Recensione The Blues Brothers

I Blues Brothers tornano a cantare in Blu-Ray

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

“Siamo in missione per conto di Dio!”. Una delle citazioni cinematografiche più famose di sempre, tratta da un vero classico degli anni '80: The Blues Brothers. La pellicola, che vanta stuoli di fan in tutto il mondo, è davvero iconica e i due protagonisti, John Belushi e Dan Aykroid, resteranno per sempre nell'immaginario collettivo con i loro completi scuri, gli occhiali da sole e il ritmo nel sangue, come immortalati da John Landis in quel lontano 1980 che consacrò questa pellicola alla memoria dei posteri e in particolare degli amanti delle commedie musicali.
Elwood e Jake, due scavezzacollo non da poco col pallino per il Blues, sono di nuovo in pista. Ma devono assolutamente recuperare 5000 dollari entro pochi giorni, o l'orfanotrofio in cui sono cresciuti dovrà chiudere i battenti. Inizia dunque un viaggio on the road alla ricerca prima degli ex componenti della loro vecchia band, e poi di un ingaggio abbastanza danaroso da permetter loro di portare a termine la loro 'sacra missione'. E non importa se, nel corso della loro avventura, ne succederanno di tutti i colori...

Everybody needs somebody...to love

A distanza di più di trent'anni dalla sua prima uscita, il film torna sul mercato, e questa volta alla grande, con un'edizione Blu-Ray in alta definizione e con tutti i crismi, curata da Universal.
L'edizione da noi presa in considerazione per la recensione è appunto quella Blu-Ray + Digital Copy. Fatto interessante è proprio la presenza della copia digitale del film nella confezione, senza bisogno di scaricarla da internet presso un sito apposito: basta inserire il dvd fornito nel lettore del pc, trasferire il file e poi attivarlo tramite la chiave in dotazione.
Il Blu-Ray, inoltre, è compatibile con l'applicazione pocket-BLU, che permette di utilizzare iPhone, iPod e iPad per interagire a diversi livelli con il film.
Venendo più nello specifico al Blu-Ray e alla conversione del titolo, non si può non notare la cura posta nella confezione dello stesso, a partire dai bei menu animati.
Stupisce come una pellicola di più di trent'anni fa possa essere riportata in alta definizione con una tale accuratezza: eppure l'inevitabile grana dell'immagine è percettibile solo in rare occasioni, lasciando lo spettatore perlopiù sbigottito dall'ottimo contrasto e saturazione dei colori, mai prima d'ora così vividi in un'edizione domestica del film. Ovviamente risulta restaurato anche il comparto audio, presentato (per la maggior parte delle numerose tracce audio presenti su disco, tra cui naturalmente italiano e inglese) in DTS Surround 5.1 . È chiaramente una conversione dell'originale stereo, con tutti i suoi pregi e difetti (compresa una leggera discrepanza di livello di volume tra dialoghi, effetti sonori e musiche nella colonna italiana), ma crediamo che difficilmente fosse possibile far meglio di così.
Molto più che soddisfacente il comparto degli extra, con quasi un'ora e mezza di contenuti aggiuntivi. Si parte con il documentario 'La trasposizione della musica' della durata di quindici minuti, per poi tuffarsi letteralmente in una serie di ben quindici making-of e documentari sul film e sul mito dei Blues Brothers, dalle loro prime apparizioni live alle scene cult del film, per un totale di circa un'ora di interessante materiale in gran parte inedito. Chiude il tutto un doveroso omaggio a John Belushi, prematuramente scomparso nel 1982, della durata di circa dieci minuti.

The Blues Brothers Per tutti coloro che vogliono riscoprire un vero e proprio mito degli anni '80, il Blu-Ray di The Blues Brothers è imperdibile, sia per meglio comprendere (e apprezzare) un genere e uno stile unici e irripetibili tramite un film spassoso e surreale, sia per l'alta qualità del supporto, che si fa fatica a credere stia proponendo su schermo un film di trent'anni fa con tale pulizia audio/video.

7.5

Che voto dai a: The Blues Brothers

Media Voto Utenti
Voti: 8
8
nd