Recensione Il magico Natale di Rupert

Un fantasy 'all'italiana' che merita di uscire dal limbo

Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

“Abbiamo fortemente voluto proporre nel nostro circuito di sale un caso unico nel panorama del cinema italiano, come Il magico Natale di Rupert, benché già uscito nelle sale cinematografiche tradizionali nel 2004. Quella di Rupert e del suo regista Flavio Moretti, è la storia di tanto cinema italiano coraggioso e necessario, troppo spesso schiacciato dalle solite logiche di mercato che tendono a penalizzare chi propone “qualcosa di nuovo”. Noi non vogliamo arrenderci a questo stato delle cose, convinti che il film meritasse, e meriti ancora oggi, miglior fortuna. Non è un’opera che può essere banalmente ignorata...”
Questo il messaggio che Daniele Silipo di Distribuzione Indipendente vuole dare al pubblico e al mercato cinematografico, oggi più che mai impegnato nella corsa al prodotto redditizio e poco disponibile a dar spazio a prodotti originali e meritevoli, spesso prodotti con cura ma poi abbandonati ad una distribuzione saltuaria e difficile, che non premia le idee e gli sforzi dei suoi realizzatori. È questo il caso de Il magico Natale di Rupert, film di genere fantastico interamente realizzato in Italia con un occhio di riguardo verso prodotti analoghi d'oltreoceano, uscito in sordina nel 2004 e come tanti finito in un immeritato limbo.

Magic Christmas

È la vigilia di Natale e come ogni anno Rupert, un pacioccoso quindicenne le cui occupazioni favorite sono guardare la tv e mangiare merendine, viene 'parcheggiato' dai genitori presso la nonna, così da assicurare ai due qualche giorno di tranquillità. Il ragazzo, tutt'altro che contento visto che già sa che dovrà sottostare ai rigidi dettami della nonna, decide di fare buon viso a cattivo gioco e parte all'esplorazione della soffitta, dove sono conservate, tra le altre cose, le invenzioni di un bislacco amico di suo nonno. Tra queste, vi sono un particolare paio di occhiali 3D che trasportano nel mondo reale i personaggi dei fumetti, e una bizzarra lampada, che si rivelerà essere, in realtà, un trasmettitore intergalattico...

Fantasy all'italiana

Il film di Flavio Moretti spiazza a più livelli. L'estetica richiama alla mente a più riprese quella di Tim Burton, Joe Dante e Chris Columbus, in un mélange visivamente molto ricco e che fa un po' anni '90, sebbene la storia non abbia una collocazione spazio-temporale definita, anzi. Si gioca molto col fantastico, genere praticamente scomparso dalla cinematografia italiana ma che, in rare occasioni come questa, sa dare il meglio di sé. Pur con gli esigui mezzi a disposizione di una produzione italiana di genere nel 2004, Moretti realizza un cinefumetto divertente e curiosissimo, ricco di citazioni cinefile e riferimenti a una filmografia per ragazzi apparentemente scomparsa dietro trame sempre più complesse ed effetti speciali sempre più ridondanti. La storia che vede protagonista Rupert è una fiaba post-moderna gradevole e ricca di inventiva, graziata da alcune idee interessanti e da un paio di interpreti particolarmente azzeccati (su tutti la vigorosa nonnina, portata su schermo da una adorabile Piera Cravignani). Certo, bisogna essere preparati ad un prodotto a tratti televisivo, assolutamente sopra le righe e strabordante di situazioni assurde: ma chi è cresciuto con le opere americane di genere degli anni '80/'90 non potrà che apprezzare questa piccola perla italiana. Resta da vedere come i ragazzini d'oggi, abituati a ben altre cose -nel bene e nel male- possono reagire ad un prodotto simile, ma noi l'abbiamo trovato delizioso.

Il magico Natale di Rupert Distribuito nel circuito di Distribuzione Indipendente nell'attuale periodo festivo per visioni a carattere gratuito, Il magico Natale di Rupert è un film consigliatissimo per passare un paio d'ore spensierate a riscoprire un genere oramai praticamente scomparso nel nostro cinema ma che pure avrebbe tanto da dire. Un'opera imperfetta, non alla pari coi tempi, forse, ricca però di umorismo, autoironia e con dei co-protagonisti (le buffissime e bellicose creaturine aliene dette Drauni) che siamo sicuri farebbero la felicità di Spielberg.

Che voto dai a: Il magico Natale di Rupert

Media Voto Utenti
Voti: 6
5.3
nd