ROMAFF12

Stronger: la recensione del film con Jake Gyllenhaal

Una storia di amore, coraggio e rinascita con Jake Gyllenhaal nei panni di Jeff Bauman, sopravvissuto all'attentato della maratona di Boston.

recensione Stronger: la recensione del film con Jake Gyllenhaal
Articolo a cura di

La vita di Jeff Bauman è cambiata per sempre il 15 Aprile 2013 quando un'esplosione ha colto di sorpresa il pubblico della maratona di Boston per un attentato terroristico che ha lasciato il segno nella storia americana. A pochi mesi da Boston - Caccia all'Uomo con Mark Wahlberg, il regista David Gordon Green torna a raccontare quella tragica vicenda che ha coinvolto numerose vittime innocenti, con il film Stronger.

Un attimo può cambiare la vita per sempre

Jake Gyllenhaal interpreta Jeff Bauman, un ragazzo semplice, amante dello sport e innamorato di Erin, anche se la loro relazione vive di alti e bassi. Per provare a riconquistare quest'ultima ancora una volta, Jeff realizza uno striscione con le sue mani per dirigersi poi nel centro della città e fare il tifo per lei (Tatiana Maslany). Dopo alcuni minuti un enorme boato e le urla della gente in prossimità della zona interessata dall'esplosione seminano il panico, e Jeff si ritrova a terra mentre i soccorsi cominciano a valutare i danni e portano in salvo alcuni feriti. Frastornato dalla polvere, il sangue e gli sguardi delle persone scioccate dall'accaduto, egli non realizza subito di aver perso entrambe le gambe. E quando questo accade inizia un percorso intimo di riabilitazione fisica e morale, con l'aiuto della famiglia e di Erin che, in un momento così drammatico, sceglie di stargli vicino per aiutarlo a superare il trauma.

Una riabilitazione fisica e morale

Scritto da John Pollono e Scott Silver, Stronger si concentra sull'esperienza dolorosa di Bauman, sopravvissuto ad un evento disastroso che ha contato tre morti e ben 260 feriti. Considerato l'eroe di Boston in quanto testimone chiave dell'inchiesta che ha portato all'incriminazione di Tamerlan e Dzhokhar Tsarnaev (condannato a morte nel maggio scorso), il giovane protagonista deve affrontare una cruda realtà. Momenti di profonda depressione si alternano ad un ottimismo ironico che fa parte della sua personalità. Gyllenhaal veste i panni di Bauman con professionalità e compostezza, toccando il cuore dello spettatore, ma senza richiamare una pietà prevedibile. Stronger è una storia di amore, coraggio e riscatto realizzata da David Gordon Green con uno sguardo discreto ed elegante, optando per una regia attenta ai personaggi e ai sentimenti. Alla base si nota un grande rispetto per Bauman e la sua storia, seguendo ogni momento della sua "nuova vita" voluta da un destino severo.

Tatiana Maslany regala un'ottima interpretazione, ricca di espressività, nei panni di una ragazza innamorata e coraggiosa, che prova a sostenere il peso della tragedia, mentre elabora il dolore per il suo compagno e discute continuamente con la madre di quest'ultimo, alcolizzata e incapace di affrontare la situazione. Patty Bauman, interpretata da Miranda Richardson, soffre per la sorte del figlio Jeff, ma si arrende alla seduzione della popolarità, tra il delirio delle interviste televisive e il sensazionalismo che considera il figlio disabile come una celebrità, trattandolo come un fenomeno da baraccone. Sognando di conoscere Oprah, la donna affronta il suo dolore nascondendosi dietro i riflettori, sottovalutando i sentimenti di un ragazzo che in pochi attimi ha perso ogni certezza e la fiducia in se stesso e nel futuro. Stronger, tuttavia, non è un film buonista e tradizionale, ma dirompente e dolce allo stesso tempo. Non mancano immagini forti che colpiscono come un pungo allo stomaco, ma la vera ricchezza risiede nella capacità del regista di mettere al centro un'emotività fatta di piccoli gesti, sguardi complici e abbracci sinceri, che commuovono senza che uno se ne accorga. Un'avventura che si nutre di umanità e del talento del cast coinvolto, per una riabilitazione del cuore, dell'anima e del corpo.

Stronger - Io Sono Più Forte Dopo il premio Oscar ad Eddie Redmayne per la sua interpretazione dello scienziato Stephen Hawking e il prossimo ruolo di Andrew Garfield nel film Ogni tuo Respiro, sembra che a Hollywood ci sia la fila per misurarsi con un personaggio colpito dalla malattia o da disabilità fisiche importanti. In Stronger Jake Gyllenhaal riesce a prendere questo impegno con sensibilità e sentimento, commuovendo il pubblico con una storia umana che alterna dramma e umorismo, in nome di una rivincita personale.

7.5

Che voto dai a: Stronger - Io Sono Più Forte

Media Voto Utenti
Voti: 0
ND.
nd