ROMA 2016

La Verità Negata - Denial, l'Olocausto in aula

Alla Festa del Cinema di Roma 2016 è stato proiettato il film con Rachel Weisz e Tom Wilkinson sul potere del silenzio.

recensione La Verità Negata - Denial, l'Olocausto in aula
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Durante la Festa del Cinema di Roma 2014 The Judge fu il legal movie che aprì le danze; al quinto giorno di quest'edizione tocca a La Verità Negata - Denialdi Mick Jackson (The Bodyguard) portare sul grande schermo un altro processo, stavolta storico ed estremamente legato alla memoria occidentale. Ancora una volta l'Olocausto, tema sviscerato e cinematograficizzato sotto quasi ogni aspetto negli anni: il libro di Deborah Lipstadt "Denying the Holocaust: The Growing Assault on Truth and Memory" è il protagonista della battaglia legale tra la stessa autrice, interpretata da Rachel Weisz, e David Irving, autore britannico che citò la stessa per diffamazione nel 1996, sostenendo che lo sterminio non fosse mai avvenuto per volontà di Hitler. Due ore tra le arringhe in aula e un viaggio nelle pagine che marchiarono di nero l'Europa tra il '38 e il '45.


La Verità Negata - Denial mira in qualche modo ad una (giustificata) santificazione alla professoressa americana, e fonda la sua ragione d'essere nello svisceramento di una sempre verde dicotomia. Nel processo di auto-immolazione per la controversia accademica del momento si può essere fieri protagonisti senza passare per salotti televisivi, in cui la propria opinione deve essere urlata, sbandierata e filtrata dalle proprie corde emotive? La Lipstadt affronta il suo processo in silenzio, composta. E il film diventa così un elegante tentativo di lasciar da parte i sentimentalismi che influenzano molti quando la parola olocausto diventa oggetto di discussione tra storici in poltrona o alla cena con i parenti. La tentazione di puntellare la storia con parentesi sulla sofferenza e l'orrore sembra però un imperativo, Jackson non è riuscito a tirarsi indietro e le sequenze del viaggio ad Auschwitz o le lunghe pause che danno parola ai sopravvissuti, stonano nell'atmosfera che cerca di mantenere l'oggettività nella narrazione storica.

Non fu un Olo-gramma

Nonostante sia la protagonista su carta e nonostante l'ampio minutaggio che le è stato riservato, Rachel Weisz non si è imposta come leader dell'opera. Mentre un abbattuto e smunto Timothy Spall si erge nel cast come perfetto antagonista, cieco nelle sue convinzioni, con sguardo vacuo e una retorica magistrale. Il contrappeso sulla bilancia della giustizia è Tom Wilkinson (presente sul grande schermo al Festival di Roma anche con Snowden di Oliver Stone) nelle vesti di Richard Rampton, a capo del gruppo di avvocati che si imbarcò nell'apparentemente facile impresa di provare che l'olocausto non era un'invenzione.

Denial Discretamente diretta e realizzata La Verità Negata è un’opera informativa dalle sfumature storiche interessanti che lascia da parte la componente cinematografica. Anche in questo, probabilmente, Mick Jackson ha voluto rispettare un profilo poco spettacolare.

6

Quanto attendi: Denial

Hype
Hype totali: 1
70%
nd