Encanto Recensione: il nuovo Classico Disney infiammerà il vostro Natale

Ritmo, ballo, divertimento e profondità nel sessantesimo Classico dei Walt Disney Studios: Encanto è pronto ad investirvi di musica e colori.

Encanto Recensione: il nuovo Classico Disney infiammerà il vostro Natale
Articolo a cura di

L'Encanto è un luogo ameno, un paradiso terrestre che da svariate generazioni fa da rifugio alla famiglia Madrigal, che ha ricevuto in dono da una forza misteriosa degli incredibili poteri magici. Ma quella del sessantesimo Classico Disney è la storia di Mirabel, una dei più giovani discendenti della casata, che purtroppo non ha ricevuto alcun talento speciale: il nuovo film di Byron Howard, Jared Bush e Charise Castro Smith non è un racconto eroico fatto di superpoteri e abilità incredibili, ma una parabola sui sentimenti e sulla riscoperta dei valori familiari. È in arrivo in sala il prossimo 24 novembre (ma a dicembre Encanto arriva già su Disney+) e, ad embargo scaduto, possiamo finalmente raccontarvi com'è l'emozionante e colorato nuovo lungometraggio dei Walt Disney Studios.

Vi presentiamo la famiglia Madrigal

In un tempo ormai lontano, Alma Madrigal e suo marito insieme ai tre figli neonati erano in fuga dalle persecuzioni, ma l'eroico sacrificio del patriarca innescò un vero e proprio miracolo. Le montagne iniziarono a tremare, poi ad alzarsi, fino a stringere la valle in una piccola gola nascosta e irraggiungibile da chiunque.

In questo luogo, Alma e i pochi sopravvissuti all'attacco poterono finalmente trovare la pace, cullati dal calore di un incantesimo misterioso che consentì ad un edificio di prendere vita. Ebbe così vita l'Encanto, il rifiugio paradisiaco in cui la nuova comunità guidata dai Madrigal poté prosperare ed evolversi. La magia, che aveva iniziato a pervadere l'intero villaggio, si unì al DNA della famiglia Madrigal, e ad ogni bambino nato da quel momento in avanti la Casa fece dono di abilità uniche ed incredibili.

Col passare dei decenni dai Madrigal discese una vera e propria dinastia di portenti: Alma diede alla luce Julieta, Pepa e Bruno, che furono i primi a ricevere il miracolo. Julieta poteva controllare il meteo, Pepa poteva guarire facendo mangiare i suoi manicaretti e Bruno poteva prevedere il futuro. Le generazioni successive videro l'ingresso in famiglia di Isabela, capace di controllare gli esseri floreali, Luisa, dotata di superforza, Dolores, in possesso di un super udito, Camilo, che può trasformarsi a piacimento, il piccolo Antonio, che acquisirà il potere di comunicare con gli animali.

E poi c'è Mirabel, la protagonista: una ragazza a cui purtroppo il destino ha rifiutato il talento, gettando un'ombra su tutta la famiglia Madrigal e sul rapporto tra la giovane e sua nonna, l'inflessibile matriarca. È l'ombra di una profezia, quella di Bruno, il parente in grado di prevedere il futuro che un giorno decise di scomparire dalla vita dei suoi familiari. Mirabel si ritrova così schiacciata dal peso di un oscuro presagio, ma il suo immenso amore per la famiglia la spingerà a rincorrere la verità a tutti i costi: il suo destino sarà quello di salvare o condannare i Madrigal?

Un ottimo Classico Disney

Encanto, ritornando nei canoni rassicuranti di un musical per bambini e famiglie dopo l'esperimento più maturo di Raya e l'ultimo Drago (potete recuperare al seguente link la nostra recensione di Raya e l'ultimo Drago) ci ricorda qual è la forza intramontabile di un classico Disney: la storia di Mirabel è un nuovo racconto di formazione nuovamente focalizzato sui legami familiari, ma stavolta più corale e incentrato sul valore del talento.

Il cammino della protagonista, alla scoperta dei segreti della sua famiglia e delle sue stesse origini, è anche un'interessante e toccante riscrittura della parabola dell'inetto che diventa eroe, facendosi portatrice del destino e dei rapporti di tutta la famiglia Madrigal. Sul piano narrativo e tematico, insomma, Encanto è un film divertente e profondo, che in termini di ambientazione e tematiche si avvicina molto a Coco (a proposito, potreste riscoprire quella melodia magnifica nella nostra recensione di Coco). Pur non replicando la delicatezza e il pathos dell'apprezzato film Pixar, Encanto riesce a comunicare molto bene il suo messaggio, allontanandosi volutamente dai toni più raffinati di Coco per abbracciare una veste più spettacolare e ritmata.

Merito anche di un'impalcatura visiva di tutto rispetto, su cui più di ogni cosa spicca l'incredibile qualità dell'animazione, che riesce nuovamente a superare le vette tecniche già raggiunte con gli ultimi Classici, da Frozen 2 (li sentite i riecheggi della nostra recensione di Frozen 2?) allo stesso Raya. Sono soprattutto le coreografie e le canzoni a scaldare il cuore e a divertire, frutto di una commistione di generi differenti e di un ritmo incalzante che rende Encanto un ottimo musical a stampo Disney, colorato ed esplosivo, ma anche profondo e riflessivo.

Encanto Encanto è un film di animazione divertente e profondo, ritmato e colorato. Un ottimo Classico Disney, che torna a solcare sentieri più sicuri sul piano artistico e tematico, mettendo in piedi un bel musical adatto a bambini e famiglie. La storia di Mirabel è un convincente racconto di formazione, fatto di musiche incalzanti e un'animazione tecnicamente sublime. Preparatevi a passare un Natale al ritmo di atmosfere colombiane, ma anche nel segno di un prezioso messaggio familiare.

7.5

Quanto attendi: Encanto

Hype
Hype totali: 17
59%
nd