Tornado F6 - La furia del vento, la recensione del film con Casper Van Dien

Un meteorologo cerca di salvare la sua famiglia mentre si trova alle prese con una serie di devastanti tornado che colpiscono il Texas.

recensione Tornado F6 - La furia del vento, la recensione del film con Casper Van Dien
Articolo a cura di

Durante il periodo natalizio una piccola cittadina del Texas è presa di mira da un devastante tornado. Il meteorologo e professore part-time Ethan Walker, impiegato all'università locale per studiare i fenomeni climatici, assembla un team per studiare quanto accaduto la notte precedente. La moglie dell'uomo, Addison, lavora come reporter del telegiornale e si trova ad affrontare un estenuante tour-de-force televisivo per informare gli spettatori sulle ultime evoluzioni. Nel frattempo Ethan comprende che altri distruttivi eventi simili sono in arrivo, ma i piani alti dell'emittente ignorano i suoi avvertimenti bollandoli come paranoici.
In Tornado F6 - La furia del vento lo scienziato scoprirà ben presto di avere ragione e, in compagnia del secondogenito, si metterà in viaggio per salvare la figlia maggiore, uscita per un giro al centro commerciale con la sua migliore amica. La concomitanza delle feste non lo aiuta di certo nell'impresa e per salvare i suoi cari Ethan dovrà dimostrarsi pronto a tutto in una serrata lotta contro il tempo.

Dalle stelle alle stalle

Dopo aver avuto a che fare con orde di giganteschi insetti giganti nel cult Starship Troopers - La fanteria dello spazio (1997) e aver addirittura vestito i panni dell'eroe della giungla in Tarzan - Il mistero della città perduta (1998), la carriera di Casper Van Dien, volto prototipo del belloccio americano, ha subito un inesorabile declino, portandolo nell'ultimo decennio a partecipare a produzioni a basso budget sempre più improponibili. E l'attuale decennio l'ha visto specializzarsi nell'affrontare fenomeni climatici incontrollabili, comparendo in ben tre film a tema: oltre al qui oggetto di discussione Tornado F6 - La furia del vento, sua prima incursione nel sottofilone catastrofico, negli anni successivi il Nostro ha vestito il ruolo di protagonista nei coevi Mega tornado (2013) e Uragano di fuoco (2015). Titoli che, come nella peggior tradizione dei b-z/movie, non eccellono per qualità tecniche e narrative e che vedono una manciata di personaggi, spesso specializzati nelle professioni più consone a sfidare le intemperie, correre da una parte all'altra dall'inizio alla fine nel tentativo di cercare di salvare i propri cari.

Via col vento

In patria è conosciuto anche come Christmas Twister, ma gli unici particolari che indirizzano l'ambientazione su un periodo natalizio sono relativi ad un segnavento con l'effige di Santa Claus e ad un Babbo Natale con cui fare le foto al centro commerciale. Certo, il fatto che i giorni lieti si avvicinino è anche la scusa con la quale l'emittente televisiva evita di allarmare il proprio pubblico, ma è un escamotage che si rifà ai canoni del genere dove spesso la stupidità o la sottovalutazione degli eventi portano la situazione a livelli sempre più tragici. E così i novanta minuti di visione, che guardano per gestione e toni comici alla miriade di produzioni Asylum a tema (pur vantando un'altra compagnia alle spalle), sono un susseguirsi di scelte scellerate da parte delle figure secondarie, con il solo e coraggioso Ethan ad avere un po' di sale in zucca nel tentativo di condurre al più felice degli epiloghi, dove manca solo la bandiera americana svolazzante per completare la fiera dei cliché. La qualità degli effetti speciali è come prevedibile imbarazzante, la narrazione dal livello scientifico è irricevibile (pur mandando un condivisibile messaggio ambientalista) e la tensione pressoché assente anche nelle sequenze sulla carta più concitate, e non bastano un paio di scene che puntano su una pungente autoironia a giustificare i restanti ottanta minuti di nulla assoluto.

Tornado F6 - La furia del vento Casper Van Dien, storico interprete di Johnny Rico nel cult Starship Troopers - Fanteria dello spazio (1997), è qui al centro per la prima volta (ne conterà altre due in futuro) di un film a basso budget nel quale si trova alle prese con devastanti tornado che prendono di mira una cittadina del Texas. Uno z-movie in piena regola che si affida ad effetti speciali di rara povertà, ad una sceneggiatura che forza situazioni sempre più assurde al fine di allungare il già esiguo minutaggio e ad una manciata di sequenze auto-ironiche nella gestione dell'improbabile gruppo di personaggi, alle prese con la furia distruttiva della natura. Tornado F6 - La furia del vento è una visione ostica anche per i più strenui appassionati del genere, e senza manco poter contare sulle strampalate esagerazione dei coevi mockbuster made in Asylum, arrivare al prevedibile e melenso lieto-fine diventa un'impresa masochistica. Il film andrà in onda stasera, mercoledì 24 ottobre, alle 21.15 su CIELO in prima visione tv.

2.5

Che voto dai a: Tornado F6 - La furia del vento

Media Voto Utenti
Voti: 3
1.7
nd