Into the Forest, due sorelle e un mondo al collasso Recensione

In Into the Forest due sorelle cercano di sopravvivere nella loro casa isolata nei boschi dopo un black-out elettrico mondiale.

recensione Into the Forest, due sorelle e un mondo al collasso
Articolo a cura di

Il filone post-apocalittico non è certo restio nel raccontarci di tempi prossimi a venire in cui uno o più eventi contribuiscono alla fine della civiltà per come oggi la conosciamo e la situazione-tipo in cui ogni sistema energetico del pianeta è in blackout per motivi ignoti è una delle vie narrative più in voga negli ultimi anni. Anche il qui recente Into the Forest si basa su questa elementare plot-line adattando l'omonimo romanzo pubblicato nel 1996 da Jean Hegland e optando per uno sguardo d'insieme tutto al femminile: le due protagoniste infatti sono le giovani sorelle Nell ed Eva che, in un imminente futuro, rimangono vittima come tutta la popolazione mondiale di un'improvvisa mancanza di elettricità, catastrofe energetica per la quale non sembra trovarsi soluzione. Le due ragazze vivono in una casa isolata nella foresta con il padre vedovo fino a quando anche il genitore non perde la vita per un banale incidente; impossibilitate a comunicare con il mondo esterno e a corto di carburante per raggiungere il più vicino luogo abitato, Nell ed Eva dovranno ingegnarsi per sopravvivere potendo contare soltanto l'una sull'altra.

Alla ricerca della luce

Lontana da qualsiasi spettacolarizzazione di sorta, Into the Forest è un'opera intima che fa del suo insistente minimalismo il miglior mezzo per raccontarci una storia di struggente umanità, delineando con lo scorrere del tempo filmico il rapporto sempre più profondo tra le due sorelle, assolute protagoniste della vicenda. Un film che affascina per le sue atmosfere dolcemente malinconiche che, dopo una prima parte più leggera, non esitano a sfociare in un tesissimo crescendo drammatico che ci offre anche passaggi più crudi e crudeli nella personale Apocalisse vissuta dalle ragazze che, nonostante qualche screzio e battibecco, si trovano a farsi forza a vicenda anche dopo eventi difficilmente superabili. La regista Patricia Rozema si dimostra abile nell'evitare cadute nel mero patetismo retorico, dando vita ad una storia in cui le emozioni lasciano il segno tra slanci di ottimismo e momenti difficili in cui il mondo esterno e chi vi proviene può rappresentare sia un'ancora di salvezza che un potenziale pericolo per la loro incolumità: i cento minuti di visione, sorretti da un magnetismo stilistico che si esalta in sequenze visivamente suggestive, scorrono con un'intensità a tratti straziante nella gestione del rapporto tra le consanguinee il cui legame si rivela sempre più indissolubile col passare dei minuti, conducendo infine ad un epilogo dolce-amaro in cui comunque si intravedono spiragli di salvezza. L'incipit fantascientifico è qui semplice espediente per raccontare Altro e toccare le corde più profonde dell'animo, impresa riuscita pienamente grazie all'avvolgente colonna sonora e alla magnifica alchimia creatasi tra le due interpreti: le belle Ellen Page ed Evan Rachel Wood sono qui davvero straordinarie.

Into the Forest Le intensissime e credibili Ellen Page ed Evan Rachel Wood sono le assolute protagoniste di Into the Forest, dramma post-apocalittico incentrato sul rapporto tra due sorelle rimaste al di fuori del mondo dopo un permanente black-out energetico globale. Un'opera intrisa da pagine di empatica tenerezza nella gestione del rapporto tra le due giovani donne, costrette ad affrontare i propri demoni interiori prima e traumi ben più violenti dopo, in una progressione degli eventi in cui solo il loro stretto legame è in grado di garantire una vibrante lotta per la sopravvivenza. Cento minuti in cui dolce e amaro si mescolano con mirabile equilibrio, consegnando al pubblico una perfetta e mai gratuita macchina di emozioni.

7.5

Quanto attendi: Into the Forest

Hype
Hype totali: 3
77%
nd