Noi siamo tutto, la recensione del dramma romantico-adolescenziale

Una giovane ragazza reclusa in casa per via di una grave malattia si innamora del nuovo vicino in Noi siamo tutto, adattamento dell'omonimo romanzo.

recensione Noi siamo tutto, la recensione del dramma romantico-adolescenziale
Articolo a cura di

L'amore e la malattia sono due tematiche che collidono spesso nel cinema romantico adolescenziale, basti pensare a titoli recenti e di discreto successo al botteghino quali Colpa delle stelle (2014), Resta anche domani (2014) e Io prima di te (2016). In questa categoria si inserisce anche Noi siamo tutto, adattamento dell'omonimo romanzo di Nicola Yoon, in cui la giovane protagonista appena 18enne è costretta a passare l'intera esistenza all'interno delle mura domestiche. Maddy, questo il nome della ragazza, soffre infatti di una rarissima patologia per cui anche un semplice raffreddore potrebbe portarla alla morte, e vive così reclusa la sua adolescenza senza nessun contatto con il mondo esterno. Le cose sembrano destinate a cambiare con l'arrivo nel vicinato del coetaneo Olly, con cui la ragazza comincia una "corrispondenza" attraverso le antistanti finestre prima ed in seguito via SMS e social network. La loro relazione si fa sempre più stretta, spingendo Maddy a ignorare le regole pur di incontrare il suo possibile primo amore.

Love is in the air

Se è indubbio che il film punti ad un preciso pubblico di riferimento, va dato atto a Noi siamo tutto di risultare più sincero e genuino di molte produzioni omologhe. Certo non viene meno uno spirito parzialmente ricattatorio, con alcuni sviluppi che elevano l'amarezza della vicenda oltre i livelli di guardia, ma la freschezza dei giovani protagonisti (in particolare Amandla Stenberg, già vista nella saga di Hunger Games, a cui si prospetta un radioso futuro) e il tono di perenne dolcezza che permea i novanta minuti di visione riesce ad instillare emozioni sincere al punto giusto per innalzare il coinvolgimento dello spettatore. La regista afroamericana Stella Meghie, al suo secondo lavoro dietro la macchina da presa, riesce a bilanciare bene le varie anime del racconto, trovando anche soluzioni stilistiche originali come quando esplica la malattia della protagonista tramite sequenze animate o decide di trasformare le conversazioni via SMS in una realtà immaginata dalla ragazza, nella quale si siede al bancone di un bar insieme all'innamorato, con tanto di astronauta-mentore al seguito. Il tutto acquista un senso di profonda liberazione al giungere del colpo di scena finale, che va a ribaltare parzialmente il gioco delle parti lasciando infine campo al prevedibile, ma non fastidioso, lieto fine.

Noi siamo tutto Un amore adolescenziale ostacolato dalla malattia di una delle due parti in causa è certo un connubio di elementi spesso abusato, ma Noi siamo tutto brilla di luce propria per via di soluzioni stilistiche originali e della notevole alchimia tra i due protagonisti, con la giovane Amandla Stenberg che permea il suo personaggio di un'umanità intensa e toccante. Pur non schiva di istanti ricattatori, la pellicola svolge degnamente il suo compito, rivelandosi una produzione imperdibile per gli amanti del filone e capace di coinvolgere anche un pubblico più ampio grazie alla varietà di emozioni (e di colpi di scena) che caratterizzano i novanta minuti di visione.

6.5

Che voto dai a: Noi siamo tutto

Media Voto Utenti
Voti: 6
5
nd