Netflix

Over the Moon, recensione del film animato Netflix: una storia d'amore

Dopo anni di onorato servizio dietro le quinte di grandissimi capolavori Disney, l'animatore di Tarzan e Pocahontas firma un grande debutto registico.

recensione Over the Moon, recensione del film animato Netflix: una storia d'amore
Articolo a cura di

Glen Keane è una figura a cui chiunque sia cresciuto con il meglio della produzione Disney del tardo Novecento dovrebbe essere grato. Sua la mano creativa, in veste di Supervising Animator e Character Designer, di grandi capolavori appartenenti al filone del cosiddetto "Rinascimento Disney" negli anni Novanta: da La Bella e la Bestia ad Aladdin, da Pocahontas a Tarzan, fino anche a Rapunzel, con svariate esperienze da regista di cortometraggi e progetti minori.

Il debutto da director effettivo, grazie a Pearl Studio e Sony Pictures Imageworks, sta per compiersi a partire dal prossimo 23 ottobre con Over the Moon, film d'animazione che sarà distribuito globalmente da Netflix.
Un lungometraggio intenso, figlio delle influenze delle fiabe Disney per famiglie, tanto nei toni quanto nelle tematiche, travolgente e colorato, che recupera lo spirito di un dolcissimo racconto di formazione senza rinunciare alla passione per il folklore e a una messinscena squisitamente pop.

La leggendaria Chang'a

La piccola Fei Fei vanta un'infanzia perfetta, trascorsa a guardare la Luna con gli occhi sognanti, cullata dall'affetto dei suoi genitori e dalle antiche storie del folklore cinese. È cresciuta nel mito di Chang'a, figura mitica dell'immaginario orientale che secondo la leggenda ottenne il dono dell'immortalità, ma al costo di rinunciare alla libertà e soprattutto al grande amore della sua vita.
Per millenni la donna avrebbe quindi vissuto in esilio sulla Luna, cercando un modo per ricongiungersi al suo amato. Quella fiaba, per Fei Fei, era tutto, metafora di un amore immortale e dell'importanza della lealtà, valori che ha sempre identificato nella passione travolgente tra i suoi genitori.
Una favola senza lieto fine, che culmina purtroppo con una tragedia, un trauma che irrompe prepotentemente nel suo mondo incantato destinandola a un'esistenza di nostalgia e rimpianti.

Gli anni passano, Fei Fei è una ragazzina che non ha saputo voltare pagina, e alle sue insicurezze adolescenziali si aggiunge un terremoto che minaccia di sgretolare il suo mondo.
Suo padre ha preso una decisione che potrebbe cambiarle la vita, ha scelto di fare quel passo che la giovane non è mai riuscita a compiere: andare avanti.
Sarà questo avvenimento che scuoterà prepotentemente l'animo della protagonista, incapace di accettare le decisioni della sua famiglia: da appassionata di astrofisica, deciderà di costruire un razzo con cui decollare verso la Luna, per provare l'esistenza della leggendaria Chang'a e dimostrare ai suoi (e anche a se stessa) che il mito è realtà.
E se la dea esiste sul serio, anche il vero amore, quello immortale ed eterno, che trascende il tempo, è tutt'altro che una favola per bambini.

Il racconto di Fei Fei

Over the Moon è un film fortemente eterogeneo, che sfrutta appieno (e sapientemente) tutte le potenzialità della sua animazione.
Un tripudio vivace e colorato di stili e linguaggi differenti, cangiante nei toni e nella scrittura: da un punto di vista prettamente narrativo, l'opera di Glen Keane assume le sfumature di un bellissimo romanzo di formazione confezionato in un prodotto per famiglie, Un vero e proprio musical in stile "Classico Disney" in cui tematiche tanto mature quanto preziose (la forza e le sfumature dell'amore, l'elaborazione del lutto, il coraggio di andare avanti) coesistono con una dose smodata di umorismo e leggerezza per un target prevalentemente infantile.

Al netto di un racconto dai toni molto dolci, sul piano della sceneggiatura il film compie qualche minuscola ingenuità, perdonabile nell'economia generale della produzione.
Su tutte, qualche personaggio macchiettistico di troppo, utile perlopiù ad alleggerire i momenti più tetri e a riempire soprattutto il secondo atto, nel quale Over the Moon non si preclude nemmeno di trasformarsi in un film d'avventura con un'accesissima componente action.

Il debutto registico di Glen Keane è anche un film che di stile ne ha da vendere, a partire dall'eccezionale impalcatura scenica e dalla qualità dell'animazione. L'impasto grafico, concepito negli studi di Sony Pictures Imageworks, è straordinario, e modella con maestria e personalità sia i personaggi umani sia le creature che popolano lo stravagante regno di Lunaria.

È soprattutto negli scenari che il lavoro di Keane e del suo staff mostra tutti i suoi muscoli: dalle ambientazioni terrestri, una Cina popolare e folkloristica, agli sfondi spaziali fino alle coreografie musicali, Over the Moon è una tempesta ammaliante di colori .
Il film rappresenta un bellissimo manifesto di creatività con uno stile animato in CGI che, con la sua eccezionale modellazione poligonale, nulla ha da invidiare ad altri più blasonati congeneri.

Talmente eterogeneo che persino nelle musiche riconosciamo l'ottima varietà di questa nuova esclusiva Netflix.
Oltre alle OST orchestrali, dal sapore squisitamente internazionale, segnaliamo le piacevoli canzoni che ne compongono la colonna sonora, tra le quali troviamo un'interpretazione di Elodie per il brano "Volo via" e persino qualche prepotente incursione dalle sorprendenti sonorità pop.
Over the Moon è, insomma, anche un ottimo musical animato, confermando in sostanza le interessanti volontà creative del binomio Sony-Netflix: ripercorrere le tappe artistiche dei grandi classici dell'animazione occidentale. In un certo senso - nei limiti di qualche piccola crepa narrativa, su cui si potrà lavorare nelle prossime produzioni - possiamo considerare questo nuovo esperimento un vero successo.
Ancor più dell'ottimo Klaus, insomma, Netflix potrebbe aver trovato in Over the Moon il suo primo grande Classico animato.

Over the Moon - Il Fantastico mondo di Lunaria Il talento creativo di Glen Keane esplode in un film d’animazione di tutto rispetto, prezioso per le tematiche, straordinario per il suo impatto scenico, piacevole nei suoi momenti musical. Al netto di qualche ingenuità nella scrittura, e di qualche personaggio macchiettistico di troppo, Over the Moon è l’ennesima scommessa vinta da Netflix per le sue produzioni animate, una perla creativa che entusiasmerà facilmente i più piccoli. Chi è cresciuto a pane e fiabe Disney troverà nel regno di Lunaria delle interessanti sfumature da romanzo di formazione e racconto di avventura, in un prodotto per famiglie da cui sarà impossibile non lasciarsi travolgere. Dopo l’eccezionale Klaus, insomma, il colosso streaming ci regala un'altra bellissima conferma, e in più sembra aver trovato il suo primo grande “Classico” d’animazione.

8

Quanto attendi: Over the Moon - Il Fantastico mondo di Lunaria

Hype
Hype totali: 8
76%
nd