High Society - Quando gli opposti si attraggono, recensione della rom-com

Dalla Germania una commedia romantica che aggiorna l'archetipo de Il principe e il povero a uso e consumo delle nuove generazioni.

High Society - Quando gli opposti si attraggono, recensione della rom-com
Articolo a cura di

La giovane e bella Anabel von Schlacht è cresciuta nel lusso in una famiglia dell'alta società. Il padre è in coma da tempo e la madre - filantropa per hobby e non per ideali - l'ha sempre riempita di attenzioni. Un giorno tutto cambia quando si scopre che nell'ospedale dove è nata e ha trascorso i primi giorni, per via dell'errore di due infermiere, è stata scambiata con la bambina che le era affianco.
Anabel scopre di essere la figlia di Carmen, una cassiera di povere origini che abita in una zona di periferia, e di avere un fratello e una sorellina di sangue. Nel frattempo la vera erede dei von Schlacht, Aura, viene accolta dalla madre naturale in maniera entusiasta e finisce per prendere il posto di Anabel. Quest'ultima, delusa e scoraggiata, decide di trasferirsi da Carmen e di provare per la prima volta nella sua vita a "guadagnarsi la pagnotta".

Dalle stelle alle stalle

Come ci ha insegnato un grande classico quale Una poltrona per due (1983), moderna rivisitazione de Il principe e il povero di Mark Twain, lo scambio tra due personaggi agli antipodi possiede intrinsecamente tutte le carte in regola per funzionare sul grande schermo.
Certo, a patto di avere qualcosa da dire che sfrutti la base narrativa in ottica o leggera o più intimamente sociale. High Society - Quando gli opposti si attraggono si inserisce di peso nella prima categoria, qui declinata nelle vesti di commedia romantica tipica del nuovo millennio.
I novanta minuti di visione seguono uno schema basilare che affronta, evento dopo evento, tutte le situazioni cardine del filone: dal trauma dell'abituarsi a una vita "normale" alla riscoperta delle cose realmente importanti fino all'ovvio sottotesto romantico, il film procede per inerzia senza troppi scossoni di sorta.

Gruppo di famiglie in un interno

Bando all'originalità quindi, e via a una lunga sequela di gag e battute che si susseguono senza sosta.
Il racconto è qui osservato esclusivamente dall'ottica di Anabel, effettiva protagonista, e quindi un solo punto di vista e la marcata caratterizzazione delle figure comprimarie cancella sin da subito qualsiasi sussulto introspettivo di sorta.
La comicità a tratti funziona, merito soprattutto della simpatia della bella e pimpante Emilia Schüle, ma l'eccessiva frivolezza rischia di trasformare storia e personaggi in una visione caricaturale che si dimentica in fretta.
High Society - Quando gli opposti si attraggono non aveva certo altre ambizioni, ma l'insistenza con cui viene sottolineata la differenza tra le classi sociali - i ricchi snob e altezzosi, i poveri paranoici e pronti a lottare per qualsiasi causa - trasforma l'insieme in una sorta di lunga barzelletta senza capo né coda, con tanto di prevedibile e rocambolesco happy ending a suggellare definitivamente l'esilità del tutto.

High Society - Quando gli opposti si attraggono L'eterna e complementare antitesi tra ricchi e poveri, tornata alla ribalta dopo l'exploit del Parasite (2019) pigliatutto, viene qui riaggiornata nella forma di una commedia romantica rivolta principalmente a un target adolescenziale. La benestante protagonista scopre di non essere la figlia naturale dei suoi genitori e da quel giorno si trova a lottare contro l'ipocrisia della sua classe sociale e a dover ritrovare il proprio posto nel mondo. High Society - Quando gli opposti si attraggono non racconta nulla di effettivamente nuovo e una manciata di gag e battute che funzionano non bastano a reggere il peso dei novanta e rotti minuti di visione, comunque illuminati dalla contagiosa simpatia della protagonista Emilia Schüle. Il film andrà in onda mercoledì 19 agosto alle 21.20 su RAI2 in prima visione TV.

5

Che voto dai a: High Society - Quando gli opposti si attraggono

Media Voto Utenti
Voti: 2
5.5
nd