The Recall, la recensione dello sci-fi con Wesley Snipes

Un gruppo di ragazzi in vacanza deve far fronte a un'invasione aliena con l'aiuto di un ex astronauta, che ha già avuto contatti con gli extraterrestri.

recensione The Recall, la recensione dello sci-fi con Wesley Snipes
Articolo a cura di

Charlie non si è mai del tutto ripreso dalla tragica morte della fidanzata, perita un anno prima in un incidente stradale. Ora il giovane è prossimo a trascorrere un weekend con degli amici in un'isolata baita, in un lago di proprietà di uno di loro. Durante una sosta, poco prima di giungere alla meta, il gruppo si imbatte in un cacciatore locale che si scopre ben presto essere un ex astronauta, traumatizzato da un misterioso evento del passato: l'uomo vive come una sorta di eremita, in una capanna nel bosco adiacente il luogo di villeggiatura. Nel frattempo delle strane nuvole a spirale infestano i cieli di tutto il mondo, nascondendo in realtà delle astronavi aliene arrivate sulla Terra per mettere in atto un rapimento di massa di esseri umani.
In The Recall i ragazzi si trovano così alle prese con inquietanti creature aliene e proprio il solitario uomo residente nella foresta, che sembra saperla lunga sulla venuta degli extraterrestri, si rivela un fondamentale alleato nella lotta per la sopravvivenza.

Alien evolution

Sono rari i film pensati per esseri proiettati nel formato BARCO Escape Panoramic, che ha debuttato qualche anno fa con Maze Runner - Il labirinto (2014): 120 fps su schermo, tre moderni pannelli e proiettori, per una visione immersiva pensata rigorosamente per la sala. Appartiene a questa sparuta lista The Recall (distribuito in home video da Minerva Pictures), il quinto lungometraggio diretto dall'italiano Mauro Borrelli, già concept artist per registi del calibro di Tim Burton e Terry Gilliam, e sicuramente il più ambizioso a livello concettuale. Ci troviamo infatti di fronte a uno sci-fi in piena regola in cui ha luogo una vera e propria invasione aliena, destinata a cambiare per sempre il futuro dell'umanità; al centro della storia cinque ragazzi e un cacciatore/ex astronauta pronto a tutto pur di farla pagare alle sue "vecchie conoscenze". L'aspirazione di partenza non è purtroppo sostenuta a dovere dalla fase narrativa, con risvolti e dinamiche via via sempre più improbabili che si determinano fra i vari personaggi, e l'apparente formula da slasher anni '80 trova ideale fondamenta nella relativa idiozia dei suddetti che, a un certo punto, si troveranno anche l'uno contro l'altro nel bel mezzo dei momenti più tensivi.
Nell'ultima parte viene lasciato spazio a puri istinti di genere, realizzati con discreti effetti speciali, e a una suggestiva cura per le scenografie aliene, ma è ormai tardi per recuperare in corner i vizi di uno script che col suo epilogo aperto a potenziali sequel strizza anche l'occhio al pubblico degli young adult. Il cast giovanile è popolato da star del piccolo schermo, su tutte RJ Mitte da Breaking Bad, mentre Wesley Snipes nei panni del rude e folle cacciatore solitario dall'oscuro passato si presta con autoironia a un ruolo dai rischiosi tratti scult.

The Recall Cinque ragazzi in vacanza sul lago, un misterioso cacciatore solitario che vive nella foresta e un'invasione aliena in corso: The Recall mette tanta carne al fuoco ma non trova un preciso equilibrio d'intenti, con dinamiche narrative imprecise e poco verosimili che guardano anche al cinema slasher. Se l'ultima parte è visivamente accettabile, con discreti effetti speciali e relative scenografie e sessioni di make-up, per gran parte dei novanta minuti di visione si assiste alla fuga disperata dei protagonisti, non proprio dei "fulmini di guerra", all'interno di una fitta boscaglia che nasconde potenziali insidie, rendendo monotono e affine a dinamiche young adult il più ambizioso, almeno sulla carta, concept di partenza.

5

Che voto dai a: The Recall

Media Voto Utenti
Voti: 8
6.4
nd