Netflix

Stuck in Love, la recensione del film con Jennifer Connelly e Lily Collins

Un cast all-star al centro di una commedia romantica che racconta le vicissitudini sentimentali di una famiglia tutta particolare.

recensione Stuck in Love, la recensione del film con Jennifer Connelly e Lily Collins
Articolo a cura di

William Borgens è un acclamato scrittore la cui ispirazione è però andata perduta dopo la burrascosa separazione con la moglie, che l'ha lasciato tre anni fa per un altro uomo. Il romanziere ha due figli, la bella Samantha, studentessa al college, e l'adolescente Rusty. Proprio Sam sembra destinata a seguire le orme paterne e ha appena ottenuto la pubblicazione del primo libro, ma al contempo non riesce a fare equilibrio nella sua vita sentimentale, impegnandosi in storie di una notte con ragazzi dal quoziente intellettivo molto più basso per paura di approfondire un legame con un'anima affine, ancora traumatizzata dal divorzio dei genitori.
Rusty è invece follemente innamorato di una compagna di scuola e fuma sostanze stupefacenti. Lo stesso William si trova a spiare l'ex compagna di soppiatto e una volta a settimana ha fugaci rapporti con una ragazza molti anni più giovane di lui. In Stuck of Love le vicende di questa bizzarra famiglia daranno vita ad un affresco sempre più pittoresco e dolce-amaro sull'importanza delle scelte alla scoperta del vero significato dell'amore.

Se son rose...

Josh Boone è il regista e sceneggiatore del sempre più controverso e rinviato New Mutants, la cui uscita è ora prevista, pur con sostanziali modifiche alla concezione originaria, per l'estate del prossimo anno. Una carriera la sua costellata da un notevole successo al box-office quale Colpa delle stelle (2014) e da un esordio passato più in sordina, con tanto di mancata distribuzione nei cinema italiani, che faceva già presagire un roseo futuro dietro la macchina da presa. Con Stuck in Love (disponibile anche nel catalogo di Netflix) il Nostro firma infatti nel 2012 una commedia romantica nel quale tenta di scandagliare tutti i sentieri emotivi di una famiglia problematica, nella migliore tradizione della scena indipendente d'Oltreoceano. Un'operazione che, al netto di qualche forzatura narrativa atta a strizzare l'occhio al grande pubblico, dimostra una freschezza d'intenti e relativa messa in scena rimarchevoli, riuscendo a tratteggiare progressivamente lo sviluppo dei numerosi personaggi con dolcezza e sensibilità, sia per ciò che concerne le figure adulte che per quanto riguarda i membri più giovani.

Amori e perdite

Una rom-com forse prevedibile nei suoi passaggi chiave, perdita - catarsi - riavvicinamento, ma che per novanta minuti intrattiene tra momenti più comici e leggeri e una propensione al dramma schiva di retorica, indagante anche in argomenti più amari e toccanti quali la malattia e il superamento del lutto e la dipendenza dalle droghe. Amori che nascono, amori che finiscono e altri che ritornano sono così al centro di un racconto fatto di sfumature abile nel gestire al meglio le rispettive relazioni tra il nucleo centrale di protagonisti, il tutto in una rappresentazione frizzante al punto giusto grazie anche all'efficace colonna sonora che varia tra i vari generi musicali e ad un cast di primissimo piano. Dai "veterani" Greg Kinnear e Jennifer Connelly, con una pimpante Kristen Bell in un fondamentale ruolo secondario, fino al trio di interpreti più giovani formato da nomi già consolidati come Lily Collins, Logan Lerman, Nat Wolff e Liana Liberato, il parterre attoriale è un vero e proprio valore aggiunto, calandosi magnificamente nei relativi alter-ego filmici. Con una piccola chicca per i fan di Stephen King che nei minuti finali avranno una sorpresa forse inaspettata.

Stuck in Love Genitori separati alle prese con le personali incertezze e due figli, maschio e femmina in età rispettivamente da liceo e da college, impegnati con le prime cotte o con inaspettate anime affini, sono al centro di questa commedia romantica magistralmente equilibrata tra istinti più leggeri ed altri più acri e melanconici, in un vero e proprio scandaglio filmico di tutte le sfaccettature dell'amore e dei sentimenti. Stuck in love forse non racconta nulla di realmente nuovo ma lo fa in maniera genuina ed efficace, adattandosi con naturalezza ai tipici stilemi della scena indipendente americana senza mai risultare eccessivamente pedante e retorico. E se alcuni passaggi possono risultare parzialmente forzati, a infondere ulteriore vitalità ai cento minuti di visione ci pensa il cast all-star, capace di sfumare al meglio il nucleo di personaggi principali e di affrontare nel proseguo delle diverse love-story anche tematiche sociali ed emotive più aspre e realistiche. Il film andrà in onda stasera, venerdì 30 novembre, alle 19.10 su CINE SONY in prima visione tv.

7

Che voto dai a: Stuck in Love

Media Voto Utenti
Voti: 5
7
nd