Freaky, la recensione dello slasher con Vince Vaughn

Il regista di Auguri per la tua morte firma un'altra ispirata horror/comedy a sfondo fantastico, con protagonista uno straordinario Vince Vaughn.

Freaky, la recensione dello slasher con Vince Vaughn
Articolo a cura di

La diciassettenne Millie Kessler non sta vivendo un'adolescenza propriamente facile e dopo la morte del padre un anno prima si sente oppressa dalla madre, segnata dalla tragedia, ed è spesso in contrasto con la sorella maggiore, agente della polizia locale.
La situazione tra i banchi di scuola non è migliore, in quanto è vittima di prese in giro da parte delle bulle dell'istituto e non riesce a rivelare i propri sentimenti al ragazzo che le piace. Nel frattempo la comunità è scossa da un'inquietante scia di omicidi: quella che era inizialmente considerata una leggenda urbana, si è manifestata nella spietata figura del killer mascherato conosciuto come il Macellaio.
Una sera, dopo aver assistito a una partita di football, Millie resta da sola e viene aggredita proprio dal misterioso assassino. Questi la colpisce con un pugnale dai poteri magici e il giorno dopo i due, entrambi sopravvissuti alla notte e senza ricordo di quanto accaduto dopo il tentativo di omicidio, si risvegliano l'uno nel corpo dell'altra.
Millie farà di tutto per cercare di tornare in possesso di "se stessa", ma i soli a credergli - non senza paurose titubanze - sono i suoi due migliori amici, mentre tutti gli altri, accusati dalla falsa Millie, lo/la ritengono il crudele killer. Che ora, potendo agire in incognito sotto le sembianze di una ragazzina innocente, è libero di compiere una vera e propria mattanza senza destar sospetti.

Quel pazzo venerdì horror

Arriva finalmente in Italia, sbarcando direttamente in sala, questa divertente commedia slasher diretta nel 2020 dallo specialista Christopher Landon, colui che in tempi recenti ci aveva regalato l'irresistibile dittico in loop temporale di Auguri per la tua morte.
Toni e atmosfere sono infatti molto simili, tanto che in molti si sono chiesti se i due film non siano ambientati in un medesimo mondo narrativo: un'idea non esclusa dal regista e che potrebbe regalare ulteriori sorprese in uno scoppiettante crossover.
Ma andiamo con ordine e parliamo di questo Freaky, che riprende un tema caro a tanto cinema di genere come quello dello scambio di corpi/identità.
Il plot alla base sul quale l'intero universo si basa è il romanzo di inizio anni '70, ossia A ciascuno il suo corpo, poi trasposto su grande schermo con dinamiche sempre diverse. In questo caso tocca all'horror, e l'idea di vedere l'alternanza dei ruoli tra un crudele serial killer psicopatico e una timida liceale è di quelle vincenti.

Un divertimento senza freni

Dal punto di vista della violenza splatter, mai eccessiva ma sempre giocosa, il meglio è racchiuso nel prologo, con diverse uccisioni macabre e originali al punto giusto: da bottiglie di vino a racchette da tennis, l'armamentario del villain offre esecuzioni di sano gusto emoglobinico.
Quando avviene l'evento clou Freaky non perde comunque in ritmo e dopo una brevissima fase di stasi, atta a permettere ai rispettivi personaggi di addentrarsi nelle loro nuove, inedite, realtà, il divertimento cresce progressivamente.
A segnare indelebilmente i cento minuti di visione sono, oltre alla regia dinamica e scattante di un Landon che perfeziona ed evolve ulteriormente uno stile ormai consolidato, le interpretazioni dei due protagonisti.
La bionda Kathryn Newton del colorato live action Detective Pikachu (2019) ha forse gioco facile nel vestire per gran parte della vicenda i panni dello spietato assassino, ma alcuni suoi sguardi sono comunque inquietanti al punto giusto.
La vera sorpresa è la mimetica trasformazione di un Vince Vaughn ormai attore a tutto tondo, capace di passare su più registri con assoluta disinvoltura e consapevolezza: la sua vocina femminile e alcune scene equivoche in cui viene coinvolto strappano risate e applausi a scena aperta.

Freaky Di film su scambi di corpi ne abbiamo visti a bizzeffe, ma assistere a quello tra uno spietato serial killer e un'innocente liceale non è roba di tutti i giorni. Freaky adopera un canovaccio risaputo per mettere in scena dinamiche slasher di stampo classico, in un'atmosfera da commedia nera che anche nei suoi momenti più violenti trova comunque quel tocco di genio ironico per risultare piacevolmente amabile. La mano di Christopher Landon si vede tutta: il regista della saga di Auguri per la tua morte continua imperterrito nel suo stile scanzonato e divertente, trovando supporto nelle ottime interpretazioni dei due attori principali, con un Vince Vaughn assolutamente irresistibile quando "posseduto" dalla personalità della timida studentessa.

7.5

Che voto dai a: Freaky

Media Voto Utenti
Voti: 3
8.3
nd