Spoor - Tracce, la recensione del film di Agnieszka Holland

L'anziana Janina vive in un piccolo paesino tra le montagne polacche nel quale un misterioso assassino uccide diversi cacciatori e bracconieri della zona.

recensione Spoor - Tracce, la recensione del film di Agnieszka Holland
Articolo a cura di

In un remoto villaggio situato nelle zone montuose della Polonia dell'ovest l'anziana Janina, insegnante d'inglese supplente nella scuola locale, vive in solitudine in una casa antistante la foresta con la sola compagnia dei suoi amati cani. Un giorno questi scompaiono nel nulla, proprio in concomitanza dell'inizio della stagione della caccia, e qualche dì dopo ha inizio una scia di delitti senza colpevole.
In Spoor - Tracce tutti gli individui assassinati appartengono a un gruppo di cacciatori che Janina aveva più volte denunciato, a causa delle ripetute violenze sugli animali perpetrate anche nelle stagioni in cui l'attività venatoria non era consentita. Secondo le teorie della donna, appassionata di astrologia e con la capacità di leggere il passato delle persone, quello che sta avendo luogo è solo frutto di una vendetta della fauna locale contro i relativi aguzzini.

La vendetta della natura

Vincitore dell'Orso d'Argento al Festival di Berlino 2017, Spoor - Tracce è un film prezioso e coraggioso che affronta una dinamica ambientalista quanto mai attuale, scegliendo con forza una posizione netta, di campo, quasi militante, nel suo monito a sfidare le leggi e l'equilibrio della natura.
Quest'adattamento del romanzo Guida il tuo carro sulle ossa dei morti di Olga Tokarczuk, anche co-autrice della sceneggiatura, si approccia con uno sguardo prettamente autoriale (ma privo di atteggiamenti altezzosi) alle contemporanee lotte contro la caccia e le violenze sugli animali: non è un caso che le vittime del fantomatico assassino, reale o sovrannaturale che sia (spetta a voi scoprirlo) siano tutti o cacciatori o bracconieri che si sono macchiati di brutali atrocità su indifesi esseri viventi, con la complicità dell'intera cittadina. Sembra che anche la stessa religione sia complice del massacro senza colpevoli, sia nelle teorie che nella pratica, con la presenza del prete locale quale effettivo membro del gruppo venatorio.
La regista Agnieszka Holland, autrice tra gli altri del bellissimo In darkness (2011), opta per uno stile compassato che si alterna tra le stagioni e per ogni relativo trimestre apre a una diversa anima narrativa, passando da una prima parte più tesa e inquieta dai chiari rimandi mystery a una di mezzo più quieta e dalle atmosfere da commedia dolce-amara, fino alla risolutiva tranche finale in cui finalmente tutti i nodi vengono al pettine, anche in maniera inaspettata.
Con scene di lirica bellezza e struggente poesia, con il paesaggio che passa da coltri innevate a un fresco e rassicurante sole primaverile, abbiamo così modo di entrare nella quotidianità della protagonista (una straordinaria Agnieszka Mandat) e del corposo gruppo di personaggi principali e secondari, con tanto di bizzarro menage a trois in corso d'opera, che permette di scavare anche nelle falle e negli abissi dell'odierna società polacca qui vista attraverso le vicissitudini di un piccolo paesino di montagna.

Spoor - Tracce Opera intensa e avvolgente che attraverso uno sguardo autoriale dal grande impatto emotivo obbliga lo spettatore a prendere una posizione, in questo caso su un tema sempre attuale quale la violenza sugli animali e l'essere o meno favorevoli alla caccia. Spoor - Tracce ibrida in sé istinti da mystery poliziesco di provincia ad ariosi sussulti da commedia dolce-amara sulla terza età, circondando l'anziana protagonista di interessanti personaggi secondari e inserendola in una messa in scena eternamente sospesa. Questa infatti cambia con lo scorrere delle stagioni, figlia di un tourbillon privato e introspettivo che non risparmia niente e nessuno nell'esposizione del proprio messaggio. Il film andrà in onda stasera, mercoledì 27 giugno, alle 23.50 su RAIMOVIE in prima visione TV.

8

Che voto dai a: Spoor - Tracce

Media Voto Utenti
Voti: 9
6.9
nd