Netflix

The Harder They Fall Recensione: lo spettacolare western di Netflix

Il cantautore britannico The Bullitts esordisce alla regia del suo primo film con un titolo visivamente strabordante e un cast di primordine all-black.

The Harder They Fall Recensione: lo spettacolare western di Netflix
Articolo a cura di

"Queste. Persone. Sono esistite". Nonostante venga specificato che l'intera storia di The Harder They Fall sia frutto di ingegno e fantasia, la specificazione è chiara: i personaggi raccontati sono realmente esistiti. Non cowboy, sceriffi o fuorilegge qualunque, però, perché l'idea di Jeymes Samuel - in arte The Bullitts - era quella di riunire insieme in unico lungometraggio tutte le leggende afroamericane dell'Old Wild West del diciannovesimo secolo, creandoci attorno una storia.

E, infatti, il regista fa il suo esordio dietro la macchina da presa, mettendo al centro del racconto Nat Love (il lanciatissimo Jonathan Majors), un bandito con una taglia da 10.000 dollari sulla testa che decide di rimettere insieme la sua combriccola di delinquenti "per bene", per sistemare un conto in sospeso con il temibile Rufus Buck (Idris Elba) e i suoi sanguinari briganti, rei di aver ucciso i genitori del nostro protagonista.

Ha così inizio una caccia all'uomo che metterà faccia a faccia una delle pistole più promettenti e in ascesa del vecchio west contro una vera e propria leggenda crudele e spietata, in uno scontro di talenti, resistenza e nervi saldi dal retrogusto generazionale, oltre che dall'ovvio sapore di vendetta. Una risoluzione di conti che è tutta sangue, stile e violenza su Netflix. Una sorta di Avengers Assemble dedicata alla figure più losche e affascinanti del panorama delinquenziale western afroamericano.

Un western crudo e all-black per Netflix

Un po' come RZA, che nel 2012 fece il suo simpatico ma dimenticabile esordio che trovate descritto nella nostra recensione de L'uomo con i pugni di ferro, anche Samuel è un musicista prestato al cinema di genere. La differenza sostanziale sta nell'obiettivo e nel risultato raggiunto, nonché nelle capacità effettive dell'autore - che ha anche co-sceneggiato il film insieme a Boaz Yakin - di confezionare un'opera visivamente strabordante e ricca di contenuti, citazioni, derivazioni e uno stile encomiabile.

Forse è tutto questo ad aver convinto anche Jay-Z a produrre il progetto, come sicuramente l'estro artistico e creativo di The Bullitts, che da sempre nella sua carriera ha affiancato la musica al cinema, accompagnando le sue uscite con dei cortometraggi mirati e diretti con grande cura e attenzione (recuperateli su Youtube, non ve ne pentirete). Muovendosi dunque con un occhio a Tarantino e l'altro a James Gunn, Samuel è riuscito a dirigere con coraggio e spavalderia un film in grado di unire un body-count movie veloce e contemporaneo ad un ritmo narrativo soddisfacente, impreziosito da interpretazioni uniche e caratteristiche, il tutto miscelato a un continuo andirivieni d'azione che ha sempre e comunque il suo perché.

Se la regia sa tenere saldamente insieme tutte le parti della produzione, la sceneggiatura è un altro aspetto importante dell'opera, decisa ad inserire quanti più pezzi possibili nella scacchiera di The Harder They Fall senza poi avere fretta di unirli, lasciando maturare dialoghi e relazioni, conflitti e momenti più salienti del bel western Netflix. In questo mosaico, dobbiamo dirlo, non tutto è esattamente al suo posto: l'intreccio perde un po' di mordente nella fase centrale del film e non approfondisce a sufficienza l'antagonismo tra le figure di Majors ed Elba, ma risulta ugualmente ispirato ed intriso di epica western.

The Harder They Fall: il prezzo della vendetta

Il lungometraggio sembra infatti strutturato per gradi, con una prima parte dedicata alle presentazioni e alle loro violente conclusioni (tenete a mente uno scontro tra Zazie Beetz e Regina King, entrambe straordinarie!) e una seconda incentrata sulla risoluzione dei conti. Ciò in cui il titolo eccelle - oltre alle soluzioni artistiche - è il grande carisma del suo cast, dove a brillare su tutti sono le già citate attrici, il mitico Idris Elba e il sempre più desiderato Majors, sempre ottimo in ogni ruolo, che ha ormai un forte ascendente cinematografico e attoriale sul grande pubblico con il suo ingresso nel MCU nel ruolo di Kang il Conquistatore.

È anche interessante - dopo il cinecomic Marvel con Chadwick Boseman (qui la nostra recensione di Black Panther) - vedere in un titolo palesemente pop e nato per diventare un piccolo cult di genere con così tanti interpreti di successo afroamericani: un cast davvero brillante e sbalorditivo, soprattutto per un western, ma ancor più per l'idea che c'è alle spalle. Samuel - inglese fino al midollo - ribalta infatti il mito del Destino Manifesto e ridà dignità e spessore a chi aiutò i bianchi dell'epoca a muovere la Guerra Civile verso ovest; quegli esponenti della comunità nera che gli storici stimano essere stati molti di più di quanti se ne siano mai raccontati, compresi appunto cowboy, fuorilegge o ranger.

The Harder They Fall è insomma il western americano più black, pop e stellato mai realizzato nella storia di Hollywood. Vive di stile ed esagerazioni peccando un po' in raffinatezza, ma è un titolo sia cinematograficamente che ontologicamente azzeccato, con un protagonista audace e consapevole accompagnato nel suo viaggio da un contorno di personaggi sopra le righe; ognuno di loro ben caratterizzato nel proprio minutaggio (in questo ricorda The Suicide Squad di Gunn). C'è stile e sostanza, dunque, in uno dei migliori titoli originali autunnali Netflix.

The Harder They Fall Violento, eccessivo, ingegnoso e strabordante stile. The Harder They Fall dell'esordiente Jeymeson Samuel è uno dei western americani più pop e spavaldi della Hollywood contemporanea; al contempo sanguinario e divertente nella sua doppia anima vendicativa e ontologica, dedicato a ribaltare il mito e il senso del Destino Manifesto anglosassone, e a riunire insieme sotto lo stesso tetto alcune delle più grandi leggende afroamericane del vecchio e cattivo west. Un titolo ricco d'inventiva e coraggio e di attori carismatici messi insieme o uno contro l'altro, in un'apoteosi cinematografica di stelle afroamericane. Da vedere senza indugi: è sicuramente uno dei migliori titoli autunnali targati Netflix.

7.5

Quanto attendi: The Harder They Fall

Hype
Hype totali: 13
62%
nd