Quel mostro di suocera, la recensione del film con Jane Fonda e Jennifer Lopez

La bella Charlie è prossima al matrimonio con il ricco Kevin ma si trova alle prese con l'odiosa madre di lui, contraria alle nozze.

recensione Quel mostro di suocera, la recensione del film con Jane Fonda e Jennifer Lopez
Articolo a cura di

Charlie Cantilini, ragazza di umili origini, si barcamena con piccoli lavoretti, da receptionist a dog-sitter, condividendo un appartamento con un amico gay. Un giorno mentre si trova in spiaggia incrocia lo sguardo con il bel Kevin, con cui scatta un vero e proprio colpo di fulmine. Ben presto Charlie scopre che l'uomo è in realtà un affermato e ricco dottore, figlio della celebrità televisiva Viola Fields. In Quel mostro di suocera i due innamorati decidono in tempo relativamente breve di convolare a giuste nozze ma la madre di lui non prende bene l'improvviso annuncio, cercando in ogni modo di ostacolare le nozze a venire. Avrà così luogo una battaglia senza esclusioni di colpi tra le due donne, che non si risparmieranno battutine e colpi bassi fino al giorno del lieto evento.

Un facile divertimento

Accusato un po' forzatamente da certa critica di dipingere un ritratto poco lusinghiero dell'universo femminile, Quel mostro di suocera è in realtà un'innocua commedia sui generis vedente eternamente contrapposte le future nuora e suocera, come già sottolineato dall'efficace titolo originale Monster-in-law (trasfigurazione del termine mother-in-law, usato per indicare la madre dello sposo/a). Dopo due produzioni a tema quali La rivincita delle bionde (2001) e Appuntamento da sogno! (2004), il regista australiano Robert Luketic si affida a una formula classica nella costruzione di gag e battute, sparate in serie in un'alternanza tra quelle più riuscite e quelle meno, donando comunque ai cento minuti di visione un buon tempo ritmico e una certa varietà di situazioni fino al più che comprensibilmente ovvio lieto fine rivolto al grande pubblico (che ha apprezzato e non poco, con oltre 150 milioni di dollari d'incasso worldwide nel 2005, anno d'uscita nelle sale). Case da sogno e party con decine di invitati di lusso fanno così da sfondo alla lotta di classe tra le due protagoniste, con il personaggio maschile quale terzo incomodo relativamente nullo ai fini degli eventi, che tra sadiche immaginazioni sul destino altrui e scorrettezze sempre più ciniche e cattive scopriranno pian piano di essere più simili del previsto, in una narrazione che non regala sorprese ma al contempo non cede a un eccessivo tedio retorico. Merito soprattutto di Jane Fonda, al ritorno sul grande schermo dopo quindici anni di assenza, che divora a più riprese una comunque frizzante Jennifer Lopez.

Quel mostro di suocera Una straripante Jane Fonda è l'assoluta mattatrice di questa commedia incentrata sugli accesi contrasti tra una giovane promessa sposa e la futura suocera, ricalcante una formula classica con un brio filmico frenetico e piacevole. Quel mostro di suocera adempie in piena regola a tutti gli stereotipi sul rapporto tra queste due figure parentali in maniera sì scontata ma non priva di gag e battute frizzanti, garantendo quell'innocuo divertimento idoneo al relativo pubblico di riferimento. Il film andrà in onda stasera, mercoledì 9 maggio, alle 21.20 su RAI2.

6

Che voto dai a: Quel mostro di suocera

Media Voto Utenti
Voti: 3
4
nd