Jarhead 3 - Sotto assedio, la recensione del film con Scott Adkins

Un giovane caporale dei Marine trasferito in una sede diplomatica nel Medio Oriente si trova ad affrontare l'attacco di un gruppo di terroristi locali.

recensione Jarhead 3 - Sotto assedio, la recensione del film con Scott Adkins
Articolo a cura di

Evan Albright, giovane caporale dei Marine, si è offerto volontario per andare a servire in una sede diplomatica nel Medio Oriente: il suo scopo è quello di mettersi alla prova in un territorio così difficile e dimostrare di essere il migliore. Il suo desiderio di emergere cozza però con lo spirito di squadra da tenere in determinati contesti e gli attira l'antipatia del sergente Gunny Raines, il quale non esita a riprenderlo in più occasioni. Evan ritiene che uno dei cameraman della troupe di Al-Jaazera che sosta spesso al di fuori della struttura sia un terrorista ricercato e lo fa presente all'ambasciatore in loco, ma i suoi sospetti vengono presi sotto gamba per poi rivelarsi in realtà fondati. In Jarhead 3 - Sotto assedio i militari si troveranno ben presto ad affrontare forze ostili in gran numero e potranno fare affidamento solo sul loro coraggio per mettere in salvo la pelle e proteggere l'importante uomo diplomatico in attesa dei soccorsi.

Dentro la guerra

Sam Mendes oltre dieci anni fa diresse un atipico film di guerra, che univa istinti comici e drammatici indagando sulla psiche di un soldato, con protagonista Jack Gyllenhaal. Il buon successo di critica e di pubblico ha dato il via a un franchise, confinato già dal secondo episodio al reparto domestico, che trova nel qui oggetto di critica Jardhead 3 - Sotto assedio l'ultimo esponente a oggi. Come per il predecessore, è un film a sé stante che mantiene solo le tematiche e l'ambientazione dell'originale, con il Medio Oriente quale luogo di crescita di un giovane soldato pronto a tutto pur di dimostrare di essere il migliore. Se la prima parte si limita a presentarci il contesto e i numerosi personaggi secondari, con la crescita sia dell'ostilità dei superiori che di quel senso di cameratismo tipico dei commilitoni, la seconda ingrana su una messa in scena action da puro e grintoso b-movie, con i marine costretti a difendersi dall'assalto di un folto gruppo di terroristi. Nell'anima introspettiva l'operazione si rivela troppo derivativa e superficiale per creare personaggi degni di nota, anche se quando si scatenano gli istinti di genere il divertimento non manca di certo, tra ambientazioni chiuse e scene in campo aperto gestite con mano sicura dal regista William Kaufman, abile nel sopperire ai limiti di budget con un'oculata gestione degli spazi filmici. Tra citazioni all'universo videoludico (i Nostri trascorrono il tempo libero con il joypad in mano) e frasi fatte messe loro in bocca, il cast si adegua senza infamia e senza lode agli stereotipati personaggi, con tanto di Scott Adkins a vestire il ruolo del rude e carismatico sergente.

Jarhead 3 - Sotto assedio Terzo capitolo, direct-to-video, del franchise inaugurato nel 2005 da Sam Mendes con un film di ben altre ambizioni e risultati, Jarhead 3 - Sotto assedio soffre di una costruzione narrativa gratuita e stereotipata nella prima metà, con caratterizzazioni marcate dei personaggi e delle relative dinamiche di un ambiente militare, ma si rifà nella seconda grazie a un'estetica action essenziale ma avvincente, con un vero e proprio crescendo "bellico" tra sparatorie ed esplosioni in serie abile nel sopperire ai limiti di un budget non certo da grossa produzione. Il film andrà in onda stasera, martedì 29 maggio, alle 23.40 su RETE4 in prima visione TV.

6

Che voto dai a: Jarhead 3 - Sotto assedio

Media Voto Utenti
Voti: 3
3.7
nd