Recensione L'allenatore nel pallone

Lino Banfi è Oronzo Canà nel cult anni '80 di Sergio Martino

recensione L'allenatore nel pallone
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Il calcio, in Italia, per alcuni è quasi una religione, ed è quindi naturale che ad esso venga dedicato ampio spazio nella filmografia nostrana, e non solo tramite documentari, anzi: il metodo prediletto sembrerebbe essere la commedia, come dimostra il più noto esponente del genere, quel L'allenatore nel pallone con protagonista Lino Banfi che nel 1984 divenne un piccolo cult.
Nel film Banfi veste i panni dello scapestrato Oronzo Canà, allenatore di calcio dalle grandi pretese ma dagli scarsi risultati che si ritrova, quasi per caso, catapultato nell'ambiente della Serie A a guidare la Longobarda, scalcinata squadra che, a dispetto dei grandi proclami del suo Presidente, il Commendatore Borlotti, ha davvero pochi assi nella manica e una rosa di giocatori alquanto scarsa. Canà, tra rocamboleschi allenamenti ed equivoci a non finire, approderà infine in Brasile per trovare un asso da schierare in campo e poter affermarsi fra i grandi del calcio mondiale...

Mara... Canà

Sergio Martino, che all'epoca del film aveva già una carriera costellata di numerose pellicole dei più disparati generi, recupera alcuni dei suoi attori di grido nel genere commedia quali il già citato Banfi e l'inseparabile duo Gigi Sammarchi e Andrea Roncato per regalare al pubblico una commedia figlia diretta di quegli anni che, al giorno d'oggi, più che far ridere forse fa sorridere, ma rimane comunque genuina pur nella sua messa in scena alla buona. La comicità è quella tipica del Banfi d'annata, buffa, un po' sboccata e ignorantella, ma l'ingenuità del personaggio di Canà è un tratto riuscito e alcune battute sono oramai diventate citazioni... inoltre, fattore di grande interesse per il pubblico dell'epoca era la numerosa presenza non solo di riferimenti a personaggi celebri del mondo del calcio dei primi anni '80 (Nils Liedholm, Platini, Maradona, Rumenigge) ma anche di divertenti camei di Graziani, Ancelotti, Zico, Galeazzi, Biscardi e molti altri.

L'allenatore nel pallone Accompagnato dalle note degli Oliver Onions, nel 1984 Lino Banfi interpreta uno dei suoi personaggi più iconici e indimenticabili (tanto da aver generato poi un tardivo seguito nel 2008 sempre diretto da Martino) che ancora oggi viene ricordato con affetto dai fan dell'attore pugliese e del calcio “che fu”. Certo, l'umorismo è a grana grossa, ma l'effetto nostalgia -anzi: la saudade- per un certo tipo di cinema è duro a morire.

6

Quanto attendi: L'allenatore nel pallone

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 1
90%
nd