Recensione Pokémon: Diancie e il bozzolo della distruzione

Il diciassettesimo film Pokémon arriva anche nelle sale italiane... Pika Pika!!

recensione Pokémon: Diancie e il bozzolo della distruzione
Articolo a cura di

Nell'atavico e nascosto Regno dei diamanti centinaia di Carbink vivono in pace insieme alla loro principessa Diancie, giovane e inesperta Pokémon leggendario dai grandi poteri ancora sopiti che si ritrova, prima del tempo, a fronteggiare una grave minaccia: il Cuore di Diamante che sorregge il Regno sta esaurendo la sua forza ed è necessario crearne un altro. Diancie è l'unica che può farlo, ma non ne è ancora in grado, dato che non conosce ancora bene la natura e l'utilizzo dei suoi unici ma fondamentali poteri. I saggi del Regno, allora, decidono di inviarla alla ricerca di un altro Pokémon leggendario, Xerneas, che coi suoi poteri rigenerativi potrebbe dare l'imput necessario allo sviluppo del Cuore di Diamante. Ma le incredibili abilità della dolce Diancie fanno gola a molti: ninja e truffaldini sono sulle sue tracce, e naturalmente anche il Team Rocket non si farà sfuggire l'occasione per intascare un bel gruzzolo! Per fortuna Ash e i suoi amici Pikachu, Serena, Lem e Clem sono nei paraggi e faranno di tutto per salvare la situazione, soprattutto quando verranno incautamente risvegliati il leggendario Yveltal e la furia del Bozzolo della Distruzione!

Double trouble

Alle volte si tende a sottovalutarlo, ma il potere del brand ideato da Satoshi Tajiri è letteralmente infinito, a quasi vent'anni (sì, venti. Come passa il tempo, eh? Sembra ieri che ci giocavamo sul Game Boy...) di distanza. E innumerevoli si susseguono le iterazioni del franchise tra videogiochi, TCG, peluche, serie animate, e naturalmente film per il cinema. Alle 18 serie per la tv, agli special e agli OVA, infatti, vanno ad aggiungersi ben 17 lungometraggi cinematografici di grande successo, succedutisi dal 1998 ad oggi con cadenza regolare. In attesa del 18esimo, previsto per quest'estate in Patria, ecco arrivare anche da noi Diancie e il bozzolo della distruzione, nuova avventura di Ash e compagni che segna, tra le altre cose, il ritorno dei film Pokémon nei cinema del nostro paese.

Era dal 2000 che un film dei Pokémon non arrivava in sala: dal terzo in poi si era saltata la diffusione theatrical per passare direttamente alla tv o all'Home Video, ma dati gli incoraggianti risultati dell'animazione giapponese nelle sale dello Stivale negli ultimi tempi Lucky Red ha giustamente deciso di dare una possibilità alla saga, proponendo il film come evento speciale di quattro giorni dal 21 al 24 febbraio.
L'occasione è ghiotta per tutti i fan piccoli e grandi, anche se le innovazioni alla formula, in realtà, sono ben poche e il film è anche piuttosto breve (poco più di un'ora): ma l'emozione di rivedere sul grande schermo i Pokémon, per un appassionato, resta impagabile. Anche perché la storia, pur non essendo nulla di originale (anche e soprattutto nel contesto della saga) si segue che è un piacere ed è ricca di momenti buffi, attimi di tenerezza ma anche scene piene di pathos e azione, come da tradizione.

Pokémon: Diancie e il bozzolo della distruzione Amicizia, rispetto per la natura e per il prossimo, altruismo, forza d'animo: questi e altri sono i valori che vengono tradizionalmente esaltati nei film Pokémon e Diancie e il bozzolo della distruzione non fa eccezione. Il film diverte un pubblico di tutte le età e si concede, naturalmente, tutta una serie di citazioni all'universo della celebre serie Game Freak/Nintendo: certo, è un'opera per fan e l'intreccio narrativo è più simile ad una “puntata lunga” dell'anime che ad un lungometraggio per il cinema, ma gli appassionati saranno più che soddisfatti, anche in virtù di una gran resa scenica di personaggi e ambientazioni.

6

Che voto dai a: Pokémon: Diancie e il bozzolo della distruzione

Media Voto Utenti
Voti: 7
5.3
nd