Far East 15

Recensione Lost in Thailand

Campione d'incassi in Cina, arriva al Far East il divertente road-movie comico di Zheng Xu

recensione Lost in Thailand
Articolo a cura di

Xu Lang (Xu Zheng) è uno scienziato completamente ossessionato dal suo ultimo, rivoluzionario, progetto. La sua dedizione al lavoro è tale da aver messo in crisi il suo matrimonio, tanto che la moglie è pronta a chiedere il divorzio. Ma l'uomo al momento ha ben altre preoccupazioni: infatti si appresta a partire per la Thailandia per incontrare il capo della sua azienda a cui far firmare un'importantissimo documento. Xu Lang sull'areo incontra il simpatico Wang Bao (Baoqiang Wang), ingenuo e imbranato, al suo primo viaggio al di fuori della Cina. A causa di una serie di coincidenze, i due si ritrovano a viaggiare insieme, ignari che alle loro calcagna vi è anche Gao Bo (Bo Huang), un collega di Xu Lang un tempo suo miglior amico ma ora acceso rivale d'affari.Vero e proprio caso dell'anno sul mercato cinese, Lost in Thailand è il film che ha incassato in patria più di qualsiasi altro film della cinematografia nazionale. La pellicola, seguito spirituale di Lost in Journey uscito due anni prima, diretta da Xu Zheng (anche interprete di uno dei tre protagonisti) arriva ora in anteprima italiana al Far East Film Festival di Udine, pronta sicuramente a riscuotere numerosi apprezzamenti dagli asianofili. Merito di un cast che vede nei panni delle tre figure principali altrettanti volti storici della commedia cinese.

Persi... in Thailandia

Un road movie in chiave comico-farsesca in grado di contagiare con la sua spontanea e fresca simpatia, fatta di gag divertenti e dialoghi ispirati. Niente di così originale, visto che molti spunti e situazioni sono riciclate dai topoi del genere, ma Lost in Thailand ha qualcosa che non tutte le pellicole del filone possono vantare: un trio di protagonisti in splendida forma e perfetto affiatamento. Assistere ai loro battibecchi, ai loro litigi e alle loro scorribande per poter giungere per primi all'agognato incontro con lo chief in commander della ditta, mette immediatamente di buon umore, grazie soprattutto alla convincente caratterizzazione dei personaggi, in primis l'ingenuo combina-guai Wang Bao, meno stupido di come appaia in un primo momento nonché esperto di un dozzinale, e buffissimo, kung-fu (e da qui una delle scene più spettacol-ilari del film nei minuti finali). Belli anche gli scorsi paesaggistici che ci dimostrano diversi volti, culturali e non, di un paese come la Thailandia, che è comunque relegata a un semplice sfondo naturale per il viaggio di questi improbabili avventurieri last-minute. E così, tra giri a dorso d'elefante, festival acquatici e sfortunati incontri con serpenti velenosi nelle folte foreste thailandesi, Lost in Thailand offre anche alcuni semplici ma non disdicevoli spunti di riflessione, in cui ciascuno dei condendenti comprenderà qualcosa in più della propria vita e sarà forse pronto ad appianare per sempre i problemi del passato. Lieto fine, as usual, garantito, con tanto di special guest da parte della bellissima Fan Bingbing (Buddha Mountain, Shaolin, Iron Man 3) nei panni di se stessa.

Lost in Thailand Pur proponendo un plot e un'evoluzione non originalissimi, Lost in Thailand compie il suo dovere di intrattenimento con gradevole freschezza, impreziosito da un trio di protagonisti (tra i volti comici più famosi del panorama cinese) in grandissima forma. Un road movie che diverte, a tratti irresistibilmente, e che grazie a dialoghi ispirati e gag piacevoli, totalmente prive di volgarità, si dimostra una commedia adatta ad ogni tipo ed età di pubblico.

7

Quanto attendi: Lost in Thailand

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd