Flora & Ulisse, la recensione del nuovo film Disney+

Lena Kahn dirige questo delizioso adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo per bambini di Kate DiCamillo.

recensione Flora & Ulisse, la recensione del nuovo film Disney+
Articolo a cura di

Flora Buckman è una ragazzina cinica e sveglia di 10 anni che ama i fumetti e i suoi genitori. Il fatto che sia cinica e tanto giovane non le permette di vivere con serenità la sua età, di fantasticare come tutti i suoi coetanei sull'esistenza dei supereroi o anche solo sull'unione familiare. In primis perché i cinici sanno che i supereroi non esistono, e poi perché sua madre e suo padre, Phyllis e George, sono purtroppo separati. La mamma è una scrittrice di romanzi harmony in preda al blocco dell'autrice, mentre il papà è un autore di fumetti fallito che lavora in un centro commerciale.
Nella vita di Flora tutto procede senza particolare luce, senza azione, senza qualcosa che la faccia sentire necessaria, tutto finché un giorno l'aspirapolvere iper-tecnologica della vicina non subisce un guasto e, cercando di fuggire in giardino verso la libertà, non aspira un povero scoiattolo caduto da un albero vicino.

Flora, che stava tentando di acciuffare il robot domestico, salva l'animale con una respirazione bocca a bocca, ma è quello che accade dopo che ha dell'incredibile, dato che proprio lo scoiattolo, che la bambina chiama Ulisse (il nome dell'aspirapolvere), comincia a manifestare dei superpoteri come grande forza, capacità di volare ed estrema velocità. Sì: Ulisse diventa un Super scoiattolo e Flora la sua piccola aiutante.

"Invece di sperare devi osservare"

Flora & Ulisse è l'omonimo adattamento cinematografico del romanzo per bambini di Kate DiCamillo, un bestseller con un messaggio esistenzialista davvero puro e forte. Tutto nasce da un'aspirapolvere e uno scoiattolo, è vero, ma è il contesto e com'è narrato a rendere valido, riuscito e divertente il film di Lana Kahan, che confeziona con questa sua seconda regia un'opera piccola e delicata ma ironica e intelligente proprio come Flora. Non mostra mai il fianco alla superficialità pur essendo di base un film per famiglie con un mood molto anni '10, senza particolari guizzi registici ma un'anima citazionista e un gusto per la semplicità slapstick o body comedy coinvolgente, elettrizzante e senza particolari pretese.
Questo passa prima di tutto dalla sua straordinaria protagonista, interpretata dalla sconosciuta Matilda Lawler in una performance davvero ottimale e divertita che sa catturare dall'inizio alla fine. Il merito è tanto dell'attrice quanto della sceneggiatura non originale di Brad Copeland, cimentatosi in un lavoro sopraffino di adattamento che rispecchia l'anima e la profondità della scrittura della DiCamillo, che parla ai più giovani senza sottostimarne la capacità di raziocinio, mettendoli davanti all'evidenza di un mondo senza supereroi dove la speranza non avrà mai lo stesso valore dell'osservazione.

Il cinismo si batte così: osservando e cogliendo la meraviglia che c'è nel mondo, sia essa uno scoiattolo super dotato (che è l'assurdità oltre la regola) o anche un'alchimia inscalfibile tra due genitori separati che continuano ad amarsi, ma anche una storia a fumetti che vuole venire alla luce ma non trova ancora lo spazio necessario per farlo.

Insieme alla Lawler, nel film troviamo anche Alyson Hannigan di How I Met Your Mother nel ruolo della madre di Flora e Ben Schwartz di Space Force in quelli del padre. Sono due genitori particolari, intrappolati entrambi nei loro mondi fatti d'amore e di supereroi che però non riescono a vedere la luce, bloccati nelle loro menti come sogni che vorrebbero solo realizzarsi.

Entrambi i personaggi sono estremamente sopra le righe e interpretati con leggerezza e competenza dai due caratteristi, che regalano più di una risata. Schwartz si cimenta anche in un balletto liberatorio e molto simpatico sulle note di It's Not Unusual di Tom Jones: cosa chiedergli di più? Niente (o forse sì, ma non qui), esattamente come al film, che si presenta esattamente per quello che poi è, un film che parla di famiglia, amore e fumetti attraverso la storia un po' fiabesca di una cinica bambina e del suo scoiattolo super eroe. E vi assicuriamo: quando attera alla Iron Man, non ce n'è per nessuno.

Flora & Ulisse Flora & Ulisse di Lana Kahn si rivela un divertente e riuscito adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo per bambini di Kate DiCamillo. Racconta la storia di una cinica decenne e del suo scoiattolo con i super poteri per addentrarsi con intelligenza e ironia in un mondo fatto d'amore e di fumetti che ha solo bisogno di trovare la sua luce, lontano da ogni forma di distacco e dispiacere. A volte basta impegnarsi per vivere qualcosa di magico, mentre altre è un pizzico di magia o assurdità a farci vivere un'avventura straordinaria in grado di cambiare per sempre il nostro punto di vista sulle cose. Perché è così che si batte il cinismo, anche senza scoiattolo super potenziato: osservando e impegnandosi al massimo per migliorarsi e godere della meraviglia che c'è nel mondo.

7

Quanto attendi: Flora & Ulisse

Hype
Hype totali: 2
70%
nd