Panic Room, la recensione del film di David Fincher

Madre e figlia si barricano nella safe room della loro nuova casa in seguito all'infrazione di un gruppo di rapinatori nel thriller con Jodie Foster.

Panic Room, la recensione del film di David Fincher
Articolo a cura di

Meg, fresca di divorzio dal ricco marito, si trasferisce con la figlia undicenne Sarah in un una lussuosa nuova casa nell'Upper West Side di Manhattan. La nuova dimora a più piani ha anche la particolarità di avere al suo interno una safe room, stanza costruita in acciaio e pensata come luogo di rifugio in caso di intrusione da parte di sconosciuti, dotata di videocamere di sorveglianza e linea telefonica di emergenza, quest'ultima tuttavia ancora da attivare.
Sfortuna vuole che proprio la prima notte trascorsa dalle nuove inquiline coincida con l'infrazione da parte di tre rapinatori, i quali credono che l'abitazione sia ancora in vendita e disabitata, alla ricerca di un'ingente somma di denaro. Ed è a questo punto che Meg e Sarah iniziano un estenuante gioco del gatto e del topo con gli inaspettati intrusi...

Prigione d'acciaio

Tre anni dopo il successo, di critica e pubblico, di Fight Club (1999) David Fincher porta nelle sale un thriller di raffinata fattura che eleva il filone home invasion a picchi insperati, riuscendo a rendere l'unica ambientazione luogo vibrante e perfetto per la tensiva partita a distanza giocata tra le inquiline e il gruppo di rapinatori. Con una raffinata gestione delle inquadrature e un innovativo utilizzo degli effetti speciali atti a creare un senso di continuità tra i vari piani della casa, con sequenze che simulano una reale connessione degli eventi che oppongono le potenziali vittime agli intrusi, il regista americano dà vita ad una partita a scacchi via via sempre più incerta e carica di suspense, amalgamando il contesto di genere ad una lettura più ampia capace di indagare diverse tematiche. Dal senso di sicurezza di una Nazione in cui niente è ormai più sicuro, ben testimoniato dai titoli di testa durante i quali scorrono le apparentemente rassicuranti immagini dello skyline newyorkese, fino ai pericoli che questi inizia a rappresentare, seppur in maniera involontaria, nei confronti delle recluse protagoniste, Panic Room si offre come monito all'eccessivo uso delle tecnologie e alla tracotanza di certe politiche isolazioniste che rischiano di farsi del male da sole nella propria chiusura.
Allo stesso modo anche il femminismo e la malattia, con la piccola Sarah malata di diabete, trovano vie interpretative nelle due ore di visione in cui la figura della donna, sia madre che figlia, batte per astuzia e scaltrezza gli assalitori maschili, anche questi figli di una caratterizzazione multipla che vira intelligentemente dal bianco al nero per creare ulteriori spunti morali ai fini della vicenda. Con citazioni che guardano sia al mondo filmico, come nell'utilizzo del codice morse imparato da Titanic (1997), che a quello letterario riferito ad Edgar Allan Poe, l'operazione convince e avvince sia dal punto di vista stilistico che da quello attoriale, con una giovanissima Kristen Stewart ad accompagnare un'intensa e credibile Jodie Foster in questa serrata resa dei conti tra il dentro e il fuori.

Panic Room Non un semplice home invasion quanto un thriller capace di ridefinire i contorni del suddetto filone sia per la raffinata sceneggiatura di David Koepp (ispirata dall'allora crescente moda/diffusione delle safe room) che per la geniale regia di David Fincher, capace tramite l'utilizzo di efficaci effetti computerizzati di gestire al meglio l'architettura della casa al cui interno ha luogo la tensiva vicenda. Panic Room, dopo i primi quindici minuti raccontanti con dialoghi secchi ed incisivi il background di mamma e figlia protagoniste, vive su un crescendo di suspense e soluzioni originali nell'aspro confronto tra inquiline e rapinatori, con espedienti sempre in grado di rivitalizzare la potenziale monotonia di una vicenda ad una sola ambientazione, trovando ulteriore forza nelle intense performance di tutto il cast, una splendida e combattiva Jodie Foster in primis, e ammantandosi di significati che raccontano il mondo moderno in un pur così ridotto microcosmo di genere.

7.5

Che voto dai a: Panic Room

Media Voto Utenti
Voti: 10
7.5
nd