I am a Hero, il live action dell'omonimo manga Recensione

Un aspirante disegnatore si trova nel bel mezzo di un'epidemia zombie in I am a Hero, avvincente adattamento dell'omonimo manga di Kengo Hanazawa.

recensione I am a Hero, il live action dell'omonimo manga
Articolo a cura di

Se gli zombie-movie d'Oriente non hanno mai ottenuto molto riscontro al di fuori dei confini nazionali, esclusa qualche follia "scult", questi ultimi mesi sembrano aver cambiato radicalmente le carte in tavola: basti pensare solo alla scena sud-coreana che negli ultimi mesi ci ha regalato due grandi titoli come Train to Busan (2016) e The Wailing (2016). In questo revival dei non-morti dagli occhi a mandorla non poteva naturalmente mancare il Giappone, dove ad aprile ha fatto la sua uscita nelle sale I am a Hero, adattamento live-action dell'omonimo manga di Kengo Hanazawa (distribuito anche in Italia). In questa trasposizione del fumetto seguiamo la storia di Hideo, aiutante di un famoso disegnatore che sogna di dare alle stampe la sua opera prima; ogni suo progetto viene purtroppo rifiutato, portandolo a trovarsi in serie difficoltà economiche e a litigare con la compagna di una vita. Un giorno però tutto cambia radicalmente quando un misterioso virus comincia a diffondersi nell'intero Paese, trasformando la maggior parte delle persone in famelici zombie. Neanche la fidanzata di Hideo scampa all'epidemia e il nostro si ritrova a fuggire in compagnia di una giovane liceale destinazione monte Fuji, dove gli ultimi dispacci giornalistici sostenevano che il contagio non avesse effetto sulla popolazione.

Eroe per caso

La parabola dell'uomo comune pronto a improvvisarsi eroe della situazione caratterizza le due ore di visione di I am a Hero, avvincente zombie movie sempre in bilico tra una verve ironica tipicamente nipponica e sani e violenti istinti di genere. Dopo un inizio introduttivo nel quale veniamo a conoscenza della complessa personalità del protagonista, uomo incapace di reagire alle ingiustizie della vita, da quando ha luogo il diffondersi dell'epidemia il film subisce un crescendo di ritmo e tensivo divertimento nei molteplici assalti da parte dei novelli infetti, realizzati con un ottimo mix di trucco ed effetti speciali computerizzati capaci di dar vita a morti viventi sempre diversi, dal lottatore di sumo al campione di salto in alto, che si rendono protagonisti di alcune delle scene clou. La narrazione, che segue abbastanza fedelmente l'opera originaria, si appoggia a molti dei luoghi comuni del genere, con tanto di rifugio organizzato dai superstiti dove avranno poi luogo lotte per la supremazia tra gli stessi sopravvissuti e centro commerciale da depredare per le provviste, ma ha qualche elemento di originalità nella gestione del personaggio di Hiromi, studentessa che pur infetta è parzialmente riuscita a fermare il processo di trasformazione. Il sangue scorre copioso in un'apoteosi d'azione avvincente che sfrutta un ottimo look splatter oriented flirtante con un più solido realismo, evitando scene eccessivamente crude ma dando vita ad un paio di roboanti carneficine (pre-finale in primis), con tanto di massacro accompagnato dalle note di un valzer pompate a tutto volume dagli altoparlanti. I am a Hero si rivela quindi un'operazione estremamente godibile che trova il perfetto equilibrio tra dramma, comicità e gustosi slanci emoglobinici tipici del filone.

I Am a Hero Il cinema d'Oriente come nuovo paradiso per gli zombie-movie? Presto a dirsi ma è indubbio che alcuni dei titoli di genere più interessanti degli ultimi tempi provengano dai lidi asiatici. I am a Hero, esponente giapponese, è l'ennesima riuscita produzione dell'anno in corso, divertente e avvincente adattamento dell'omonimo manga di Kengo Hanazawa diretto da quel Shinsuke Sato che già ci aveva regalato il dittico live action di Gantz. Una narrazione che cresce col passare dei minuti, tra momenti più drammatici ed altri più ironici, ci trasporta nel bel mezzo di una misteriosa epidemia che ha colpito il Giappone trasformando gli infetti in inarrestabili morti viventi; un disegnatore di manga e una giovane studentessa dovranno cercare di sopravvivere in due ore di visione dove una sana violenza di genere, pur smussata da efficaci contaminazioni splatter, si ibrida con il giusto peso alle diverse anime del racconto.

7.5

Quanto attendi: I Am a Hero

Hype
Hype totali: 4
75%
nd