Recensione Never back down - Combattimento letale

Arriva in dvd il sequel di Never back down - Mai arrendersi

Articolo a cura di

Era il Novembre del 2008 quando abbiamo avuto modo di vedere nelle nostre sale cinematografiche - distribuito da Medusa - Never back down-Mai arrendersi di Jeff"Nickname: Enigmista"Wadlow, nel quale lo Sean Faris de I tuoi, i miei e i nostri (2005) vestiva i panni di un ragazzo difficile e caparbio che, perso da poco il padre, si trasferiva in un nuovo liceo nella città di Orlando; dove, sfidato da un bullo dell'alta borghesia con le fattezze del Cam Gigandet in seguito finito nei cast di Burlesque (2010) e Priest (2011), si trovava costretto ad avvicinarsi alla MMA, ovvero l'arte marziale mista, tra faticose esercitazioni e nuove conoscenze.
Con la Amber Heard poi protagonista di Benvenuti a Zombieland (2009) e The ward-Il reparto (2011), un poco memorabile, tardo clone di Karate kid-Per vincere domani (1984) che trova un seguito in questo Never back down-Combattimento letale, inedito cinematografico lanciato nel nostro paese direttamente in dvd da Sony Pictures Home Entertainment e impreziosito dalla presenza di lottatori quali Lyoto Machida, Scottie Epstein e Todd Duffee.
Un sequel che si svolge oltre le porte di un college apparentemente ordinario, con l'ex campione di MMA Case Walker, interpretato dallo stesso regista Michael Jai White, impegnato ad allenare quattro atleti afflitti da diverse problematiche per prepararli al combattimento letale, ovvero la competizione massacrante mai vista.

Il dvd

Chi conosce Michael Jay White sa benissimo che stiamo parlando del palestratissimo attore di colore il cui curriculum include, tra gli altri, i cinecomic Spawn (1997) e Il cavaliere oscuro (2008); chiaro, allora, che dai circa 99 minuti di visione non ci si possano aspettare altro che possenti bicipiti sotto sforzo e pronti per essere sfoggiati nell'overdose di pugni e calci (tra l'altro, abbiamo anche uno scontro con dei poliziotti prepotenti).
Ma, a differenza del capostipite, al quale la pellicola sembra essere legata soltanto dalla presenza di Evan"Kick-Ass"Peters, che torna nel ruolo di Max Cooperman, mentre il classico con Ralph Macchio viene in questo caso citato solo verbalmente, ad essere privilegiate sono le quattro vicende personali dei quattro ragazzi; tra abbandono da parte dei genitori, difficoltà economiche, problemi psicologici e rischio cecità.
E viene tirato addirittura in ballo un pizzico di sesso - con tanto di nudità femminili - dalla sceneggiatura di Chris Hauty, il quale, responsabile anche dello script del primo film, come c'era da aspettarsi tende a sguazzare senza pretese nel giovanilismo d'inizio XXI secolo con il solo fine di riempire l'attesa per il combattimento finale.
Quindi, non mancano neppure orecchiabili canzoncine pop rock a fare da commento all'insieme, che, pur fornendo l'ennesimo cult-movie per spettatori da palestra, si costruisce comunque su una storia che si rivela più interessante - soprattutto nella seconda parte - rispetto a quella sfruttata nel lungometraggio di Wadlow.
Con sezione extra costituita da tre minuti di scene eliminate e commento audio del regista, Epstein e Duffee.

Never back down-Combattimento letale Diretto dal Michael Jai White visto anche al fianco di Steven Seagal in Ferite mortali (2001) di Andrzej Bartkowiak, il sequel di Never back down-Mai arrendersi (2008) di Jeff Wadlow approda in Italia direttamente nel mercato dell’home video, distribuito da Sony. Con un cast comprendente, oltre allo stesso regista, il campione di UFC (Ultimate Fighting Championship) Lyoto Machida e il talentuoso lottatore di MMA Scottie Epstein, ne viene fuori un secondo tassello che, pur non privo di difetti, riesce a rimanere nella media, risultando leggermente superiore rispetto al mediocre capostipite. Probabilmente anche a causa del fatto che questa tipologia di prodotti, negli anni Novanta vero e proprio dominio dei polverosi scaffali delle videoteche, continua a funzionare meglio nelle visioni casalinghe del piccolo schermo che in quelle effettuate sul grande (al quale, appunto, venne riservato il film di Wadlow).

6.5

Quanto attendi: Never back down-Combattimento letale

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd