Scomparsa nel nulla, la recensione dell'action-thriller con Angela Dixon

Una madre in vacanza in Medio Oriente inizia una disperata lotta all'ultimo sangue con i rapitori del figlio di pochi mesi.

recensione Scomparsa nel nulla, la recensione dell'action-thriller con Angela Dixon
Articolo a cura di

Lisa Brennan è in vacanza in Marocco col figlio di pochi mesi. Mentre si trova sulla spiaggia, distratta da un venditore ambulante, non si accorge che il bebè le è stato sottratto da alcuni uomini che si stanno allontanando in tutta fretta. In Scomparsa nel nulla, la donna rincorre i rapitori e ne ferma uno che, durante la colluttazione, rimane investito da un camioncino di passaggio. Questo attira su di lei le attenzioni della polizia locale e il fatto che Lisa sia in cura per depressione porta le autorità a ritenere che soffra di pazzia e paranoia. Ma Lisa non si fermerà davanti a nulla pur di poter riabbracciare il figlio e, ignara che anche i suoi contatti oltreoceano le stiano nascondendo qualcosa, inizia una serrata e disperata ricerca sfruttando le sue incredibili doti nelle arti marziali.

Never let go

Durante il prologo una scritta in sovrimpressione ci mette al corrente che ogni anno viene denunciata la scomparsa di oltre 800mila minori e che le prime tre ore sono quelle decisive nel ritrovamento, trascorse le quali vi è solo il 25% di possibilità che questi vada a buon fine. Il quinto film del regista inglese Howard J. Ford si propone come sorta di versione femminile di Io vi troverò (2008), con al centro della vicenda una madre disperata alla ricerca del figlio rapito. Un action movie frenetico e serrato che non pone troppi accenti sui caratteri introspettivi della protagonista, tolto un breve flashback ambientato nel passato che ci mostra i motivi del suo delicato equilibrio psicologico, ma si concentra sulla dinamicità degli inseguimenti e dei numerosi combattimenti a mani nude, nei quali Angela Dixon mette in mostra notevoli abilità atletiche e coreografiche. La suggestiva ambientazione mediorientale si rivela adatta a questa rocciosa resa dei conti, con la Nostra intenta a correre a perdifiato tra i piccoli vicoletti o a spostarsi tra i tetti soleggiati delle case, donando la giusta varietà al versante ludico dell'operazione. Purtroppo la narrazione non possiede altrettanta scaltrezza e si appoggia a colpi di scena prevedibili e non sempre coerenti, conducendo al più che ovvio lieto fine tra soluzioni lineari e confusionarie al contempo.

Scomparsa nel nulla Una tostissima Angela Dixon è al centro di questo action movie ambientato in Medio Oriente in cui una madre in vacanza deve ritrovare il figlioletto rapito da una banda di spietata rapitori. Scomparsa nel nulla avvince e convince nella sua anima di genere, con sequenze coreografiche secche e brutali, e forsennate corse osservate dalla soggettiva della protagonista che sfruttano l'affascinante contesto nordafricano, ma non è sorretto da una sceneggiatura all'altezza che rende la vicenda più scontata del previsto. Il film andrà in onda stasera, domenica 17 giugno, alle 21.05 su RAI2 in prima visione tv.

6

Che voto dai a: Scomparsa nel nulla

Media Voto Utenti
Voti: 3
5
nd