The Nest - Il nido, la recensione dell'horror di Roberto De Feo

Il regista barese esordisce con un film ricco di suggestioni, che sfrutta gli archetipi dell'horror per imbastire una storia piena di sorprese.

The Nest - Il nido, la recensione dell'horror di Roberto De Feo
Articolo a cura di

Samuel è un bambino paraplegico, costretto sulla sedia a rotelle fin dalla tenerà età in seguito a un tragico incidente automobilistico, avvenuto per cause misteriose. Il piccolo ha sempre vissuto con la madre Elena nella villa di famiglia, una remota magione circondata dai boschi.
La donna fa parte di una setta che ha deciso di eliminare drasticamente ogni contatto con il mondo esterno e cresce il proprio figlio nel più totale isolamento, al sicuro da potenziali pericoli provenienti da fuori.
Samuel comincia a manifestare una certa insofferenza per la situazione e l'arrivo in casa di Denise, una ragazzina di pochi anni più grande di lui, aumenta ulteriormente la sua voglia di scappare da quella gabbia in cui è stato allevato. La nuova giunta, accolta per esaudire l'ultima volontà di un vecchio amico di Elena, rischia di creare scompiglio e inizia a rappresentare una minaccia per le leggi che da tempo dominano quella tetra dimora.

Fuori dal mondo

Non si vedono tutti i giorni esordi su grande schermo di tale calibro, soprattutto nello spesso asfittico cinema di genere nostrano. E quello del barese Roberto De Feo è già un instant cult, un titolo che si pone anche nel mercato internazionale con personalità, pur rifacendosi nelle dinamiche base a diversi leit-motiv del filone.
Il merito del regista è però quello di utilizzare tali cliché per dar vita a una creatura ibrida e ricca di sfumature, capace di riplasmare i dettami dell'horror gotico in una chiave da atipico coming-of-age.
Se la base narrativa portante finisce per ricollegarsi a quelle teorie di un microcosmo chiuso al resto del mondo, sulla scia del memorabile The Village (2004) di M. Night Shyamalan, e l'amicizia tra i due giovanissimi interpreti riporta alla mente un altro cult quale Lasciami entrare (2008), il modo in cui la storia si adombra di elementi nuovi e originali riesce sempre a mantenere un invidiabile livello di attenzione.
Cento minuti durante i quali lo spettatore crede di aver intuito tutto salvo poi essere spiazzato con grande bravura, con certe scelte dei personaggi più comprensibili, pur se divisi tra diverse tonalità di ombre e luci.

Questione di aspettative

La messa in scena trova una primigenia forza già nel prologo, con il cimitero privato in bella mostra e la nebbia che circonda la magione teatro degli eventi in una notte fosca. E qui le atmosfere da ghost-story sembrerebbero pronte a essere innescate, con tanto di macabro passaggio onirico che a un certo punto potrebbe suggerire una tale deriva.
The Nest - Il nido tradisce invece furbescamente le aspettative, concentrandosi sulla costruzione di un'atmosfera torbida e annichilente, di opprimente impotenza, dove la verità si nasconde dietro una violenza apparentemente smisurata - più dal punto di vista psicologico - e il rapporto tra le figure chiave si rivela essere il cuore portante di tutto l'insieme.

L'antitetico legame sonoro tra la musica classica - da Rossini a Beethoven - e l'alternative rock dei Pixies, rimarcato in più occasioni nell'esposizione del crescente rapporto tra Samuel e Denise, è lo specchio del progressivo disgregarsi del mondo adulto, subdolo e crudele per vie e motivi inizialmente indecifrabili.
Uno stridio incessante tra generazioni che diventa ideale e lugubre accompagnamento di un percorso di formazione, schiavo di una fitta rete di segreti e bugie e prossimo a crollare sotto il peso della propria vacuità.

The Nest - Il nido Roberto De Feo assorbe influenze, tematiche e scenografie per riversarle in un lungometraggio d'esordio che gioca con le aspettative del pubblico, disseminando diverse piste che poi trovano sempre altri sbocchi. The Nest - Il nido è un horror d'atmosfera nella gestione della lugubre ambientazione principale, un'enorme villa isolata dal resto del mondo, che rielabora i dettami del filone in maniera subdola e originale per innescare un coming-of-age ricco di sorprese e incredibili rivelazioni. Il regista barese mette in mostra una certa ambizione, suscitando paragoni non soltanto narrativi con cult più o meno recenti in una chiave di lettura personale, ottimamente supportato dal suggestivo contesto e dalle convincenti interpretazioni del cast. Il film andrà in onda lunedì 8 febbraio alle 21.20 su RAI4 in prima visione tv.

7

Che voto dai a: The Nest - Il nido

Media Voto Utenti
Voti: 6
5.5
nd