Kiss of the Dragon, la recensione del film con Jet Li scritto da Luc Besson

Un agente dell'intelligente cinese in missione a Parigi viene incastrato da un detective locale in Kiss of the Dragon, action-movie scritto da Luc Besson.

recensione Kiss of the Dragon, la recensione del film con Jet Li scritto da Luc Besson
Articolo a cura di

Liu Jiuan, considerato uno dei migliori agenti dell'intelligence cinese, viene inviato a Parigi per collaborare con le forze di polizia locali, guidate dall'ispettore Jean-Pierre Richard, con l'obiettivo di incastrare il boss della droga conosciuto come Mr. Big. L'operazione però non va per il verso giusto poiché Richard si rivela corrotto, uccidendo una prostituta e lo stesso gangster e dando la colpa dell'accaduto proprio a Liu, ora costretto in fuga in un Paese straniero a lottare per provare la sua innocenza. Un filmato di quanto realmente avvenuto nella stanza d'albergo potrebbe scagionarlo e con l'aiuto di una giovane donna americana, costretta a vendere il proprio corpo sotto ricatto proprio di Richard, l'uomo darà il via ad una vera e propria battaglia senza esclusione di colpi per ottenere giustizia.

Dalla Cina con furore

Scritto e prodotto da Luc Besson e con protagonista la star marziale Jet Li, ai tempi da poco sbarcato anche in produzioni occidentali: cosa chiedere di più ad un action-movie di genere? In Kiss of the Dragon si respira un'atmosfera costantemente sospesa tra i tipici titoli del filone transalpino e quelli di matrice hongkonghese in un equilibrio solido e costante che rende più che avvincenti i cento minuti di visione, in un vero e proprio vortice d'azione a mani nude e con armi da fuoco che trova nell'atletismo della popolare star cinese il vero e proprio punto di forza. Sequenze cult, su tutte quella del calcio volante alla palla da biliardo o la resa dei conti finale (da cui si spiega anche il titolo) con l'utilizzo dell'agopuntura, caratterizzano così un film dalla narrazione abbastanza classica, con tanto di platonica love-story in sottofondo, che riesce comunque ad intrattenere con gusto senza momenti di stanca, merito anche di una più che buona varietà ambientale (dall'albergo iniziale al battello, dall'orfanotrofio alla sede della polizia francese), di nemici all'altezza della situazione nella loro marcata caratterizzazione (in primis i due gemelli platino) e di una violenza sanguigna che ben si adatta all'adrenalina della vicenda. Un villain spietato quale il grande Tchéky Karyo, una femme fatale "vittima" con la bellezza di Bridget Fonda e un cast di contorno popolato dalle facce giuste donano ulteriore personalità ai diversi personaggi in gioco, e l'accattivante colonna sonora, tra pezzi strumentali ad hoc e canzoni "cool" usate con la giusta aderenza, fanno da efficace contorno al one-man show di un Li come sempre coreograficamente impeccabile.

Kiss of the Dragon Esperto di arti marziali e di agopuntura, Jet Li è un agente dell'intelligence cinese che, in missione a Parigi, viene incastrato da un corrotto detective locale e costretto alla fuga per provare la sua innocenza. Kiss of the Dragon è un action-movie figlio della scuola di Luc Besson, produttore e autore della sceneggiatura (basata su una storia dello stesso Li), e per cento minuti regala sequenze avvincenti in serie, da estenuanti combattimenti ottimamente coreografati a sparatorie all'ultimo proiettile fino a frenetici inseguimenti nei luoghi simbolo della città dell'amore, trovando anche spazio per caratterizzare più che discretamente i passaggi chiave di una vicenda dal sapore classico e i rispettivi personaggi principali.

7

Che voto dai a: Kiss of the Dragon

Media Voto Utenti
Voti: 7
6.9
nd