la recensione del film con Ashton Kutcher

Nikki è un richiesto gigolò di Los Angeles prossimo a scoprire per la prima volta in vita sua cosa sia il vero amore.

recensione Toy boy - Un ragazzo in vendita, la recensione del film con Ashton Kutcher
Articolo a cura di

In Toy Boy - Un ragazzo in vendita Nikki è un prestante e assai richiesto gigolò di Los Angeles che trascorre le proprie serate sempre in compagnia di splendide ragazze. Il giovane decide di dare una svolta alla propria vita andando a caccia di una donna più matura che possa prendersi cura di lui anche dal punto di vista economico e l'occasione sembra più che ghiotta quando incontra la bella quarantenne Samantha, con la quale nasce subito una vibrante intesa sessuale. Nikki si trasferisce nella casa di lusso della nuova amante, continuando a fare la bella vita da nullafacente mentre lei è al lavoro, ma il placido status quo subisce uno scossone quando fa la conoscenza di Heather, sua coetanea lavorante come cameriera in un fast food. La ragazza non cede inizialmente alle lusinghe dello sciupafemmine, fattore che aumenta la curiosità di lui nel conoscerla meglio fino a comprendere di aver forse trovato per la prima volta in vita sua il vero amore.

Sesso e amore

Due anni prima della sua separazione con Demi Moore avvenuta nel 2011, Ashton Kutcher è protagonista di un film che fin dal titolo ripercorre parzialmente la sua relazione con la più matura collega. In Toy Boy - Un ragazzo in vendita l'attore di Due uomini e mezzo interpreta infatti un giovane gigolò che instaura una relazione con una donna più anziana ma ancora incredibilmente sexy quale una splendida Anne Heche, salvo poi scoprire il vero amore. Una commedia romantica diretta dal David Mackenzie di Hell on high water (2016) che punta forte sulla componente erotica / sessuale tanto che, soprattutto nella prima parte, sono più le sequenze in cui i protagonisti si mostrano come mamma li ha fatti che ricoperti di indumenti. Una visione osè che osa entro i limiti del consentito ben presto adombrata da toni più malinconici e romantici, mai capaci però di suscitare un reale coinvolgimento alla vicenda dei due freschi innamorati, ognuno alle prese con segreti e somiglianze che restituiscono in maniera superficiale la vacuità di certa gioventù odierna. Tolto l'inaspettato finale, che si distacca dalla maggior parte delle produzioni di genere, i novanta minuti di visione non brillano per scelte narrative con una costante monotonia di atmosfere e situazioni che si ripetono in serie nella più classica prevedibilità del filone. Anche la situazione inerente al gioco delle parti, che si rivela praticamente invertita, nell'ultima mezzora è priva della necessaria forza emotiva per suscitare sussulti degni di nota. In un'operazione che a dispetto delle numerose copulazioni mostrate si adatta ben presto ad un tipico sguardo moralista di matrice hollywoodiana.

Toy boy - Un ragazzo in vendita Commedia sexy in cui Ashton Kutcher si dà da fare come gigolò, cercando prima una milf in carriera che lo mantenga e in seguito scoprendo gioie e dolori del vero amore, Toy Boy - Un ragazzo in vendita punta nella prima parte sul sesso spinto, con la sensualità di un'irresistibile Anne Heche a farla da padrone, salvo poi ammorbidirsi sui tipici toni romantici del filone. Finale non poi così prevedibile a parte, l'operazione si rivela troppo esile per sorreggere degnamente novanta minuti di visione e ben presto è la monotonia a far capolino in un prodotto ad uso e consumo di un pubblico prevalentemente voyeuristico. Il film andrà in onda stasera, mercoledì 7 febbraio, alle 21.15 su TV8.

5

Che voto dai a: Toy boy - Un ragazzo in vendita

Media Voto Utenti
Voti: 3
6
nd