Recensione Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo

Recensione della Special edition a 2 dischi del film di Terry Gilliam

recensione Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo
Articolo a cura di

Distribuito nei nostri cinema dalla Moviemax il 23 ottobre del 2009, The imaginarium of doctor Parnassus - intitolato in Italia Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo - è il dodicesimo lungometraggio diretto da Terry Gilliam, originario di Minneapolis, visionario autore di titoli come Brazil (1985), Le avventure del Barone di Munchausen (1988) e Tideland-Il mondo capovolto (2005).
Giustamente candidato agli Oscar per le migliori scenografie e i migliori costumi, un film maledetto, in quanto segnato dall'improvvisa morte del protagonista Heath"Il cavaliere oscuro"Ledger (già interprete per Gilliam de I fratelli Grimm e l'incantevole strega), avvenuta proprio mentre le riprese erano in corso.

The imaginarium of doctor Gilliam

L'attore australiano, infatti, veste nella pellicola i panni del misterioso Tony, il quale finisce per unirsi a un bizzarro gruppo di teatranti nomadi capitanati dall'immortale Dottor Parnassus, con le fattezze del sempre grande Christopher"A beautiful mind"Plummer, in grado di guidare l'immaginazione degli altri grazie ad un patto con il diavolo, interpretato dal Tom Waits di Daunbailo (1986), che in cambio di questo potere pretende sua figlia Valentina alias Lily"St. Trinian's"Cole.
Quindi, con un cast comprendente anche l'Andrew Garfield di Leoni per agnelli (2007) e il veterano Peter"Fargo"Stormare, basandosi l'intera vicenda sull'assurda capacità da parte di Parnassus di offrire al proprio pubblico la possibilità di vivere esperienze fuori dalla realtà tramite uno specchio magico posto all'interno del suo carrozzone viaggiante, il regista ha pensato bene di poter far assumere al personaggio di Tony diversi connotati durante le quasi due ore di visione.
Uno stratagemma tutt'altro che disprezzabile e non gratuito, in quanto, lasciando intravedere la storia un certo discorso relativo alle apparenze e al modo ipocrita attraverso cui determinati individui di successo si presentano ai loro sostenitori (come sinonimo di fan), vedere il volto di Ledger essere progressivamente sostituito con quelli di Jude"Sherlock Holmes"Law, Colin"Miami Vice" Farrell e del Johnny Depp già al servizio di Gilliam per Paura e delirio a Las Vegas (1998), non può fare a meno di assumere un affascinante e profondo significato.
Per il resto, dedicato sia al povero Heath che al produttore William Vince, venuto a mancare nel giugno del 2008, questo Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo risulta piuttosto conforme alle idee e alle regole che hanno caratterizzato buona parte dei lavori firmati da colui che ci ha regalato I banditi del tempo (1981) e La leggenda del re pescatore (1991).
Si parte dalle primissime inquadrature, che conferiscono l'impressione di rimandare quasi nostalgicamente a certi prodotti fantastici per ragazzi realizzati negli anni Ottanta, fino ad approdare all'ennesimo, visionario universo favolistico partorito dalla folle mente dell'ex Monty Python, il quale sembra anche omaggiare lo stile del gruppo comico tramite una breve sequenza di ballo con i bobbies (poliziotti inglesi).
Universo favolistico che, ricco di colori e trovate surreali, viene concretizzato grazie al notevole apporto del cast tecnico-artistico rappresentando la vera gioia per gli occhi dello spettatore, avvolto da un racconto sì più lineare e seguibile dei precedenti portati su celluloide da Mr. Brazil, ma comunque non comprensibile con eccessiva facilità. Un racconto che, anziché chiudere con un classico "diretto da Terry Gilliam", riporta "un film di Heath Ledger e amici" alla sua conclusione.

Il dvd Special edition

L'attivissima Mondo Home Entertainment ci propone il lungometraggio di Gilliam in una bella ed elegante special edition cartonata costituita da due dischi.
Il primo, ovviamente, al di là di trailer vari relativi a titoli in uscita al cinema e in dvd, include il film, caratterizzato da immagine nitide e ben definite che, considerando l'importanza dei colori all'interno della vicenda raccontata, non possono fare a meno di giovare al prodotto. Come pure le tracce audio, con un buon Dolby Digital 5.1 (sia in italiano che in inglese) dalla resa pulita e un non disprezzabile DTS (solo in italiano).
Il secondo, invece, è interamente dedicato ai non pochi contenuti speciali, che spaziano dai diversi documentari ai trailer - italiano e originale - del film, passando per la scena eliminata Dentro lo specchio.
Si comincia con un'introduzione di Terry Gilliam, il quale precisa che questo Parnassus rappresenta un po' quello che sono stati Amarcord (1973) e Fanny e Alexander (1982) nelle filmografie di Federico Fellini e Ingmar Bergman.
Poi, prima di passare al brevissimo Dietro lo specchio, di tre minuti circa, ci si sofferma su The imaginarium of Terry Gilliam, nel quale, oltre al regista, prendono la parola, tra gli altri, il produttore Samuel Hadida, il montatore Mick Audsley, la costumista Monique Prudhomme, il supervisore agli effetti visivi John Paul Docherty, gli autori della colonna sonora Jeff e Mychael Danna e alcuni elementi del cast.
E si prosegue con un'intervista esclusiva (solo audio, però) a Heath Ledger, risalente al novembre del 2007, la quale precede Heath e gli amici, in cui a parlare sono Jude Law, Johnny Depp (solo telefonicamente, quest'ultimo) ed altri componenti del cast tecnico-artistico, e I costumi di Heath, montaggio di due minuti che, visibile anche con commento audio del regista, mostra il defunto attore alle prese con la prova dei costumi.
Senza dimenticare, però, Gli effetti speciali-Costruire il monastero, volto a spiegare la realizzazione della scena in cui Parnassus incontra il diavolo, Presentazione del cast, con Gilliam e gli altri alla prima londinese del 2009, Parnassus nel mondo, costituito dalle immagini riguardanti le varie tappe della pellicola in giro per il globo, da Cannes a Tokyo, e, soprattutto, la possibilità di vedere la scena dell'ubriaco in quattro diverse modalità: storyboard e preview, integrazione sfondo, sequenza su blue screen e sequenza finale.Disponibile anche in blu-ray.

The Imaginarium of Doctor Parnassus Rispetto a molti dei precedenti lungometraggi diretti dall’ex Monty Python Terry Gilliam, questo Parnassus-L’uomo che voleva ingannare il diavolo risulta più facile da seguire, anche se parliamo sempre di un prodotto di non semplicissima comprensione. D’altra parte, ciò che sembra principalmente interessare al regista è il nuovo, fantasioso universo portato in scena, elemento che finisce per catturare gli occhi e il cuore dello spettatore, avvolto dalle tanto colorate quanto affascinanti immagini. Affascinanti immagini pienamente valorizzate dalla qualità video del dvd edito da Mondo Home Entertainment, corredato anche di un secondo disco interamente dedicato ai non pochi contenuti speciali.

7

Che voto dai a: The Imaginarium of Doctor Parnassus

Media Voto Utenti
Voti: 103
7
nd