Recensione The Bourne Identity

Il primo capitolo della saga di Jason Bourne

recensione The Bourne Identity
Articolo a cura di

In The Bourne Identity un giovane uomo viene ripescato su un peschereccio mentre galleggia svenuto nelle acque. Curato dal medico di bordo il ragazzo si risveglia ma è incapace di ricordare la sua identità: l'unico indizio è dato da un proiettore laser estrattogli da un impianto sottocutaneo che reca l'indirizzo di una banca svizzera e un numero di conto. Sbarcato dall'imbarcazione dopo due settimane in mare aperto, questi decide di indagare sulle proprie origini e nella sede della banca trova nella sua cassetta di sicurezza personale una pistola e una serie di passaporti di diverse nazionalità e intestati a nomi diversi, comprendendo però che la sua reale identità è quella di Jason Bourne, americano residente a Parigi. Poco dopo la visita alla banca la CIA si mette sulle sue tracce e comincia a dargli la caccia, chiamando in servizio un manipolo di implacabili killer: unica ad aiutare Bourne sarà Marie, una ragazza olandese con problemi finanziari che per ventimila dollari accetta di dargli un passaggio fino alla capitale francese. Ma il loro viaggio sarà ricco di insidie...

L'inizio

Primo episodio cinematografico (tratto a sua volta dal primo romanzo della saga cult scritta da Robert Ludlum) per il personaggio di Jason Bourne, The Bourne Identity è il capitolo iniziale dell'attuale quadrilogia (già destinata ad espandersi ulteriormente) di spionaggio che ha visto per protagonista Matt Damon e, nell'ultimo tassello, Jeremy Renner. Diretto nel 2002 da Doug Liman (Mr. & Mrs. Smith, Jumper, il recente Edge of Tomorrow - Senza domani) e con un interessante cast di contorno (Franka Potente, Chris Cooper, Julia Stiles, Clive Owen, Brian Cox e il "nostro" Orso Maria Guerrini) il film ha ottenuto un convincente successo di pubblico e creato una nuova "icona" del genere che, come confermato dallo stesso Damon pochi giorni fa, tornerà prossimamente al cinema per la regia di Paul Greengrass (già dietro la macchina da presa per il secondo e terzo episodio).

Un nome senza volto

E' la piacevole atmosfera retrò che combina sobriamente tematiche spy / mystery al cinema d'azione del nuovo millennio a rendere The Bourne Identity un oggetto filmico interessante e non banale, capace di gestire bene i tempi narrativi non disdegnando qualche breve ma lucido accenno introspettivo e una sana dose d'azione. Azione girata con una certa cura, a cominciare dall'avvincente inseguimento automobilistico per le strade di Parigi per arrivare alle serrate sparatorie, con un occhio di riguardo per uno spettacolo calibrato che non eccede (quasi) mai e convince per una discreta dose di realismo (fattore che si perderà in parte nei successivi episodi). Merito anche di un'ottima sceneggiatura che riesce a gestire i suoi, seppur prevedibili, cliffhanger e la corollaria love-story (buona a tal proposito la sintonia tra la Potente e Damon). E se non tutti i misteri vengono, per ora, spiegati, la storia ha comunque una sua coerenza di base tale da rendere lo scontato happy ending meno fastidioso del solito. Riuscita la trasformazione di Bourne da uomo senza un passato ad implacabile "good killer" e nonostante il pathos e l'adrenalina siano relativamente smorzati da una regia sì coerente ma poco "guizzante" il livello di attenzione e partecipazione rimane comunque alto in tutte le due ore di durata, garantendo una visione piacevole che pone le basi per il da lì immediato futuro.

The Bourne Identity Il primo episodio su grande schermo di Jason Bourne, The Bourne Identity, rimane il più piacevolmente sobrio di quelli sinora realizzati, recuperando ritmi retrò senza comunque dimenticare una sana componente ludica che ha atto in una manciata di esaltanti sequenze d'azione. Grazie al carisma di un Damon in velata sottrazione e ad un affiatato cast di comprimari le due ore di visione volano in un lampo e garantiscono una certa vena empatica per lo spettatore, che difficilmente non potrà appassionarsi alla ricerca della verità da parte del protagonista.

7.5

Che voto dai a: The Bourne Identity

Media Voto Utenti
Voti: 7
7
nd