The Monster Recensione

Una madre e una figlia in rapporti tumultuosi si trovano ad affrontare una spaventosa creatura in The Monster, intenso horror drammatico di Bryan Bertino.

recensione The Monster
Articolo a cura di

I mostri più grandi sono quelli dentro di noi, ma questo non vuol dire che non possano coesistere con quelli dell'iconografia horror. E' proprio giocato su quest'affascinante contrapposizione / similitudine l'ultimo film di Bryan Bertino, da lui anche sceneggiato, che vede per protagoniste assolute una madre e una figlia in rapporti tesissimi. The Monster inizia infatti quando la piccola Lizzy chiede alla giovane madre Kathy di essere accompagnata dal padre che da poco ne ha ottenuto l'affidamento; la donna, infatti, reduce da un passato di droghe e alcoolismo, non è più in grado di prendersi cura della bambina, con la quale per altro sono scoppiate nel recente passato liti furibonde dovute alle sue dipendenze. Durante il tragitto in macchina, in una notte di fitta pioggia, le due sono vittima di un incidente nel quale ad avere la peggio è un lupo che stava attraversando la strada: l'animale, ferito a morte, riporta sul corpo però altri strani segni di violenza. Quando arriva il carroattrezzi per rimuovere la vettura dalla carreggiata e condurle alla città più vicina, Kathy e Lizzy comprendono come nella foresta circostante si aggiri una creatura pericolosa anche per loro.

Mostri e demoni interiori

Gran bell'horror capace di unire gustosi istinti di genere a più profonde diramazioni drammatiche, The Monster usa metaforicamente il mostro in carne ed ossa per rappresentare anche i demoni interiori delle protagoniste, madre e figlia alle prese con dolori e rimpianti di un rapporto sempre sospeso tra momenti di straziante tenerezza e di pura violenza psicologica. Non è un caso che soprattutto la prima parte veda un copioso ausilio dei flashback ad introdurci con lucidità nei trascorsi emotivi delle due, con pagine di profonda amarezza che preparano il campo al progressivo riconciliamento che avviene proprio nei momenti di maggiore pericolo. Bertino è abilissimo nel gestire l'esiguo budget e sfruttare la misera ambientazione, ridotta per la quasi totalità del minutaggio alla foresta in cui le nostre sono vittima dell'incidente, scatenando da quel momento clou un vero e proprio crescendo di tensione nell'attesa che la spaventosa creatura (realizzata più che discretamente) faccia la sua apparizione. L'ultima parte, pur scadendo in alcune forzature che rovinano parzialmente la verosimiglianza della vicenda, preferisce seguire vie inusuali che aumentano e non poco l'impatto empatico della vicenda, riuscendo in una manciata di sequenze a scatenare una sincera commozione. All'interno di questa costruzione filmica così intensa e raffinata brillano di luce propria le magnifiche interpretazioni della giovanissima Ella Ballentine (appena quattordicenne ai tempi delle riprese) e della bella Zoe Kazan, capace di sfumare magistralmente una figura così complessa e tormentata.

The Monster Horror drammatico di grande impatto che gioca col genere per raccontarci un intenso e contrastato legame familiare, The Monster regala novanta minuti ad alta tensione esasperando magnificamente gli eccessi emotivi nella gestione di un difficile rapporto tra madre e figlia alle prese con una creatura mostruosa nel bel mezzo di una foresta. Bertino, già autore dell'apprezzato The Strangers (2008), fa di necessità virtù dando vita ad una macchina filmica di rara profondità umanistica che spaventa e commuove al contempo, instillando una copiosa e avvolgente atmosfera nella disperata ricerca di sopravvivere da parte delle due protagoniste, interpretate superbamente da Zoe Kazan e Ella Ballentine.

7

Che voto dai a: The Monster

Media Voto Utenti
Voti: 1
7
nd