Recensione Oggi Sposi

La recensione del Dvd di Oggi Sposi

recensione Oggi Sposi
Articolo a cura di

Giovane e di talento, dopo il celeberrimo Tre metri sopra il cielo Lucini ha cercato di ritrovare un certo gusto tutto italiano di raccontare, portando sugli schermi L'uomo perfetto, Amore, bugie e calcetto e infine l'impegnato Solo un padre. Insieme agli esperti sceneggiatori di genere Fabio Bonifacci, Fausto Brizzi e Marco Martani, Lucini tenta ora, con discreti risultati, la via della commedia all'italiana.

Continua a leggere la recensione cinema di Oggi Sposi su Everyeye!

La commedia all'italiana, ora che il nostro cinema è più schiavo che mai delle logiche dei palinsesti televisivi, è rappresentata quasi esclusivamente dai soliti nomi noti: un altalenante Carlo Verdone, gli offuscati Fratelli Vanzina, Neri Parenti e il suo triviale appuntamento annuale col cinepanettone, le rassegne di storie e personaggi di Giovanni Veronesi.
Quasi.
Da qualche anno a questa parte, il nome di Luca Lucini, regista quarantatreenne proveniente dal mondo dei videoclip, si sta ritagliando il suo spazio con pellicole dal tocco brioso, garbato ed intelligente.
Dall'esordio con "Tre Metri Sopra il Cielo", pellicola di certo non memorabile (anzi, di sicuro il suo lavoro meno riuscito e questo a prescindere dallo scarso apprezzamento del sottoscritto nei confronti di Federico Moccia) è passato via via attraverso la realizzazione e l'attuazione di un suo particolare percorso capace di ricollegarlo in maniera abbastanza diretta agli stilemi della commedia italiana classica, quella improntata a raffigurare personaggi magari un po' sopra le righe (d'altronde, anche il saper sfruttare adeguatamente certi espedienti narrativi è un valido supporto per ogni bravo narratore) capaci di tratteggiare pregi e difetti dell'essere italiani. "Oggi Sposi" è un valido esempiio di questo. Quattro storie di quattro matrimoni di persone fra loro sconosciute e che il destino intreccia in modi imprevisti e divertenti, facendo una descrizione piacevole e mai eccessivamente didascalica dell'Italia odierna: quella delleunioni miste e dell'incontro di culture solo in apparenza molto distanti, quella dei matrimoni fra i furbetti del quartierino e soubrette dalle tette di silicone, quella di chi si trova a pronunciare il fatidico si anche se stretto dal morso della precarietà.
Lucini, col supporto della valida sceneggiatura di Fabio Bonifacci e la supervisione di Fausto Brizzi (autore, guardacaso, dei più riusciti fra gli ultimi cinepanettoni nonché regista del caso cinematografico italiano del 2006, ovvero "Notte Prima degli Esami") evita la macchietta fine a se stessa e intrattiene con piacere anche grazie all'apporto di un cast davvero in forma. I nomi presenti nel cartellone, da Luca Argentero a Carolina Crescentini, passando per un irriconoscibile e un po' nerd Filippo Nigro, interprete di un Pubblico Ministero impacciato e timido non deludono ed, anzi, va sottolineato ancora una volta come sia proprio Argentero ad offrire una delle prove più convincenti dando ulteriore prova di essere una delle poche figure, se non l'unica, uscite dalla fucina di aberrazioni nota come Grande Fratello, ad avere un'adeguata dose di talento e bravura.
Come se non bastasse la positiva prova data dai protagonisti, anche il cast dei personaggi secondari offre dei momenti di genuina comicità: davvero esilaranti alcuni scambi di battute in pugliese stretto fra il padre e lo zio di Nicola (Luca Argentero), impersonati da Michele Placido e Francesco Pannofino (la voce italiana di George Clooney) e i brevi momenti in cu sulla scena compare il papà del Pm, un piacevolmente ritrovato Renato Pozzetto.
La pellicola prodotta da Cattleya e distribuita da Universal Picture Italia è ora disponibile in dvd.

Il dvd

Oggi Sposi viene commercializzato da Universal Home Video in disco singolo ad un prezzo consigliato di 12.90 euro euro, che lo pone in una fascia di costo di poco superiore alle linee budget ormai dominanti sul mercato. Un incentivo ancora maggiore per dedicare attenzioni a questo film.
Dal punto di vista tecnico, nonostante non si tratti di un film che non fa della realizzazione e dell'imponenza scenica i propri punti di forza, il dvd presenta una buona qualità video, senza difetti marcati che, soprattutto nelle fasi ambientate nella campagna pugliese e in quelle scene in cui a dominare sono le tonalità accese della tradizione hindù si fa apprezzare per la lucentezza e brillantezza cromatica. L'audio in 5.1 fa il suo dovere, risultando più performante specie nei momenti in cui la musica si affaccia con maggior vigore.
Essenziale, ma sufficiente, l'offerta degli extra.

Il Backstage (17'45''). Particolarmente scanzonato e distante dai classici, e un po' ingessati backstage dei film americani, questo dietro le quinte di "Oggi Sposi" in cui possiamo vedere i membri del cast alle prese con la loro definizione in 5 parole di cosa sia il matrimonio (e anche qui Pozzetto regalerà un momento di vera ilarità). Secondo la visione del regista Luca Lucini, più che un film sul matrimonio in sé, la pellicola è maggiormente focalizzata su quella stressante fase che precede tale evento, mescolata alla volontà di voler dare una panoramica dei vizi e virtù dell'italiano medio. Divertenti le lezioni di dialetto pugliese cui si è dovuto sottoporre Luca Argentero, torinese di nascita.
Scene Eliminate (4'10'')
papere sul set (10'12'')

Oggi Sposi La paludata situazione in cui si trova il cinema italiano è ormai nota da tempo e, sulla questione, si dovrebbero spendere molte parole. Ma non è questa la sede per farlo. In questa recensione home video, che si aggiunge a quella già realizzata durante lo scorso Festival del Cinema di Roma durante il quale la pellicola “Oggi Sposi” di Luca Lucini è stata proposta in anteprima, vogliamo ribadire il fatto che quando un prodotto di sano e genuino intrattenimento popolare viene realizzato con un'adeguata dose d'intelligenza va premiato e incentivato. La proposta in home video di Universal, reperibile ad un prezzo di poco superiore ai prezzi di noleggio delle più note catene di rental presenti nella penisola, è poi un ulteriore sprone. Perché questa è una delle rarissime volte in cui il venire a conoscenza che il film è stato patrocinato e sovvenzionato grazie al fondo statale per lo spettacolo non causa un doloroso e sgradevole travaso di bile. E di questi tempi non è poco.

7

Che voto dai a: Oggi Sposi

Media Voto Utenti
Voti: 79
6.3
nd