ROMAFF12

Please Stand By: la recensione del film con Dakota Fanning

Dai produttori di Juno e Tra le nuvole arriva una nuova pellicola indipendente interpretata da Dakota Fanning. Una tenera storia di autismo e rivincita.

recensione Please Stand By: la recensione del film con Dakota Fanning
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Non deve essere facile dare una degna rappresentazione della sindrome dell'autismo al cinema, per la difficoltà che intercorre fra lo scegliere la verità o la finzione, fra il rimanere fedeli o l'attuare un'idealizzazione romantica dei personaggi che ne sono affetti. Ieri Rain Man - L'Uomo della Pioggia di Barry Levinson, oggi la serie Atypical (originale Netflix), sono svariati i titoli più o meno riusciti di un'industria americana che si è spesso appassionata a storie del genere, con protagonisti che vivono una condizione di incomunicabilità rispetto al mondo circostante; ultimo dei casi, arriva dai produttori di Juno e Tra le nuvole il film di Ben Lewin - la firma dietro il buonissimo The Sessions - Please Stand By, perfettamente inquadrato nella sua confezione indie ma dalle speranze mainstream. Prima di tutto perché ad interpretarlo è una giovane diva, la bionda e sempre più matura Dakota Fanning, e poi perché le intenzioni, la struttura narrativa tradizionale e il tono volutamente rassicurante lo fanno accomodare nel salotto delle pellicole adatte a ogni pubblico senza nessuna discussione. Ed è giusto che sia così.

Il viaggio on the road di una ragazza autistica

Diversamente però dal già citato e recentissimo Atypical, davvero efficace quando racconta la condizione di un ragazzo con il disturbo dello spettro dell'autismo (l'Autism Spectrum Disorder) e le reazioni della famiglia, il loro modo di rapportarsi e il fragile equilibrio domestico, Please Stand By sceglie una strada più convenzionale accennando soltanto pochi dettagli relativi al passato di Wendy - la creativa ragazza che ha il volto della Fanning - per gettarsi a capofitto nel suo presente: il viaggio on the road per raggiungere un obiettivo apparentemente impossibile (cioè consegnare una sceneggiatura inedita ad un concorso per fan di Star Trek) diventa quindi occasione di riscoperta di sé fuori dalle routine, dall'esistenza schematizzata della comunità per autistici in cui vive, dalla prigione fatta di gesti ripetuti e grande solitudine.

Wendy come Spock

In questa versione piuttosto edulcorata del disturbo, lo sguardo del regista si rivela molto tenero, lieve come una carezza, e il film acquista subito una genuina simpatia; nei confronti del personaggio di Wendy e del suo adorabile compagno di sventure (un cagnolino bianco-arancione così piccolo da entrare in una borsa), per la determinazione che questa indossa nonostante gli ostacoli reali della vita e per gli azzeccati parallelismi con gli eroi di Star Trek ai quali lei si ispira per dare forma ai suoi racconti. Non sono poi così distanti le psicologie e le fisionomie di Wendy e del vulcaniano Spock della saga fantascientifica, entrambi impossibilitati a esprimere le proprie emozioni e "alieni" in una società di umani. Ma esiste ancora una netta separazione fra queste due definizioni? Cosa ci rende strani, cosa normali? Il divario, in Please Stand By, sembra assottigliarsi scena dopo scena, lungo i chilometri percorsi da Wendy sulla highway americana.

Please Stand by Confezione indie dalle intenzioni mainstream, Please Stand By è un tenero viaggio on the road di una ragazza autistica interpretata splendidamente da Dakota Fanning. Tra le difficoltà e il sogno, il film tratta i problemi di incomunicabilità della protagonista rispetto al mondo che la circonda con dolcezza e genuina simpatia, riuscendo (dove possibile) a coinvolgere l'animo dello spettatore.

6

Quanto attendi: Please Stand by

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd