The Alibi, la recensione del film con Steve Coogan

Un truffatore, che per mestiere fornisce alibi ai propri clienti, si trova a gestire una situazione complicata quando ci "scappa il morto".

recensione The Alibi, la recensione del film con Steve Coogan
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Ray Elliott è un simpatico truffatore che per lavoro fornisce alibi ai propri clienti: la maggior parte degli incarichi commissionatigli riguarda ovviamente situazioni di infedeltà coniugale, mentre invece vengono rifiutati in partenza quelli che riguardano attività criminali. Da poco alle sue dipendenze è stata assunta la bella assistente Lola, la quale dimostra subito di saperci fare col "mestiere", rivelandosi una vera e propria ancora di salvezza in diverse situazioni.
In The Alibi il protagonista si sostituisce, tramite la falsificazione e il relativo scambio di documenti, al figlio di uno dei suoi principali clienti che ha intenzione di trascorrere un weekend di fuoco con la sua nuova "amichetta". La serata a luci rosse finisce però in tragedia in seguito a un giochino sadomaso degenerato, con la ragazza morta per soffocamento.
Ray è costretto allora a infrangere le regole che si era dato e a insabbiare l'accaduto, ma ben presto la polizia si mette sulle tracce della malcapitata vittima e il di lei geloso fidanzato pretende vendetta per l'omicidio.
Per l'imbroglione di professione questo sarà il compito più difficile dell'intera carriera, dal quale potrebbe dipendere la sua stessa vita.

Segreti e bugie

A volte vi sono pellicole che passano totalmente inosservate e finiscono nel dimenticatoio nonostante si rivelino poi, a un provvidenziale recupero, assai più pungenti e incisive di altre ben più blasonate. È questo il caso di The Alibi (disponibile anche nel catalogo di RaiPlay), commedia frutto di una co-produzione tra Stati Uniti e Paesi Bassi che nel 2006, dopo diversi rinvii, è uscita Oltreoceano direttamente per il mercato home video. La vicenda al centro degli eventi deve aver sicuramente ispirato il più recente e altrettanto godibile Alibi.com (2017), anche se qui il tipo di comicità è più raffinato e legato a un impianto thrilling capace di generare, nella rocambolesca resa dei conti finale, una discreta dose di suspense.
L'esordio dietro la macchina da presa dei registi Matt Chechowski e Kurt Mattila, che in seguito hanno separato le loro carriere, possiede un ritmo scatenato e una notevole gestione delle varie anime del racconto, con il cuore tragicomico che prende - col procedere degli eventi - percorsi più affini al cinema spionistico, riuscendo sempre a garantire la giusta varietà di situazioni nel corso dei novanta minuti di visione.

Il genio della truffa

Tra frasi fatte forse non originalissime ma azzeccate al contesto, quali "le bugie sono le grandi fondamenta della nostra società", e continui ribaltamenti di ruoli, The Alibi è diretto con mano sicura e può contare su un numeroso ed eterogeneo cast: se Steve Coogan (recentemente visto nei panni di Cric nell'ispirato biopic Stanlio & Ollio) e Rebecca Romijn (allora reduce dal grande successo della prima trilogia degli X-Men, dove interpretava Mystica) sono perfetti nei ruoli principali, lui sarcastico ed elegante e lei sensuale come non mai, il cast di comprimari è quello delle grandi occasioni, con interpreti del calibro di James Brolin, Sam Elliott, Selma Blair e James Mardsen in ispirati e divertenti ruoli secondari, tratteggiati in maniera tanto folkloristica quanto efficace ai fini della trama.
E se le menzogne hanno le gambe corte, il protagonista si rivela abilissimo maestro dell'inganno nell'organizzazione del suo cervellotico piano, giostrato con sagace ironia dalla tagliente sceneggiatura del debuttante Noah Hawley.

The Alibi All'inizio del film un voice-over del protagonista ci informa della statistica secondo la quale un uomo su quattro e una donna su dieci sarebbero soliti tradire i loro partner. Proprio sulle scappatelle coniugali il personaggio interpretato da Steve Coogan ha fatto la propria fortuna, aprendo un'agenzia che fornisce alibi ai propri clienti. Quando però ci scappa un cadavere, le cose si complicano in maniera inaspettata... The Alibi è una frizzante e intelligente commedia sull'abuso delle bugie e le conseguenze che da essere derivano, flirtante nel frenetico procedere degli eventi, con atmosfere thrilling quasi da spy-story nei tentativi di salvare la situazione in extremis. L'utilizzo dell'ottimo ed eterogeneo cast, la varietà di gag e battute che si susseguono nel corso dei novanta minuti di visione e un finale dalle geometrie narrative impeccabili confezionano un'operazione passata ingiustamente in sordina. Il film andrà in onda domenica 9 giugno alle 00.35 su RaiMovie.

7

Che voto dai a: The Alibi

Media Voto Utenti
Voti: 3
5.3
nd